Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Papandrea

Terrazza di copertura immobile

Buongiorno,

come deve essere ripartita la spesa di rifacimento della terrazza, tenendo presente che l'atto di compravendita riporta:

la terrazza di copertura del fabbricato è di proprietà del sig. XXXX (costruttore) il quale ha dichiarato che l'uso appartiene in comune a tutti i proprietari

degli appartamenti.

Grazie per le risposte.

Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

1/3 al proprietario e 2/3 a chi è situato sotto la verticale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per la celere risposta.

Il problema nasce perché l'amministratore vorrebbe addebitare le spese a tutti i condomini in base ai millesimi di proprietà,

asserendo che avendo tutti i proprietari l'uso non è possibile applicare l'art. 1126 ma l'art. 1123.

E' un'impostazione corretta da parte dell'amministratore?

Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il lastrico solare, può essere destinato all’uso comune oppure all’uso esclusivo, determinandosi a seconda della fattispecie un diverso criterio di ripartizione delle spese, quando, infatti, il lastrico solare serve all’uso comune le spese vengono ripartite fra tutti i condomini che ne usufruiscono.

Quando invece l’uso del lastrico solare è di uso esclusivo, trova applicazione l’art. 1126 c.c. secondo il quale coloro che ne hanno l’uso esclusivo sono tenuti

a contribuire per 1/3 alla spesa per le riparazioni e le ricostruzioni del lastrico stesso, mentre gli altri 2/3 sono a carico di tutti i condomini dell’edificio o della

parte di questo a cui il lastrico solare serve.

 

Ha ragione il tuo amministratore, sul lastrico solare possono coesistere diversi diritti e il proprietario e l’utilizzatore del lastrico solare potrebbero essere soggetti diversi (come nel tuo caso).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
... tenendo presente che l'atto di compravendita riporta:

la terrazza di copertura del fabbricato è di proprietà del sig. XXXX (costruttore) il quale ha dichiarato che l'uso appartiene in comune a tutti i proprietari

degli appartamenti.

Secondo il mio parere questa scrittura è una furbata da parte del costruttore che pur tenendosi l'esclusiva proprietà cede l'uso ai condomini, per scaricarsi eventuali spese di manutenzione, per cui sarebbe bene dipanare la questione davanti al mediatore, ora obbligatorio in caso di diverbi nel condominio e/o su ricorso al Giudice.

p.s. parere personale il costruttore proprietario esclusivo del lastrico, poteva cedere in uso "gratuito" ai condomini i quali non hanno in mano nessun titolo di proprietà, ovvero ora dovrebbe pagare come proprietario secondo l'art 1126 cc il suo 1/3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il mio atto di compravendita riporta, a differenza degli altri proprietari:

E' escluso ogni diritto sulla terrazza di copertura del fabbricato; Così come sul rogito del vecchio proprietario.

Essendoci un ulteriore atto di vendita tra il costruttore e il primo proprietario (di cui non sono in possesso) è possibile che il notaio abbia trascritto erroneamente questa parte?

E nella fattispecie come ci si regola?

Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il mio atto di compravendita riporta, a differenza degli altri proprietari:

E' escluso ogni diritto sulla terrazza di copertura del fabbricato; Così come sul rogito del vecchio proprietario.

Essendoci un ulteriore atto di vendita tra il costruttore e il primo proprietario (di cui non sono in possesso) è possibile che il notaio abbia trascritto erroneamente questa parte?

E nella fattispecie come ci si regola?

Andrea

Se ci sono differenze negli atti (titoli) tra i vari condomini, secondo il mio parere, è meglio sentire un legale ed eventualmente per risolvere la questione adire al Giudice, oppure mettersi d'accordo all'unanimità tra voi condomini, costa meno e si fa prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si Tuxx concordo con la furbata e a questo punto pensi che l'unica soluzione sia un atto legale?

(il mio disappunto nasce proprio dal fatto che la proprietà del terrazzo è comunque di altri e sembra infatti che ad alcuni proprietari sia stata a suo tempo venduta una parte indivisa di proprietà).

Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Si Tuxx concordo con la furbata e a questo punto pensi che l'unica soluzione sia un atto legale?

(il mio disappunto nasce proprio dal fatto che la proprietà del terrazzo è comunque di altri e sembra infatti che ad alcuni proprietari sia stata a suo tempo venduta una parte indivisa di proprietà).

Andrea

Se non vi mettete d'accordo tra di voi condomini all'unanimità, come puoi risolvere la questione, se non con una sentenza giudiziale?

Credi ci siano altre soluzioni?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Secondo il mio parere questa scrittura è una furbata da parte del costruttore che pur tenendosi l'esclusiva proprietà cede l'uso ai condomini, per scaricarsi eventuali spese di manutenzione, per cui sarebbe bene dipanare la questione davanti al mediatore, ora obbligatorio in caso di diverbi nel condominio e/o su ricorso al Giudice.

p.s. parere personale il costruttore proprietario esclusivo del lastrico, poteva cedere in uso "gratuito" ai condomini i quali non hanno in mano nessun titolo di proprietà, ovvero ora dovrebbe pagare come proprietario secondo l'art 1126 cc il suo 1/3

Mentre la natura reale del diritto di proprietà sul lastrico solare è indubbia, altrettanto non può dirsi della natura del diritto d’uso sul lastrico solare previsto dall’art. 1126 c.c. , che potrebbe derivare dalla costituzione di un usufrutto, una servitù, un contratto di comodato o di locazione, a quanto pare non c'è nulla di tutto questo.

 

L'art. 1126 parla di uso esclusivo e no di proprietà e siccome l'uso esclusivo è di tutti i condomini, pagano tutti i condomini, ma questo uso non è sancito da nessun diritto reale tra costruttore e condomini..................un bel rebus.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Trovare un accordo, purtroppo, non è una strada percorribile.

In una recente riunione è stata approvato il piano di riparto in base ai millesimi di proprietà (con il voto contrario mio e di un altro proprietario).

Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Trovare un accordo, purtroppo, non è una strada percorribile.

In una recente riunione è stata approvato il piano di riparto in base ai millesimi di proprietà (con il voto contrario mio e di un altro proprietario).

Andrea

Perchè avete votato contro? Se era per millesimi di proprietà avrebbe pagato tutto il costruttore ..... i millesimi (tutti) sono suoi 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

No, non credo ci siano altre soluzioni e concordo sul rebus della questione.

E per quanto riguardo il mio atto che riporta, a differenza degli altri proprietari, che non ho nessun diritto cosa ne pensate?

Bisognerebbe nella fattispecie risalire al primo atto di vendita e verificare cosa riporta? O non è necessario?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Potresti verificare quanto riportato, ma poi serve un parere legale, io francamente non so risponderti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie Kurt Cobain.

Si Tuxx, hai perfettamente ragione......sui millesimi..di proprietà😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusate se mi intrometto in questa discussione, vorrei chiedere un vostro parere su una discussione aperta da me qualche giorno fà.

mi riferisco principalmente agli utenti "Kurt Cobain" e "Tuxx" che vedo sono molto competenti su questioni di condominio.

potreste darmi un consiglio sulla discussione: "Chiarimenti su piano antincendio box e cantine interrati" aperta da me?

scusate ancora ma non sono molto pratico sull'utilizzo di questo forum. Ce un modo per aprire una discussione diretta con voi o con un utente specifico?

grazie mille e scusatemi ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×