Vai al contenuto
studiotecnico

Tabelle millesimali false

Buonasera a tutti non so se sto scrivendo nella sezione giusta del forum. Scusatemi anticipatamente.

 

In un condominio, circa 20 anni fa, sono state redatte tabelle millesimali e regolamento condominiale da un tecnico chiamato "Pinco Pallino". Sempre lo stesso tecnico un pò di anni dopo, a causa alcune variazioni, è stato riIncaricato per modificare le tabelle. Fin qui tutto ok. Mi sono accorto qualche mese fa che le tabelle sono piene di errori ma non è questa la cosa più grave.

Ho notato una cosa a mio avviso molto grave. Le tabelle e il regolamento, sia la prima volta che la seconda volta sono intestate e siglate a nome del tecnico "Pinco Pallino" ma i timbri sono di un altro tecnico. La prima volta timbrate da un agronomo la seconda da un ingegnere. Approfondendo di più la questione ho scoperto che non solo questo tizio ha utilizzato il timbro di un altro tecnico ma che lui non è mai stato inscritto a nessun ordine tecnico. Quindi poteva anche essere un panettiere, ho un idraulico o altro.

 

Cosa si fa in questi casi?

Si annullano semplicemente le tabelle comunicando all'amministratore il tutto oppure bisogna andare dal giudice?

L'amministratore che da più di 10 anni applica queste tabelle sbagliate e false può essere sanzionato o cose simili?

 

Grazie per le vostre risposte. 🙂

Oltre al panettiere ed all'idraulico, chiunque può presentare tabelle anche in forma anonima e su un foglio a quadretti senza specificare chi le ha redatte.

L'importante è che l'assemblea approvi ciò che è scritto su quel foglio e lo metta agli atti.

Scusate se sbaglio io so che dipende dall'uso che si deve fare.

Se devono essere approvate da un assemblea di condòmini (o fatte approvate in rogito o situazioni assimilabili) è necessario firmarle, quindi occorrono tutti i requisiti che il professionista deve avere per questo.

Diversamente, se si necessitano di tabelle "d'uso" potrebbero anche non essere firmate e redatte da chiunque, fatto salvo il diritto di terzi condòmini di contestarle (me ne sono capitati diversi).

Scusate se sbaglio io so che dipende dall'uso che si deve fare.

Se devono essere approvate da un assemblea di condòmini (o fatte approvate in rogito o situazioni assimilabili) è necessario firmarle, quindi occorrono tutti i requisiti che il professionista deve avere per questo.

Diversamente, se si necessitano di tabelle "d'uso" potrebbero anche non essere firmate e redatte da chiunque, fatto salvo il diritto di terzi condòmini di contestarle (me ne sono capitati diversi).

I condòmini hanno sempre il diritto di contestare in Tribunale le tabelle redatte da chiunque (che siano state redatta da un panettiere pittosto che da un ingegnere).

 

A seconda dell'uso può essere necessaria la firma di TUTTI i condòmini (convenzione) e l'assistenza di un professionista (notaio) nel caso si vogliano registrare le tabelle all'Agenzia delle Entrate (ex Conservatoria dei Registri) per renderle opponibili ai futuri acquirenti ed aventi causa.

le nostre sono firmate da "gigino o' panettiere "

Mettiamo che gigino o' panettiere abbia redatto le tabelle e le abbia firmate a nome suo e poi però abbia messo i timbri di un tecnico per renderli più credibili...secondo voi non è da considerarsi un falso?

Mettiamo che gigino o' panettiere abbia redatto le tabelle e le abbia firmate a nome suo e poi però abbia messo i timbri di un tecnico per renderli più credibili...secondo voi non è da considerarsi un falso?
Sarà un falso, ma se l'assemblea approva?
×