Vai al contenuto
mattomatteo

Tetto in amianto, cosa fare?

Buongiorno a tutti,

 

 

 

In questi giorni sono stato contattato per l'amministrazione di un fabbricato di cui ad oggi presenta ancora il tetto in amianto.

Partendo dal presupposto che è il primo caso che mi capita, mi rivolgo a voi per chiedere cosa devo fare, come devo muoverci ecc.

 

E' obbligatorio toglierlo? perchè i condomini si sono già mossi per richiedere un preventivo, ma vista l'entità del condominio (5 unità) e vista la spesa richiesta hanno subito abbandonato tale intervento.

 

La normativa può variare da regione a regione, da provincia a provincia?

 

Scusatemi l'innumerevoli domande (magari anche banali) ma come vi dicevo è il primo caso e non voglio sbagliare.

 

Grazie

Non è obbligatorio togliere il tetto in amianto, salvo non sia estremamente fatiscente e impossibile da incapsularlo in modo tale da non recar pericolo per lo sfaldamento delle particelle pericolose per l'organismo, per la vostra tranquillità sentite una ditta specialista in queste operazioni, di smaltimento e incapsulamento amianto.

Pensa che nella mia città c'è un ricreatorio dove ci vanno dei bambini ed esiste un fabbricato con il tetto in amianto ondulato.

Sono d'accordo con Tullio, fatelo incapsulare, poi con calma deciderete in futuro se rimuoverlo.

ok, grazie per le risposte.

 

Sicuramente sarà la prima tematica che dovrò affrontare, qualora diventerò loro amministratore.

Se non ho capito male quindi, chiederò un parere ad una ditta specializzata della zona che mi saprà dare tutte le informazioni del caso.

Sei in Lombardia, quindi il tetto dovrebbe già essere stato censito (comunicazione fatta dall'amministratore all'ASL/Comune sullo stato della copertura). Se tale comunicazione non è stata fatta siete già in multa, quindi sanate subito la situazione. Molti Comuni hanno scritto a tutti i condomini / proprietari di eternit richiedendo il calcolo dell'indice di degrado da parte di tecnico abilitato. Alcuni Comuni questo lo chiedono solo su esposto o a random per controlli.

Quindi per prima cosa valuta se c'è documentazione inviata all'ASL (o al Comune che l'ha irata all'ASL). Se non c'è nulla, il consiglio è di far fare ugualmente il calcolo dell'indice di degrado (non costa molto e un tecnico abilitato si prende la responsabilità di dirti cosa occorre fare della copertura). Dall'indice di degrado uscirà se e come dovrete intervenire sulla copertura (controllo ogni due anni e nessun intervento; sistemazione con incapsulamento o sovracopertura o rimozione entro 3 anni; rimozione entro 12 mesi). Nei primi due casi dovrai nominare un responsabile dell'amianto e far ricontrollare l'indice di degrado ogni due anni (o quando ti dice il tecnico; questo anche in caso di incapsulamento o sovracopertura). Nell'ultimo caso la rimozione è definitiva.

Se vuoi sapere altro, chiedi pure.

grazie lollolalla, non potevi darmi risposta più precisa.

 

Nel caso diventassi loro amministratore procederò immediatamente, seguendo quanto da te indicato.

 

Grazie di nuovo.

Sei in Lombardia, quindi il tetto dovrebbe già essere stato censito (comunicazione fatta dall'amministratore all'ASL/Comune sullo stato della copertura). Se tale comunicazione non è stata fatta siete già in multa, quindi sanate subito la situazione. Molti Comuni hanno scritto a tutti i condomini / proprietari di eternit richiedendo il calcolo dell'indice di degrado da parte di tecnico abilitato. Alcuni Comuni questo lo chiedono solo su esposto o a random per controlli.

Quindi per prima cosa valuta se c'è documentazione inviata all'ASL (o al Comune che l'ha irata all'ASL). Se non c'è nulla, il consiglio è di far fare ugualmente il calcolo dell'indice di degrado (non costa molto e un tecnico abilitato si prende la responsabilità di dirti cosa occorre fare della copertura). Dall'indice di degrado uscirà se e come dovrete intervenire sulla copertura (controllo ogni due anni e nessun intervento; sistemazione con incapsulamento o sovracopertura o rimozione entro 3 anni; rimozione entro 12 mesi). Nei primi due casi dovrai nominare un responsabile dell'amianto e far ricontrollare l'indice di degrado ogni due anni (o quando ti dice il tecnico; questo anche in caso di incapsulamento o sovracopertura). Nell'ultimo caso la rimozione è definitiva.

Se vuoi sapere altro, chiedi pure.

L'obbligo di censimento vale anche per i tubi di scarico acque nere in eternit che si trovano nei seminterrati ?

Sapete se in Sicilia c'è l'obbligo di censimento per la presenza di amianto in condominio(tetti, serbatoi, tubi)?

In Lombardia hanno censito tutti i capolughi di provincia utilizzando un aereo con apposita apparecchiatura installata. Hanno in mano un dato affidabile della situazione e il termine ultimo per la rimozione era il 16/01/2016. Qui uno stralcio di norme http://www.amianto.lombardia.it/

×