Vai al contenuto
MUROALTO

Tabelle scale e tabelle ascensore

Premesso che il regolamento di condominio (di tipo assembleare) si esprime testualmente nel modo seguente:

"Art. 7° - Le quote di comproprietà degli enti comuni e riparto spese condominiali dello stabile sono espresse per ciascuna unità condominiale in millesimi nei rispettivi atti di acquisto.

II riparto fra i condomini delle spese di manutenzione straordinaria delle scale sarà effettuato a termini di legge.

In apposita riunione Condominiale sarà stabilito il riparto delle spese di gestione e manutenzione ordinaria dell'ascensore a carico dei Condomini che ne usano.

La fornitura del riscaldamento verrà annualmente attribuita a ciascun Condomino ....."

Tanto premesso la manutenzione ordinaria della scala, non essendo nulla esplicitamente menzionato, va attribuita in via estensiva anche per legge e/o secondo le tabelle ascensore ? (credo che tabella scale e tabella ascensore coincidano, avendo lo stesso criterio di ripartizione in base all'altezza piano/millesimi di proprietà)

 

Infatti, non si sa per quale motivo, l'amministratore assegna sia le spese di manutenzione ordinaria scala, sia le spese relative al passo carraio-cortile garages (contrattualmente a carico dei possessori del box) a TUTTI i condomini.

Premesso che il regolamento di condominio (di tipo assembleare) si esprime testualmente nel modo seguente:

"Art. 7° - Le quote di comproprietà degli enti comuni e riparto spese condominiali dello stabile sono espresse per ciascuna unità condominiale in millesimi nei rispettivi atti di acquisto.

II riparto fra i condomini delle spese di manutenzione straordinaria delle scale sarà effettuato a termini di legge.

In apposita riunione Condominiale sarà stabilito il riparto delle spese di gestione e manutenzione ordinaria dell'ascensore a carico dei Condomini che ne usano.

La fornitura del riscaldamento verrà annualmente attribuita a ciascun Condomino ....."

Tanto premesso la manutenzione ordinaria della scala, non essendo nulla esplicitamente menzionato, va attribuita in via estensiva anche per legge e/o secondo le tabelle ascensore ? (credo che tabella scale e tabella ascensore coincidano, avendo lo stesso criterio di ripartizione in base all'altezza piano/millesimi di proprietà)

Manutenzione (sia ordinaria che straordinaria) scale e ascensore utilizzano lo stesso criterio legale di riparto per cui la tabella ascensore sarà utilizzata anche per le scale, salvo casi particolari (ad esempio l'ascensore parte dal primo piano anzichè dal piano terra).

 

Art. 1124 c.c.Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo...

Premesso che il regolamento di condominio (di tipo assembleare) si esprime testualmente nel modo seguente:

"Art. 7° - Le quote di comproprietà degli enti comuni e riparto spese condominiali dello stabile sono espresse per ciascuna unità condominiale in millesimi nei rispettivi atti di acquisto.

II riparto fra i condomini delle spese di manutenzione straordinaria delle scale sarà effettuato a termini di legge.

In apposita riunione Condominiale sarà stabilito il riparto delle spese di gestione e manutenzione ordinaria dell'ascensore a carico dei Condomini che ne usano.

La fornitura del riscaldamento verrà annualmente attribuita a ciascun Condomino ....."

Tanto premesso la manutenzione ordinaria della scala, non essendo nulla esplicitamente menzionato, va attribuita in via estensiva anche per legge e/o secondo le tabelle ascensore ? (credo che tabella scale e tabella ascensore coincidano, avendo lo stesso criterio di ripartizione in base all'altezza piano/millesimi di proprietà)

Quali spese intendi per manutenzione ordinaria? Solo quelle d'uso oppure, anche quelle di piccole riparazioni?

Nel primo caso (pulizia e illuminazione) vanno ripartite in proporzione all'altezza piano (art 1123 2°comma)

Nel 2° caso si applica l'art. 1124 cc.

Sig. Tullio, parlo delle spese sia di luce e pulizia, sia delle piccole riparazioni dovuto all'utilizzo (ad es. chiudiporta incassato a pavimento del portone ad uso esclusivo dei condomini che abitano nel palazzo, e NON usato dai condomini che abitano al p. t. che entrano dal vialetto o direttamente dalla pubblica via). A proposito la tinteggiatura semplice (cioè senza ripristini e stuccature, al fine di eliminare lo sporco accumulatosi: quella che volgarmente si chiama "rinfrescatina") rientra tra le opere di manutenzione ordinaria o straordinaria? Secondo me, trattandosi di semplice "pulizia" dovrebbe essere ordinaria.

 

Il problema è che la pulizia viene effettuata dalla portiera, che ha la guardiola all'interno dell'androne, che quindi, di fatto, non può esercitare la dovuta opera di custodia e sorveglianza, non avendo il dono divino dell'ubiquità! La portiera inoltre si occupa anche della movimentazione rifiuti.

A mio giudizio si dovrebbero scindere le tre mansioni svolte dalla portiera: custodia e sorveglianza, da ripartire secondo mllesimi, pulizia scale secondo tabella scale/ascensore, pulizia corsia-cortile box da attribuire ai possessori dei box (disposizione contrattuale!), movimentazione rifiuti pro-capite. Le percentuali andrebbero votate/stabilite in assemblea, assegnando tot numero di ore per ogni mansione.

Mi sembra assurdo infatti che se la pulizia viene fatta da una ditta esterna, la spesa venga ripartita secondo la tabella scala, ma se la stessa pulizia viene fatta dalla portiera, la spesa venga ripartita secondo millesimi generali !

Che differenza c'è tra i due tipi di pulizia?

Sig. Tullio, parlo delle spese sia di luce e pulizia, sia delle piccole riparazioni dovuto all'utilizzo (ad es. chiudiporta incassato a pavimento del portone ad uso esclusivo dei condomini che abitano nel palazzo, e NON usato dai condomini che abitano al p. t. che entrano dal vialetto o direttamente dalla pubblica via). A proposito la tinteggiatura semplice (cioè senza ripristini e stuccature, al fine di eliminare lo sporco accumulatosi: quella che volgarmente si chiama "rinfrescatina") rientra tra le opere di manutenzione ordinaria o straordinaria? Secondo me, trattandosi di semplice "pulizia" dovrebbe essere ordinaria.

 

Il problema è che la pulizia viene effettuata dalla portiera, che ha la guardiola all'interno dell'androne, che quindi, di fatto, non può esercitare la dovuta opera di custodia e sorveglianza, non avendo il dono divino dell'ubiquità! La portiera inoltre si occupa anche della movimentazione rifiuti.

A mio giudizio si dovrebbero scindere le tre mansioni svolte dalla portiera: custodia e sorveglianza, da ripartire secondo mllesimi, pulizia scale secondo tabella scale/ascensore, pulizia corsia-cortile box da attribuire ai possessori dei box (disposizione contrattuale!), movimentazione rifiuti pro-capite. Le percentuali andrebbero votate/stabilite in assemblea, assegnando tot numero di ore per ogni mansione.

Mi sembra assurdo infatti che se la pulizia viene fatta da una ditta esterna, la spesa venga ripartita secondo la tabella scala, ma se la stessa pulizia viene fatta dalla portiera, la spesa venga ripartita secondo millesimi generali !

Che differenza c'è tra i due tipi di pulizia?

Ti ho già risposto, le spese di pulizia illuminazione ed energia elettrica dell'ascensore (me ne ero dimenticato ma fa parte dell'uso) e delle scale vanno ripartite in base all'altezza piano, mentre quelle di manutenzione (p.es. il chiudiporta) va ripartito con il criterio dell'art 1124 cc, il tutto fatto salvo altri accordi o convenzioni, se per le pulizie se ne occupa la portiera ed alcuni condomini sono esentati dalle spese dell'ascensore o scale, cercate una proporzione del compenso, così da stabilire una convenzione.
×