Vai al contenuto
mr.alledor

Tinteggiatura senza fattura

Ciao a tutti, aiutatemi! "Tinteggiatura senza fattura", a parte la rima non c'è nulla di bello!

 

Espongo i fatti in modo sintetico:

Anno 2009 - viene approvata in assemblea la tinteggiatura esterna del condominio

Anno 2010 - vengono eseguiti i lavori e mi viene chiesto di pagare quasi 2.000€ in modo separato rispetto alle "classiche" due rate delle spese condominiali. Quindi io ho fatto due bonifici che posso documentare (1a e 2a rata tinteggiatura).

 

Premetto, prima che mi rimproveriate voi, che mi sento responsabile di non aver vigilato e non essermi informato per tempo anche se a causa di problemi familiari che mi tenevano occupato, comunque è un dettaglio, dovevo stare attento nel 2010.

 

Comunque, il lavoro è stato fatto molto male e ora le ringhiere sono tutte da rifare. Allora chiedo che venga esercitata la garanzia che, se non erro, su tali opere è decennale per legge.

 

Scopro mio malgrado che il lavoro è stato fatto in nero!

 

Vi chiedo quindi, cosa posso fare? Non mi va di farmi prendere per i fondelli dall'amministratore e dai quei 2/3 condomini che l'hanno "istigato" a delinquere. Tra l'altro così facendo abbiamo anche perso la detrazione fiscale del 50%!

 

Io ho sbagliato perchè poco attento ma questi l'hanno fatta grossa ed io non voglio tacere!

 

Grazie in anticipo!!

Se la delibera ha approvato la somma compresa la parte in nero e la stessa è compresa nella ripartizione, fai un esposto alla GdF.

L'assemblea ha votato positivamente la tinteggiatura, quindi neanche un preventivo, ma un intenzione.

Quindi il voto è stato: si fa!

 

Poi è uscito un preventivo (non in assemblea, ma sulle scale del condominio) che ho visionato ma non firmato e il lavoro è stato fatto sulla base di quel preventivo. Io ho ritenuto che, avendo votato per il si in assemblea e considerando più o meno giusta la cifra, potessi sorvolare sul modo in cui fosse stato approvato (ripeto, sulle scale con una firma della maggioranza - non la mia).

 

Passino i modi poco ortodossi... ora scopro che è stato fatto completamente in nero!

 

Quindi devo fare una denuncia? E cosa posso trarne? La revoca? Un rimborso?

 

Non voglio soldi (anche se non li rifiuterei), mi interessa che sta gente non faccia quello che vuole con i miei soldi!

 

Grazie

Tornando indietro, ormai hai pagato, sono passati 4 anni, dovresti dimostrare che hai pagato per quel nero, fanno fede i conti approvati (che credo siano senza il nero) e la garanzia non è decennale.

Se siete compatti, andate tutti da quello che proposto 'sta zappa e costringetelo a fare pressioni per una sistemazione.

Se non lo siete, io lo terrei a mò di lezione per la prossima. Penso sia capitato più o meno a tutti. Ma se non ti va giù, non hai paura e sei sicuro sia in nero anche la parte indicata a consuntivo, vai alla GdF.

la garanzia non è decennale ma di due anni ....

 

 

La lettera della norma dell'art. 1669 c.c., è nel senso esposto, laddove, appunto, raccorda il termine "opera" a quello di "edifici o di altre cose immobili, destinate per loro natura a lunga durata", per poi connettere e disciplinare le conseguenze dei vizi costruttivi della medesima opera, così significando che la costruzione di un edificio o di altra cosa immobile, destinata per sua natura a lunga durata, costituisce presupposto e limite di applicazione della responsabilità prevista in capo all'appaltatore.

Ove, dunque, non ricorra la costruzione di un edificio o di altre cose immobili, destinate per loro natura a lunga durata, ma un'opera di mera riparazione o modificazione di preesistenti edifici o di altre preesistenti cose immobili, destinate per loro natura a lunga durata, la norma dell'art. 1669 c.c., non è applicabile, potendo invece trovare applicazione, se ne ricorrono le condizioni, la disciplina sulla responsabilità dell'appaltatore, per difformità e vizi dell'opera, di cui all'art. 1667 c.c..(sentenza sentenza n. 24143 del 10/11/2007)

A mio avviso oltre aver perso le eventuali detrazioni di legge anche con un esposto alla GdF potrebbe sortire in un nulla di fatto ma comunque puoi sempre tentare ma attento: Sanzioni per il datore di lavoro

L’assunzione di lavoratori in nero oggi comporta una maxi sanzione introdotta con il Decreto Legge n. 145 convertito con la Legge n. 9 del 2014.

A far data dal 24 dicembre 2013 tutti i periodi di lavoro in nero, anche quelli iniziati prima di tale data comporteranno a carico del datore di lavoro le seguenti due sanzioni:

Sanzione minima pari a 1.950 euro e sanzione massima di 15.600 euro. A queste sanzioni si aggiungerà una sanzione addizionale pari a 195 euro per ogni giorno di lavoro in nero.

Si constata un incremento del 30% rispetto al sistema prima in vigore.(forexinfo.it)

 

e in questo caso il condominio, datore di lavoro, ha approvato il nero ...

Giusto.

Se gli inquirenti della GdF rilevano infrazioni di natura non tributaria, sono tenuti a darne notizia a chi di competenza. In questo caso l'Ispettorato del lavoro.

Ho capito, grazie ad entrambi.

 

Voglio solo puntualizzare che questa tinteggiatura non rientra in nessun consuntivo approvato. L'amministratore ha mandato una ripartizione della spesa separatamente rispetto alle classiche due rate di spese condominiali.

 

Io ho "solo" fatto il gravissimo ed imperdonabile errore di non verificare e di fidarmi... e di pagare!

 

Sicuramente è stata una grande lezione, ma mi brucia dover pensare (e lasciar passare) che un "professionista" che pago per fare il suo lavoro mi prenda in giro in questo modo! Hanno tinteggiato su un preventivo non approvato in assemblea, hanno scelto il colore senza interpellarmi, ho pagato ed ora scopro che hanno fatto TUTTO in nero e mi tocca anche lasciar passare...

 

Mi sa che sono io il pirla!

 

Ciao, grazie ancora

Ma no, dai, non essere così drastico. Guarda il lato positivo: riuscendo a scorgere inghippi e piccole prepotenze quotidiane non si vive certo meglio. A volte invidio chi non le vede.

 

Se la spesa era su un consuntivo a parte, mi pare di capire che non sia stata verbalizzata l'approvazione. Immagino che tale consuntivo non sia nemmeno firmato.

 

Fai come il cinese sul fiume...

 

Oppure, se proprio non ti va giù, vai comunque alla GdF e se su qualche vecchio verbale risulta della decisione di far fare i lavori, ed è palese siano stati fatti (foto con colore diverso?), c'è un buco sul chi li ha fatti. Puoi chiedere loro se in un caso simile è l'amm.re a dover chiarire chi abbia svolto i lavori. E lì sarebbe proprio come il puff di Fantozzi.

×