Vai al contenuto
ElisGer

Tempi per richiesta di risarcimento sottobalcone

Salve, ho un problema con il mio sottobalcone incassato. La manutenzione della soletta ho capito che spetta al condomino del piano inferiore tranne purtroppo nel mio caso, in quanto il danno dovrebbe essere di tipo infiltrativo e quindi a carico mio per danno arrecato. Quindi purtroppo mi sono rassegnata a pagare, ma la cosa che proprio non digerisco è il fatto che mi sia stato segnalato a distanza di 4-5 danni dall'inizio del problema e questo ha causato un peggioramento delle condizioni della soletta con un ingente aumento della spesa per la riparazione. Insomma se il condomino mi avesse avvisato in tempo utile sicuramente sarei riuscita s risparmiare 2000 euro circa perché il danno sarebbe stato limitato e circoscritto. Ora non vedo perché a questo punto la spesa dovrei accollarmela solo io visto che il danneggiato ha indirettamente danneggiato anche me non avvisandomi per tempo. Posso cautelarmi dal punto di vista legale?

Grazie

Dalla perizia che è stata fatta risulta che è un danno risalente almeno ad un paio di anni, quindi non recente. È anche una questione di educazione e rispetto quella di avvisare per tempo il danneggiante e sinceramente non só nemmeno come abbiano fatto a vivere in queste condizioni fino ad ora!!

Per me tu non devi pagare nulla.

------------------------------------------------------------

Quanto al sottobalcone, nella tipologia del balcone incassato esso viene considerato alla stessa stregua dei solai, sicchè la spesa relativa deve essere sostenuta da ciascuno dei proprietari dei due piani l’uno all’altro sovrastanti in ragione della metà (art. 1125 cod. civ.): infatti, la conformazione del balcone incassato fa sì che esso funga, contemporaneamente, da sostegno del piano superiore e da copertura del piano inferiore (Cass. 21 gennaio 2000 n. 637).

 

http://www.anaciroma.it/attivita-condominio/faq/condominio-balconi/26/balconi-incassati.html

Nei balconi incassati, invece, essendo la soletta di proprietà comune tra i proprietari cui serve, rispettivamente, da piano di calpestio e copertura, il condomino del piano inferiore potrà fare tutti gli usi che ritiene utili e necessari nel rispetto delle prescrizioni contenute nell’art. 1102 c.c., mentre il criterio di ripartizione delle spese per la manutenzione e ricostruzione sarà quello di cui all’art. 1125 c.c., relativo ai soffitti, alle volte e ai solai, secondo il quale le stesse vanno “sostenute in parti eguali dai proprietari dei due piani l’uno all’altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l’intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto” (Cass. n. 14576/2004).

 

--link_rimosso--

 

- - - Aggiornato - - -

 

Pavimento a tuo carico.

Soletta 50%.

Il resto al sottostante.

Giglio magari fosse così, nel senso che questo principio non è applicabile se la causa del danno sono io.

 

- - - Aggiornato - - -

 

«Resta inteso che tali criteri di ripartizione trovano applicazione solo qualora la necessità delle riparazioni non sia attribuibile ad alcuno dei condomini; in caso contrario (ad esempio ove le infiltrazioni siano dovute ad incuria del balcone sovrastante) prevale il principio generale per cui il risarcimento dei danni è a carico di colui che li ha cagionati (così Cass. 3568/1999)».

Io penso che tu possa fare valere il comportamento colposo del danneggiato (art. 1227 c.c.) se tramite la perizia ed altri fatti è possibile dimostrare che se si fosse attivato al momento della verificazione dell'evento il danno sarebbe stato inferiore. Fai pesare questo fatto in sede di trattative, se sai che in giudizio potresti far valere questa circostanza.

La ringrazio Avv. Gallucci, era proprio quello che intendevo. Capire insomma se sono in diritto di chiedere una partecipazione alle spese del sottobalcone da parte del condominio danneggiato. Lo farò presente innanzi tutto all'amministratore, sperando che la proposta venga accettata senza dover necessariamente procedere per via legale, anche perché ai 6000 euro di preventivo per i lavori si aggiungerebbero anche le spese legali. Che guaio! E che rabbia!

Mi sembra che la somma richiesta (6.000 €) sia eccessiva: bisogna conoscere la superficie del balcone e la descrizione degli interventi. In questo caso si potrà stabilire se, oltre all'impermeabilizzazione del Suo balcone, ci sono importanti interventi sui ferri d'armatura. Se cè solo l'impermeabilizzazione il tempo trascorso non avrebbe importanza; se ci sono i ferri "distrutti" dalla ruggine allora è importante il tempo trascorso. Quindi le conclusioni derivano da questa analisi

La ringrazio Avv. Gallucci, era proprio quello che intendevo. Capire insomma se sono in diritto di chiedere una partecipazione alle spese del sottobalcone da parte del condominio danneggiato. Lo farò presente innanzi tutto all'amministratore, sperando che la proposta venga accettata senza dover necessariamente procedere per via legale, anche perché ai 6000 euro di preventivo per i lavori si aggiungerebbero anche le spese legali. Che guaio! E che rabbia!
×