Vai al contenuto
mikesps

Ticchettio fastidioso tubi del riscaldamento

Buongiorno a tutti,

da diversi anni , durante il periodo invernale, ogni mattina intorno alle 6 sento un rumore metallico che parte dalle tubature del riscaldamento che si trovano all'interno dell'intercapedine della mia camera da letto.

Questo rumore è un tac-tac costante che dura all'incirca 15/20 minuti, parte leggero e aumenta progressivamente per poi diminuire fino a sparire.

Ovviamente crea un disturbo veramente fastidioso che mi sveglia tutte le mattine e mi mette di cattivo umore.

(ho anche provato a chiudere i miei radiatori per eliminare qualsiasi altra ipotesi e la situazione è rimasta invariata).

 

Ho segnalato la cosa all'amministratore che fa orecchie da mercante..... giusto questa mattina ho registrato questo rumore e gliel'ho spedito via mail e mi ha risposto testuali parole:

 

Gent.mo Sig. XXXXX

ho avuto modo di sentire il rumore. Sia secondo noi che il Sig.XXXXX (conduzione caldaia) sembrerebbe il tipico rumore della dilatazione delle tubazioni con il passaggio di acqua calda.

Il Sig. XXXXX ci ha riferito che anche altri sentono lo stesso rumore e non è di facile soluzione. L’unica, speriamo, soluzione potrebbe essere con l’inserimento delle valvole termostatiche e installazione di nuove pompe in centrale termica, che potrebbero favorire l’assorbimento del rumore.

Cordiali saluti

Praticamente mi sta dicendo che sono fatti miei e che "FORSE" quando metteranno le valvole termostatiche la situazione migliorerà.

 

Credo che essendo un discorso di dilatazione dei tubi non c'entrino le valvole termostatiche e, leggendo su internet, le uniche soluzioni sarebbero di rompere la colonna per vedere dove si trova il problema (darei anche disponibilità di rompere il muro della mia camera e di occuparmi della tinteggiatura).

 

Come posso muovermi per risolvere la cosa?

 

grazie a tutti per i vostri consigli

Non sono un tecnico del riscaldamento, ma abbastanza pratico di metalli e dilatazioni, per cui penso che se il rumore lo sentono anche altri con molta probabilità è effettivamente dovuta alla dilatazione termica e non credo che con le valvole termostatiche e cambio delle pompe si risolva, in quanto anche ammesso che tutti chiudano le valvole, nei montanti l'acqua scorre ugualmente per cui la dilatazione ci sarà lostesso. Unica speranza è che se le nuove pompe siano comandate da inverter si può modulare la potenza con leggera diminuzione di portata e quindi di rumore.

Se il problema è per più condomini, forse si potrebbe decidere per un orario diverso in modo che invece di svegliarti alle sei succederà in orario più consono.

Altro accorgimento potrebbe essere quello di riempire le condotte dove passano i tubi con vermiculite o schiuma espansa che sicuramente riducono le vibrazioni e rumori, ma molto dipende da come è fatto l'alloggio dei tubi, inoltre avreste il vantaggio di maggiore isolamento termico e perdita di calore.

Rileggendo il post iniziale dici che i tubi corrono nell'intercapedine della camera da letto, quindi se esiste quest'intercapedine puoi con pochi piccoli buchi riempirlo di schiuma espansa

neanch'io credo che le valvole termostatiche risolvano il problema.

Documentandomi il fenomeno della dilatazione è una fenomeno normalissimo e questo rumore dovrebbe generarsi quando le tubazioni toccano qualcosa.

L'intervento da fare, secondo me, è di rompere il muro dell'intercapedine per capire da dove si genera questo rumore (probabilmente le tubature toccheranno un calcinaceo o un qualcosa che non le rende libere) e liberare la tubature.

ho risposto alla mail dell'amministratore dando la disponibilità di rompere a casa mia con tutti i disagi della situazione e ho aggiunto che anche la verniciature della camera sarà a mio carico (tanto avevo in programma per il prox anno di dare una rinfrescata ai muri).

 

Il mio dubbio è che l'amministratore continui a fare orecchie da mercante....

come posso fare per fare valere il miei diritti?

essendo un problema che deriva dalla tubature interne la manutenzione/riparazione dovrebbe essere a carico del condominio.....

Ho lo stesso rumore (pure alla stessa ora...) e confermo che le VT non hanno eliminato un bel niente.

Se può servire, il mio impianto è vecchio, quasi 50 anni. Ora se non erro, i tubi sono coibentati e forse fanno meno rumore.

Temo l'amm.re abbia ragione. Se controlli il tuo regolamento di condominio, potrai vedere dove inizia la proprietà privata. Se è dall'innesto sulla colonna è un fatto che devi risolvere a tue spese.

Possibilmente in estate.

anche io mio condominio è vecchio e credo che l'impianto abbia la stessa età del condominio.

 

Tu hai risolto il problema? in che modo e soprattutto con quali spese?

 

Se dovessi valutare di prendere in carico personalmente questo problema e se lo faccio in estate, come posso sapere se viene risolto dal momento che il riscaldamento è spento?

No, io non l'ho risolto. Mi ci sono abituato. Puoi farlo poco prima dell'inizio accensione. Ma dovresti trovare una ditta che ti garantisca la riuscita, subordinando il pagamento al collaudo. Fantascienza.

 

Forse ti tocca pure pagare lo svuotamento dell'impianto.

Prima di muovermi, mi informerei bene prima con un progettista di impianti termici se possa essere un rumore causato dalla caldaia.

Io proverei con la coibentazione tramite schiuma espansa, con pochi buchi facilmente stuccabili e poche decine di euro probabilmente si risolve il problema in quanto viene isolato acusticamente, sempre che i tubi camminino in un intercapedine. In una casa di campagna ho risolto con la vermiculite ma in quel caso era più per isolamento termico, il costo è superiore perché serve una macchina per l'inserimento del materiale

neanch'io credo che le valvole termostatiche risolvano il problema.

Documentandomi il fenomeno della dilatazione è una fenomeno normalissimo e questo rumore dovrebbe generarsi quando le tubazioni toccano qualcosa.

L'intervento da fare, secondo me, è di rompere il muro dell'intercapedine per capire da dove si genera questo rumore (probabilmente le tubature toccheranno un calcinaceo o un qualcosa che non le rende libere) e liberare la tubature.

ho risposto alla mail dell'amministratore dando la disponibilità di rompere a casa mia con tutti i disagi della situazione e ho aggiunto che anche la verniciature della camera sarà a mio carico (tanto avevo in programma per il prox anno di dare una rinfrescata ai muri).

 

Il mio dubbio è che l'amministratore continui a fare orecchie da mercante....

come posso fare per fare valere il miei diritti?

essendo un problema che deriva dalla tubature interne la manutenzione/riparazione dovrebbe essere a carico del condominio.....

puoi anche rompere in casa tua e coibentare, ma il ticchettio potrebbe venire da un altra parte, dove il tubo dilata e sbatte, poi tramite la tubazione il rumore circola nei vari piani ...

 

non c'è nulla da fare

 

con le valvole potrebbe migliorare perchè l'accensione caldaia è 24h e alle 6 si alza la temperatura da 16/17 a 20° e non da spento a 20°

 

non è questione di fregarsene da parte del tuo amministratore è che non puoi fare lavori di tale portata e garantire che servano

pensi che il condomino sia disponibile a spendere denaro inutilmente ?

 

Nulla comunque ti impedisce di sbrancare per conto tuo, coibentare e richiudere. Ma non credere che i tuoi vicini paghino. E' più probabile che vinci alla lotteria

 

Sono rumori a cui ti puoi abituare, come quelli di un treno o delle campane, la testa lo sà cosa sono e riesci a dormire. Se non ci riesci è perchè ti sei "intignito" !!!

Smettila di pensare che l'amministratore se ne freghi, non ci si può fare nulla

Vi assicuro che è veramente un rumore fastidioso....

Se fossi sicuro che rompendo , anche a spese mie, risolvessi il problema , quasi sicuramente lo farei.... ma di rompere a mie spese, con tutti i disagi che la cosa comporta, e magari non risolvere nulla , non me la sento.

 

Il prossimo anno, se non usciranno altre proroghe, dovrebbero mettere le valvole termostastiche , non risolverà la situazione ma a questo punto conviene aspettare e poi valutare cosa fare.

 

Per il discorso di fare dei buchi sul muro e iniettare dentro della schiuma espansa mi sembra un pò un azzardo.... non saprei in che punti bucare... non saprei quanta schiuma espansa introdurre .... e metti caso che magari iniettandola senza vedere dove non sfioro neanche i tubi..... sarebbe un salto nel buio..

Vi assicuro che è veramente un rumore fastidioso....

Se fossi sicuro che rompendo , anche a spese mie, risolvessi il problema , quasi sicuramente lo farei.... ma di rompere a mie spese, con tutti i disagi che la cosa comporta, e magari non risolvere nulla , non me la sento.

 

Il prossimo anno, se non usciranno altre proroghe, dovrebbero mettere le valvole termostastiche , non risolverà la situazione ma a questo punto conviene aspettare e poi valutare cosa fare.

 

Per il discorso di fare dei buchi sul muro e iniettare dentro della schiuma espansa mi sembra un pò un azzardo.... non saprei in che punti bucare... non saprei quanta schiuma espansa introdurre .... e metti caso che magari iniettandola senza vedere dove non sfioro neanche i tubi..... sarebbe un salto nel buio..

ci sono sistemi con cui puoi tracciare il percorso sia dei tubi che dei fili elettrici.

Io sono partito dal presupposto da te postato che i tubi passano in un intercapedine, quindi non ci dovrebbero essere problemi.

Penso che se ti rivolgi a persone esperte potrebbero consigliarti sul da farsi con una spesa irrisoria.

Comunque vada non fai assolutamente danni, in quanto i buchi sono da 8-10 mm e la schiuma si espande finché può farlo, poi si ferma. Unico problema è se l'intercapedine è di cartongesso in quanto potrebbe cedere sotto la pressione della schiuma espansa.

non lo posso dire con certezza ma non sono i tratti dritti quelli che fanno rumore, ma i punti curvi dove incontra i ferri del muro

non lo posso dire con certezza ma non sono i tratti dritti quelli che fanno rumore, ma i punti curvi dove incontra i ferri del muro

Nel caso del riscaldamento, non sono molto sicuro in quanto non era il mio lavoro, ma quando scaldavo qualche ferro magari per levarlo dalla sua sede, si sentiva un crepitio dovuto alla dilatazione e sicuramente non aveva contatti. Penso che la cosa migliore sia chiedere a un esperto, ma non al manutentore dell'impianto in quanto sono rogne che preferiscono evitare, ma qualcuno estraneo che ci metta un po di volontà.

×