Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
roslid

Termine entro il quale bisogna approvare il Rendiconto: è prioritaria la norma del RdC di tipo contrattuale o l'art 1130, n. 10?

Buongiorno.

Il regolamento di condominio ( RdC ) è di tipo contrattuale ( notarile ) approvato al momento dell’acquisto della mia casa nel 1990.

 

TERMINE DI APPROVAZIONE DEL RENDICONTO:

 

L’ART. 3, c. 1 del RdC: CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA.

“L’ASSEMBLEA DEI CONDOMINI SI RIUNISCE IN VIA ORDINARIA PER L’APPROVAZIONE DEL RENDICONTO E DEL PREVENTIVO DI SPESA ANNUALE NON OLTRE 60 GIORNI DALLA CHIUSURA DELL’ANNO FINANZIARIO CHE INIZIA IL 1° GENNAIO DI OGNI ANNO E TERMINA IL 31 DICEMBRE”………..

mentre:

L’ ART. 1130, N. 10 DELLA NUOVA RIFORMA CONDOMINIALE RECITA CHE L’AMMINISTRATORE:

“DEVE REDIGERE IL RENDICONTO CONDOMINIALE ANNUALE DELLA GESTIONE E CONVOCARE L’ASSEMBLEA PER LA RELATIVA APPROVAZIONE ENTRO 180 GIORNI.”

Vi chiedo cortesemente di sapere con risposte possibilmente brevi e di legge:

è inderogabile la norma del RdC ( come io credo ) rispetto all’art. 1130 della nuova riforma condominiale o viceversa? Nel senso che l’amministratore deve applicare innanzitutto la norma del RdC e non considerare quella di cui all'art. 1130, c. 10 c.c.?

Grazie. Cordiali saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno.

Il regolamento di condominio ( RdC ) è di tipo contrattuale ( notarile ) approvato al momento dell’acquisto della mia casa nel 1990.

 

TERMINE DI APPROVAZIONE DEL RENDICONTO:

 

L’ART. 3, c. 1 del RdC: CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA.

“L’ASSEMBLEA DEI CONDOMINI SI RIUNISCE IN VIA ORDINARIA PER L’APPROVAZIONE DEL RENDICONTO E DEL PREVENTIVO DI SPESA ANNUALE NON OLTRE 60 GIORNI DALLA CHIUSURA DELL’ANNO FINANZIARIO CHE INIZIA IL 1° GENNAIO DI OGNI ANNO E TERMINA IL 31 DICEMBRE”………..

mentre:

L’ ART. 1130, N. 10 DELLA NUOVA RIFORMA CONDOMINIALE RECITA CHE L’AMMINISTRATORE:

“DEVE REDIGERE IL RENDICONTO CONDOMINIALE ANNUALE DELLA GESTIONE E CONVOCARE L’ASSEMBLEA PER LA RELATIVA APPROVAZIONE ENTRO 180 GIORNI.”

Vi chiedo cortesemente di sapere con risposte possibilmente brevi e di legge:

è inderogabile la norma del RdC ( come io credo ) rispetto all’art. 1130 della nuova riforma condominiale o viceversa? Nel senso che l’amministratore deve applicare innanzitutto la norma del RdC e non considerare quella di cui all'art. 1130, c. 10 c.c.?

Grazie. Cordiali saluti.

Vale il regolamento di condominio contrattuale ma sarebbe valido anche un regolamento assembleare deliberato con la maggioranza del 2° comma dell'art. 1136 c.c. perchè limitare al di sotto del limite massimo non è una deroga all'art. 1129.

 

Avremmo parlato di deroga non applicabile se il regolamento prevedesse la convocazione entro 181 giorni anzichè entro 180.

"Entro 60" rispetta il limite massimo imposto di "entro 180" pertanto non c'è deroga in quel regolamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie. Come al solito sei abbastanza esauriente, chiaro per cui come te condivido che in questo caso la priorità spetta alla noma contenuta nel mio RdC di tipo contrattuale. Cordiali saluti e buon lavoro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie. Come al solito sei abbastanza esauriente, chiaro per cui come te condivido che in questo caso la priorità spetta alla noma contenuta nel mio RdC di tipo contrattuale. Cordiali saluti e buon lavoro.

Per maggiore chiarezza voglio specificare che quello che conta è la CLAUSOLA di tipo contrattuale.

 

Una clausola REGOLAMENTARE contenuta in un regolamento contrattuale resta pur sempre una clausola regolamentare (si regolamenta la data dell'assemblea e quindi non incide sui diritti individuali).

 

In conclusione, quella clausola regolamentare, pur se contenuta in un regolamento contrattuale, può essere modificata con la maggioranza del 2° comma art. 1136 c.c. (maggioranza degli intervenuti ed almeno 500 millesimi).

 

La maggioranza del 2° comma art. 1136 c.c. può modificare quella clausola e decidere la convocazione dell'assemblea entro 30 o 130 giorni dalla data di chiusura esercizio ma non può deliberare i 181 giorni perchè non può derogare l'art. 1129 c.c.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cosa succede se l'amministratore supera i termini per convocare l'assemblea di approvazione del Rendiconto?

Può essere già questo motivo sufficiente per non approvare il Rendiconto stesso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Cosa succede se l'amministratore supera i termini per convocare l'assemblea di approvazione del Rendiconto?

Può essere già questo motivo sufficiente per non approvare il Rendiconto stesso?

NO.

Non puoi non approvare un rendiconto perchè presentato in ritardo.

Quello che invece puoi fare è che una volta scaduti i termini senza che l'amministratore abbia convocato l'assemblea, puoi fare ricorso in Tribunale e chiedere la revoca giudiziale dell'amministratore.

Una volta nominato il nuovo amministratore, sarà quest'ultimo a convocare l'assemblea per l'approvazione del rendiconto.

 

In termini pratici, se c'è da pagare una spesa di 1.000 euro di ENEL o di pulizia scale e non approvi il rendiconto, quale sarebbe lo scopo di non approvare?

Vorresti che i fornitori non venissero pagati e facessero decreto ingiuntivo al condominio facendo aumentare i costi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

volevo portare alla vostra attenzione un mio quesito.

L'amministratore del supercondominio ha convocato l'ultima assemblea ordinaria il 28 Ottobre del 2015. Lui amministra il supercondominio che ha in comune l'impianto di riscaldamento di alcuni condomini che hanno lo stesso individuo come amministratore ma non tutti (ad ese. il mio no)

la gestione del riscaldamento va da Novembre a Marzo. quindi stando alla regola dei 180 giorni il termine massimo era settembre 2016. Siamo ad gennaio 2017 secondo voi ci sono gli estremi pre richiedere l'amministrazione giudiziaria? e se si come posso procedere? molte grazie in anticipo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
volevo portare alla vostra attenzione un mio quesito.

L'amministratore del supercondominio ha convocato l'ultima assemblea ordinaria il 28 Ottobre del 2015. Lui amministra il supercondominio che ha in comune l'impianto di riscaldamento di alcuni condomini che hanno lo stesso individuo come amministratore ma non tutti (ad ese. il mio no)

la gestione del riscaldamento va da Novembre a Marzo. quindi stando alla regola dei 180 giorni il termine massimo era settembre 2016. Siamo ad gennaio 2017 secondo voi ci sono gli estremi pre richiedere l'amministrazione giudiziaria? e se si come posso procedere? molte grazie in anticipo

La gestione del riscaldamento va da novembre a marzo ma l'esercizio di gestione del supercondominio è ANNUALE (365 giorni).

L'amministratore ha 180 giorni di tempo dalla data di chiusura esercizio annuale.

Devi verificare in che data chiude l'esercizio annuale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×