Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
miclog

Tabelle Millesimali di proprietà NON precise, arrotondate

Sono in un condominio che in origine -ma pur tuttora- è stato suddiviso da Tecnici Certificatiin in Millesimi di proprietà espressi da numeri con 3 decimali. !

L'arrotondamento a 2 decimali successivamente fatto dal 1° amministratore -per eccesso e per difetto, credo- portò ad un AVANZO di circa 11 decimillesimi oltre i MILLE i

Sicchè si verifica che un civico abbia 447,1 arrotondato e l'altro 553,01 M.MI...!

E' possibile tuitto ciò? E' ovvio che -seppur solo di qualche euro- i Riparti sono sfalsati, trattandosi di 80 u.i. tot. e di consuntivi totali che superano di gran lunga 50mila euro anno....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sono in un condominio che in origine -ma pur tuttora- è stato suddiviso da Tecnici Certificatiin in Millesimi di proprietà espressi da numeri con 3 decimali. !

L'arrotondamento a 2 decimali successivamente fatto dal 1° amministratore -per eccesso e per difetto, credo- portò ad un AVANZO di circa 11 decimillesimi oltre i MILLE i

Sicchè si verifica che un civico abbia 447,1 arrotondato e l'altro 553,01 M.MI...!

E' possibile tuitto ciò? E' ovvio che -seppur solo di qualche euro- i Riparti sono sfalsati, trattandosi di 80 u.i. tot. e di consuntivi totali che superano di gran lunga 50mila euro anno....

Per quanto possa essere bello arrotondare i millesimi non si può fare a meno che non vengano poi approvati in assemblea come nuovi millesimi od in sostituzione dei precedenti. 🤣

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il mondo è bello perché vario... Questa dell'arrotondamento dei millesimi me la conservo nel mio 'bestiario condominiale' 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La somma dei millesimi deve essere eguale a 1000 qualunque sia l’arrotondamento adottato.

L’amministratore che ha arrotondato i valori dei millesimi al centesimo di millesimo avrebbe dovuto compensare la differenza fra la somma dei valori approssimati ed il valore di 1000 m/m, in modo da ottenere come valore finale 1000,00 m/m.

Errore nel totale dei millesimi, comporta errori nel totale delle quote ripartite e la differenza fra le suddette somme e quella da ripartire deve comunque essere contabilizzata e comparire nella situazione patrimoniale, in altri termini l’amministratore deve rendere il conto delle maggiori somme riscosse, sebbene di pochi euro.

Per normalizzare la contabilità basta adottare le tabelle millesimali elaborate dal tecnico approssimate al millesimo di millesimo, la cui somma è sicuramente 1000,000.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

In ritardo, ma ecco allegato davanti ai vs. increduli occhi -credo- la PROVA che potrà arricchire .... il BESTIARIO CONDOMINIALE del sig. G. Inga.

 

Vale qui dire che la questione dei 3 decimali è dovuta ad un mio refuso, ammetto, ero io che nel suddividere il totale di 553,01 + 447,10 (invece di 446,99!) avevo avuto come risultato cifre a 3 decimali..! Ad una attenta analisi su cartaceo delle Tabelle M.LI, ho verificato che -invece- il Tecnico compilatore fece quadrare TUTTI I MILLESIMI con leggere variazioni di 1 centesimo di millesimo sulle proprietà di uguale superficie (ad es. i box auto).... mentre i posti auto esterni, essendo 40 + 39 (e non 40 + 40 come ha volutamente ritenuto il ns. ex "poco attento" amministratore) e tutti uguali da 0,11 M.Mi hanno creato il "leggero" disguido del ns. ex, che ha ripetuto l'errore anche l'anno successivo (2014) sicchè "il ns." NON SI E' MAI POSTO IL PROBLEMA del PERCHE' venisse fuori una cifra INAMMISSIBILE...! ha continuato le sue gesta, infatti, dividendo proprio a feb2014 il Condominio con una richiesta di 323,e spicci M.Mi su 1000,11 (!!??) di richiedenti piuttosto che andare a cercare e sanare l'origine del SUO ERRORE !

 

E proprio a tal proposito, nel frattempo ho letto un recentissimo post di Tullio Ts che, a fronte di un errore commesso da un amministratore -segnalato dalla utente che ha aperto quel Topic, concludeva che "...è colpa dei condomini che non si sono accorti dell'errore..." !? Credo che il sig. Tullio qui si sia diciamo "apertamente schierato", forse inconsapevolmente...

ERGO, se un Amministratore fa un errore e i Condomini, per fiducia riposta nell'operato dello stesso, non controllano passo-passo le contabili di quanto questi amministra -lavoro per cui è retribuito- SUBENDO per questo disagi o peggio proprio danni materiali -e a volte anche morali per indirette conseguenze dovute a detti errori amministrativi (alludo a liti tra condomini e simili che "avvelenano il sacrosanto quieto vivere)- ebbene SAREBBE COLPA DEI CONDOMINI che non hanno rilevato tale/i errore/i ???

[ATTACH]1876[/ATTACH]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ripeto l'inserimento dell'allegato e spero che il sistema lo riceva.riparto consuntivo per post condominioweb riv..jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ripeto l'inserimento dell'allegato e spero che il sistema lo riceva.[ATTACH]1880[/ATTACH]

 

x maggiore chiarezza -spero- ripeto anche il testo del post #5

In ritardo, ma ecco allegato davanti ai vs. increduli occhi -credo- la PROVA che potrà arricchire .... il BESTIARIO CONDOMINIALE del sig. G. Inga.

 

Vale qui dire che la questione dei 3 decimali è dovuta ad un mio refuso, ammetto, ero io che nel suddividere il totale di 553,01 + 447,10 (invece di 446,99!) avevo avuto come risultato cifre a 3 decimali..! Ad una attenta analisi su cartaceo delle Tabelle M.LI, ho verificato che -invece- il Tecnico compilatore fece quadrare TUTTI I MILLESIMI con leggere variazioni di 1 centesimo di millesimo sulle proprietà di uguale superficie (ad es. i box auto).... mentre i posti auto esterni, essendo 40 + 39 (e non 40 + 40 come ha volutamente ritenuto il ns. ex "poco attento" amministratore) e tutti uguali da 0,11 M.Mi hanno creato il "leggero" disguido del ns. ex, che ha ripetuto l'errore anche l'anno successivo (2014) sicchè "il ns." NON SI E' MAI POSTO IL PROBLEMA del PERCHE' venisse fuori una cifra INAMMISSIBILE...! ha continuato le sue gesta, infatti, dividendo proprio a feb2014 il Condominio con una richiesta di 323,e spicci M.Mi su 1000,11 (!!??) di richiedenti piuttosto che andare a cercare e sanare l'origine del SUO ERRORE !

 

E proprio a tal proposito, nel frattempo ho letto un recentissimo post di Tullio Ts che, a fronte di un errore commesso da un amministratore -segnalato dalla utente che ha aperto quel Topic, concludeva che "...è colpa dei condomini che non si sono accorti dell'errore..." !? Credo che il sig. Tullio qui si sia diciamo "apertamente schierato", forse inconsapevolmente...

ERGO, se un Amministratore fa un errore e i Condomini, per fiducia riposta nell'operato dello stesso, non controllano passo-passo le contabili di quanto questi amministra -lavoro per cui è retribuito- SUBENDO per questo disagi o peggio proprio danni materiali -e a volte anche morali per indirette conseguenze dovute a detti errori amministrativi (alludo a liti tra condomini e simili che "avvelenano il sacrosanto quieto vivere)- ebbene SAREBBE COLPA DEI CONDOMINI che non hanno rilevato tale/i errore/i ???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ripeto l'inserimento dell'allegato e spero che il sistema lo riceva

Secondo me non c'è nessun capolavoro di errore.

Se il totale dei millesimi è 1.000,11 ed il negozio ha 57,40/1.000,11 di proprietà, sulla spesa totale pagherà 57,40/1000,11esimi.

Non è obbligatorio esprimere il valore della proprietà in proporzione a 1.000.

S i può esprimere anche in 900esimi, 800esimi, 1.025esimi.

 

E' proprio il caso di un numero primo di box uguali che non è divisibile per 1.000.

 

Ad esempio, se hai 11 box uguali ai quali vuoi assegnare gli stessi pari millesimi, quanti millesimi assegneresti a ciascuno? Non puoi farlo a meno che non arrotondi almeno il valore di un box, rendendolo disuguale agli altri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Secondo me non c'è nessun capolavoro di errore.

1)Se il totale dei millesimi è 1.000,11 ed 2)il negozio ha 57,40/1.000,11 di proprietà, sulla spesa totale pagherà 57,40/1000,11esimi.

3)Non è obbligatorio esprimere il valore della proprietà in proporzione a 1.000.

S i può esprimere anche in 900esimi, 800esimi, 1.025esimi.

 

E' proprio il caso di un numero primo di box uguali che non è divisibile per 1.000.

 

Ad esempio, se hai 11 box uguali ai quali vuoi assegnare gli stessi pari millesimi, quanti millesimi assegneresti a ciascuno? Non puoi farlo a meno che non arrotondi almeno il valore di un box, rendendolo disuguale agli altri.

Sig. Leonardo purtroppo ha mal interoretato quanto ho scritto o forse non mi sono ben spiegato o magari il testo dei miei appunti di calcolo sui foglietti che ho utilizzato per coprire la scannerizzazione della pagina di Rendiconto onde coprire i nomi dei condomini a rispetto di privacy può avere indotto confusione in chi legge il post.

Pertanto, repetita iuvant e dunque ripeto spero più chiaramente evitando "battute": 1) i Millesimi di proprietà del Condominio SONO 1000,00.STOP. E' l'amministratore che ha ERRONEAMENTE inserito 1 posto auto in più da 0,11 M.Mi e così da 1.000,00 M.Mi in Tabelle Proprietà allegate al Regolamento Condominiale ci siamo ritrovati 1.000,11 m.mi sia nel Rendiconto primo anno che nel secondo di gestione ecc..... (spero sia chiaro, ora)

2) il Negozio indica una superficie totale di 4 negozi in quei 57,40 millesimi e la sua presenza nel foglio scannerizzato del Rendiconto è solo dovuta al foglietto che non ha coperto la riga ad esso riferita... le superfici dei negozi così come tutte le U.I. avrebbero dovuto fare riferimento sempre ai 1.000,00 M.Mi di proprietà.

3) per quanto sia certo possibile esprimere i M.Mi totali di ciascun condominio a partire da qualsiasi numero convenzionale -grande o piccolo di cifre che sia- in quanto BEN SAPPIAMO CHE LA MATEMATICA NON E' UN'OPINIONE, converrà credo, alla stregua di quanto postato da G.Ago al #4 e alla meraviglia esposta dal Moderatore Sig. G. Inga al #3 e anche dalla prima risposta ricevuta da Black StormChr..., che per convenzione e consuetudine è almeno CONVENIENTE usare 1.000,00 m,mi piuttosto che una cifra impari.... da cui poi ripartire altri numeri/importi che verrebbero giocoforza arrotondati per eccesso o per difetto....

 

Dunque in merito alle sue altre ipotesi finali è ovvio che un numero non perfettamente divisibile per un suo divisore -maggiore o minore che sia- deve essere arrotondato e frazionato in decimali anche periodici... ma ripeto la mia IPERBOLE nel designare l'errore dell'amministratore è soprattutto perchè NON SI E' MAI ACCORTO di tale errore, ed ha perseverato nel tempo....anni, e nemmeno noi condomini -fino a un certo punto- quando cioè io ho ritenuto necessario rivedere i conteggi dei Rendiconti "dell'artista" perchè siamo passati progressivamente da una gestione di meno di 50.000 euro/anno per gli interi 1.000,00M.Mi a 60.000 euro/anno per circa la metà di essi...! E badate bene, in questi recenti anni l'inflazione è stata negativa, no?

Se il sig. Leonardo avesse letto un po' più avanti nel mio post avrebbe visto indicati i millesimi precisi della Proprietà condominiale e la suddivisione arbitraria che ne è poi stata fatta.... pertanto lo invito a rileggere con attenzione il testo e considerare che essendo le U.I. 80 in totale a cui sono assegnate 76 pertinenze principali (i 4 negozi sono esclusi) e 79 pertinenze secondarie (i posti auto), da cui sempre esclusi sono i negozi, e infine che le superfici sia di tali U.I. che delle pertinenze tutte sono diseguali diciamo "a gruppi" e il Tecnico ripartitore dei M.Mi suddivise in modo equo, credo, seppur leggermente diseguali nei rispettivi gruppi, anche considerando disposizione ed esposizione degli immobili....

Spero di essere stato chiaro, seppure un po' prolisso.... santa pazienza del lettore che leggerà queste note.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sig. Leonardo purtroppo ha mal interoretato quanto ho scritto o forse non mi sono ben spiegato o magari il testo dei miei appunti di calcolo sui foglietti che ho utilizzato per coprire la scannerizzazione della pagina di Rendiconto onde coprire i nomi dei condomini a rispetto di privacy può avere indotto confusione in chi legge il post.

Pertanto, repetita iuvant e dunque ripeto spero più chiaramente evitando "battute": 1) i Millesimi di proprietà del Condominio SONO 1000,00.STOP. E' l'amministratore che ha ERRONEAMENTE inserito 1 posto auto in più da 0,11 M.Mi e così da 1.000,00 M.Mi in Tabelle Proprietà allegate al Regolamento Condominiale ci siamo ritrovati 1.000,11 m.mi sia nel Rendiconto primo anno che nel secondo di gestione ecc..... (spero sia chiaro, ora)

2) il Negozio indica una superficie totale di 4 negozi in quei 57,40 millesimi e la sua presenza nel foglio scannerizzato del Rendiconto è solo dovuta al foglietto che non ha coperto la riga ad esso riferita... le superfici dei negozi così come tutte le U.I. avrebbero dovuto fare riferimento sempre ai 1.000,00 M.Mi di proprietà.

3) per quanto sia certo possibile esprimere i M.Mi totali di ciascun condominio a partire da qualsiasi numero convenzionale -grande o piccolo di cifre che sia- in quanto BEN SAPPIAMO CHE LA MATEMATICA NON E' UN'OPINIONE, converrà credo, alla stregua di quanto postato da G.Ago al #4 e alla meraviglia esposta dal Moderatore Sig. G. Inga al #3 e anche dalla prima risposta ricevuta da Black StormChr..., che per convenzione e consuetudine è almeno CONVENIENTE usare 1.000,00 m,mi piuttosto che una cifra impari.... da cui poi ripartire altri numeri/importi che verrebbero giocoforza arrotondati per eccesso o per difetto....

 

Dunque in merito alle sue altre ipotesi finali è ovvio che un numero non perfettamente divisibile per un suo divisore -maggiore o minore che sia- deve essere arrotondato e frazionato in decimali anche periodici... ma ripeto la mia IPERBOLE nel designare l'errore dell'amministratore è soprattutto perchè NON SI E' MAI ACCORTO di tale errore, ed ha perseverato nel tempo....anni, e nemmeno noi condomini -fino a un certo punto- quando cioè io ho ritenuto necessario rivedere i conteggi dei Rendiconti "dell'artista" perchè siamo passati progressivamente da una gestione di meno di 50.000 euro/anno per gli interi 1.000,00M.Mi a 60.000 euro/anno per circa la metà di essi...! E badate bene, in questi recenti anni l'inflazione è stata negativa, no?

Se il sig. Leonardo avesse letto un po' più avanti nel mio post avrebbe visto indicati i millesimi precisi della Proprietà condominiale e la suddivisione arbitraria che ne è poi stata fatta.... pertanto lo invito a rileggere con attenzione il testo e considerare che essendo le U.I. 80 in totale a cui sono assegnate 76 pertinenze principali (i 4 negozi sono esclusi) e 79 pertinenze secondarie (i posti auto), da cui sempre esclusi sono i negozi, e infine che le superfici sia di tali U.I. che delle pertinenze tutte sono diseguali diciamo "a gruppi" e il Tecnico ripartitore dei M.Mi suddivise in modo equo, credo, seppur leggermente diseguali nei rispettivi gruppi, anche considerando disposizione ed esposizione degli immobili....

Spero di essere stato chiaro, seppure un po' prolisso.... santa pazienza del lettore che leggerà queste note.

Beh, se l'amministratore ha variato il totale millesimi inserendo unnuovo box senza passare dall'assemblea, evidentemente qualcosa non torna. per quanto riguarda i numeri, non li ho letto attentamente ma ho dato solo un'occhiata superficiale all'allegato i cui numeri si intravedono ma non sono nemmeno chiari, almeno sul mio monitor.

In ogni caso, volendo agire per il passato (per i rendiconti già approvati), credo che l'unica strada sia quella di richiedere in proprio un risarcimento danni da parte di chi è stato danneggiato, contestando un arricchimento indebito del condòmino o dei condòmini che ne hanno tratto vantaggio.

Contro l'amministratore cosa si può fare? Se si ritene che il comportamento è stato grave si può ottenere la revoca assembleare convoncendo l'assemblea oppure si potrà tentare l'ardua strada della revoca giudiziale da parte di anche un solo condòmino.

 

Tanto per parlare dell'esperienza del mio condominio, a causa di un amministratore di cui non riesco a trovare l'aggettivo abbiamo subito danni ben più gravi ma alla fine abbiamo optato per la revoca assembleare e dimenticarci il passato perchè quando si comincia una lite, l'unica cosa certa sono i costi da sostenere ma non c'è alcuna garanzia di recuperare ALMENO le spese legali sostenute.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie sig, Leonardo per il suo commento in cui prende atto del'errore del ns. -da poco + di 2 mesi ex- amministratore, avevo pensato all'errore CLAMOROSO perchè i post precedenti al suo avevano sottolineato l'impossibilità di arrotondare m.mi o di ripartire da m.mi totali diversi da 1.000,00 (anche perchè se di millesimi si parla questi DEVONO essere MILLE MILLESIMI per far quadrare i conti relativi alla loro totalità).

 

Per mettere i puntini sulle i, si tratta di 1 posto auto da 0,11m.mi (non box) aggiunto all'altro civico -che si è poi voluto separare, ma senza avere nè il terzo dei m.mi nè il 50+1 in assemblea!- e la relativa "delibera" se così si piò definire non riporta nemmeno uno straccio di votazione assembleare! e relatore-segretario fu proprio l'ex amm.re !

 

Quello che mi dà da pensare è che ANCHE LEI come vari altri utenti esperti di questo Forum alla fine delle considerazioni AVETE TUTTI CONSIGLIATO di mandare giù l'amaro boccone e.... tiremm 'nnanzi !

 

Il fatto è che le IRREGOLARITA' di gestione sono talmente tante che davvero quasi non si sa da dove cominciare !

Una parte di colpa è sicuramente di noi Condomini che abbiamo molte volte fatto assenze in assemblea rendendo impossibile deliberare, sicchè pare che un gruppetto di condomini di concerto con l'amministratore hanno deciso di deliberare dei lavori straordinari senza delibere e preventivi approvati o approvati solo in sede di assemblea di ratifica... ! E così ci siamo ritrovati a spendere cifre ASTRONOMICHE per lavori fatti e rifatti più volte, perchè mal fatti e quindi con problema iniziale che si ripresentava (citofoni, infiltrazioni, cancello carraio, crepuscolari, messa a terra, luci condominiali a volontà per un totale spese REGGETEVI FORTE di oltre 17mila euro nei 3 anni solo per 2 palazzine/scale pari a 495,61 millesimi sul totale di mille, sempre esclusi i famosi negozi sfitti e chiusi)...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
... Quello che mi dà da pensare è che ANCHE LEI come vari altri utenti esperti di questo Forum alla fine delle considerazioni AVETE TUTTI CONSIGLIATO di mandare giù l'amaro boccone e.... tiremm 'nnanzi ! ...

Io nasco amministratore interno nel 2009 per necessità perchè non era proprio nelle mie intenzioni fare l'amministratore interno, anzi date le nuove incombemze fiscali del 2007, decidemmo tutti di non alternarci più e di affidarci ad un professionista con tanto di attestato e timbro tondo, senza lesinare sul compenso.

Ero completamente ignorante in materia (sono un ex operaio in pensione senza titolo di studio) ed il grosso della formazione (e degli aiuti) l'ho avuto proprio su questo forum.

Riuscire a revocare uno scaltro amministratore con l'unanimità di 1.000 millesimi (compreso il voto di chi in buona fede l'aveva proposto) dopo tanti ostacoli fu già un successo. Riuscii comunque anche a scalare alcune spese non giustificate tanto che quando feci il passaggio di consegne con il suo avvocato, questi accettò la mia proposta "pro bona pace" (per salvare la faccia).

Al link di seguito c'è una discussione del 2009 che accenna la mia storia, dopo un anno di apprendimenti in questo forum al quale approdai nel 2008.https://www.condominioweb.com/archivio_forum/chiusura-esercizio-finanziario--.-95959/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Voglio rispondere subito e brevemente prima di visitare il Topic che mi ha segnalato in quan to -da buon novellino del Forum- Lei mi ha indirettamente chiarito cosa effettivamente significa "Amministratore interno"... io ero convinto significasse Amministratore del Forum ! Invece mi sembra di capire che vi definite Amministratore interno perchè risiedete ovvero siete condomini nello stesso condominio amministrato... o sbaglio?

Sempre qualcosa di nuovo si può imparare se....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Voglio rispondere subito e brevemente prima di visitare il Topic che mi ha segnalato in quan to -da buon novellino del Forum- Lei mi ha indirettamente chiarito cosa effettivamente significa "Amministratore interno"... io ero convinto significasse Amministratore del Forum ! Invece mi sembra di capire che vi definite Amministratore interno perchè risiedete ovvero siete condomini nello stesso condominio amministrato... o sbaglio?

Sempre qualcosa di nuovo si può imparare se....

Esatto, Amministratore interno si usa per dire che si è amministratori del condominio in cui si possiede una proprietà.

L'art. 61 bis consente all'amministratore condòmino (amministratore interno) di poter amministrare il proprio condominio senza alcun requisito professionale e senza dover frequentare alcun corso di aggiornamento.

Gli unici requisiti richiesti per l'amministratore condòmino sono quelli morali (fedina penale pulita)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Nel frattempo ho dato un'occhiata al link del post precedente e ho potuto leggere lo scambio di vedute tra Lei e erreemme circa la procedura migliore di agire per un neo-amministratore che rileva la gestione... approvare o non approvare ...questo è il problema ...ooops,, beh però tra le vostre citazioni alla fine e aneddoti il povero Nicolaide sembrava disperso tra i "massimi sistemi" e chiedeva ancora cosa fare con il suo benedetto Esercizio Finanziario !...

Capisco il suo consiglio di tirar giù una riga netta e ricominciare da zero... (o da tre?).. e sperare in un intervento .... di vino (!?) o di un "grande spirito" a cui l'utente esperto albano59 affida la chiusura dei suoi post (non vorei ricordar male, però..)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Intervengo sebbene in ritardo per esprimere un mio parere su questo fitto scambio di post. Certamente l’amministratore è “depositario” della fiducia dei condòmini ... o meglio dell’assemblea dei condòmini che è e rimane l’unico organo decisionale. Ed è proprio la perdita di fiducia che consente all’assemblea di revocare l’incarico a chiunque (anche un amministratore imposto da un giudice) in ogni tempo.

 

È del tutto superfluo condividere il fatto che se l’amministratore “aggiunge” un posto auto inesistente per far quadrare i millesimi di una tabella stiamo parlando di follia, perchè mai nessuno pagherà per questi millesimi dal momento che il condòmino che possiede un posto auto fantasma non esiste!

 

Rimane il fatto che spesso una tabella millesimale non quadra mai al millesimo pur con tre cifre decimali e se non si vuole aggiungere o togliere qualche punto a qualcuno, magari a casaccio, la tabella deve essere accettata per quello che è. La cosa importante è che la base di calcolo sia l’effettiva totalità dei millesimi, qualunque essa sia. Una tabella di proprietà che totalizza 900 millesimi (per mille motivi e per fare un esempio fuori dal comune) sebbene sia anomala non costituisce un problema se per il calcolo della ripartizione si userà il divisore 900. Sarebbe ben diverso se venisse utilizzato il divisore 1000, perchè in tal caso 100/1000 di spesa dovrebbero essere addebitati a qualcuno che non esiste ...

 

Una tabella millesimale viene redatta da un tecnico e approvata dall’assemblea. Da quel momento diventa intoccabile, salvo che non ricorrano le condizioni disposte dall’art. 69 dacc, o che l’assemblea non approvi altri criteri di riparto all’unanimità dei partecipanti al condominio (non all’assemblea).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Nel frattempo ho dato un'occhiata al link del post precedente e ho potuto leggere lo scambio di vedute tra Lei e erreemme circa la procedura migliore di agire per un neo-amministratore che rileva la gestione... approvare o non approvare ...questo è il problema ...ooops,, beh però tra le vostre citazioni alla fine e aneddoti il povero Nicolaide sembrava disperso tra i "massimi sistemi" e chiedeva ancora cosa fare con il suo benedetto Esercizio Finanziario !...

Capisco il suo consiglio di tirar giù una riga netta e ricominciare da zero... (o da tre?).. e sperare in un intervento .... di vino (!?) o di un "grande spirito" a cui l'utente esperto albano59 affida la chiusura dei suoi post (non vorei ricordar male, però..)

Quella discussione è sul vecchio forum che è stata indicizzata ma non segue un filo cronologico come in questa discussione, bensì un ordine alfabetico degli utenti per cui è come un puzzle in cui bisogna riposizionare gli interventi.

 

In quel mio caso specifico optammo per la soluzione che più ci sembrava ponderata.

Poichè c'erano spese giustificate da "pizzini" concordammo di pagargli i pizzini che ritenevamo spese comunque eseguite e non pagare i "pizzini" riportanti spese sconosciute ai condòmini.

Il rendiconto non fu approvato proprio perchè mancavano le ritenute d'acconto sui "pizzini" (lavoro nero non richiesto dai condòmini) e con quella delibera ci riservammo la rivalsa contro il rischio di pesanti sanzioni fiscali mentre con un rendiconto approvato l'amministratore poteva giustificarsi dicendo che glielo aveva chiesto l'assemblea, scaricandoci colpe non nostre.

Ripartii quello che rimase in cassa per millesimi di proprietà, imputandoli come saldi iniziali (per fortuna erano tutti saldi attivi) e ripartimmo da zero con i nuovi saldi attivi.

Per fortuna sono ormai trascorsi da un bel po' i 5 anni senza verifiche fiscali e tutto è andato a buon fine.

 

P.S. Quei pochi saldi attivi dei condòmini erano dovuti ad una grossa rendita di locazione di parte condominiale. In pratica il bonifico arrivava sul c/c del condominio e l'amministratore amminEstrava. Ora, annualmente, i saldi attivi sono di una certa consistenza.

 

P.S.S. Nel forum ci siamo tutti del TU; se mi dai del lei costringerai ad usare il lei anche a me e mi riesce difficile cambiare abitudine dopo 9 anni di frequenza su questo forum 😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Intervengo sebbene in ritardo per esprimere un mio parere su questo fitto scambio di post. Certamente l’amministratore è “depositario” della fiducia dei condòmini ... o meglio dell’assemblea dei condòmini che è e rimane l’unico organo decisionale. Ed è proprio la perdita di fiducia che consente all’assemblea di revocare l’incarico a chiunque (anche un amministratore imposto da un giudice) in ogni tempo.

 

È del tutto superfluo condividere il fatto che se l’amministratore “aggiunge” un posto auto inesistente per far quadrare i millesimi di una tabella stiamo parlando di follia, perchè mai nessuno pagherà per questi millesimi dal momento che il condòmino che possiede un posto auto fantasma non esiste!

 

omissis

 

Una tabella millesimale viene redatta da un tecnico e approvata dall’assemblea. Da quel momento diventa intoccabile, salvo che non ricorrano le condizioni disposte dall’art. 69 dacc, o che l’assemblea non approvi altri criteri di riparto all’unanimità dei partecipanti al condominio (non all’assemblea).

Grazie Leonardo sopratutto per avermi informato che sul Forum è meglio non usare la terza persona per non sembrare freddi o poco amichevoli.. la mia era solo una forma di rispetto per utenti "anziani" ed esperti... devo pure ancora capire bene come funziona l'inserzione dei post perchè più volte mi è capitato di perdere i messaggi che stavo scrivendo e ricominciare da capo (come ora che mi trovo sotto il post #16 di bilbetto mentre avevo iniziato sotto il #17 di Leonardo!

 

Orbene,tornsndo all'argomento, mi conforta ancora quanto scrivi bilbetto, ma preciso che l'ex amm.re ha aggiunto il posto auto NON PER FAR QUADRARE i m.mi perchè tale aggiunta ha fatto SBALLARE i m.mi! portandoli da 1.000,00 come erano in Tabelle a 1.000,11 !! ok?

Le Tabelle provengono da Contratto di acquisto degli immobili ceduti dall'unico proprietario del complesso immobiliare, con tanto di vidima del Notaio rogitante su dette Tabelle (proprietà generale, scale, p.auto scoperti, parti comuni e servizi..)...tali Tabelle furono allegate al R.d.C. ma -purtroppo per dimenticanza della segretaria del Notaio- NON ricevetti mai tali Tabelle fino a qualche mese fa che ne ebbi copia da un collega condomino.... In precedenza avevo dato per giuste le ripartizioni millesimali fatte in Riparti Preventivi e Consuntivi dell'amm.re.... fino alla goccia che ha fatto traboccare il vaso l'estate scorsa... (ma non il mio vaso, bensì quello degli altri condomini, almeno sembra...)

Sicchè, l'ex ha attribuito spese e rendite a tale u.i. di 0,11m.mi inesistente in realtà, ma attribuita all'ente che ci ha venduto gli immobili.... dunque i CONTI -seppure di cifre non importanti data l'esiguità dei m.mi- NON POSSONO TORNAR GIUSTI... o no?

 

Ma questo, come dicevo sopra, è un errore "veniale" rispetto ai successivi!

 

Dovrò, se ne trovo il tempo, aprire qualche nuovo Topic.... anzi se poteste suggerirmi in quale sezione inserire mi troverei già un po' avanti:

- errore ripartizione rendite condominiale fin dal 2013;

- errore preventivi di spesa ripetuti TUTTI GLI ANNI e ora da me comunicati al neo-amministratore presentatoci da altro condomino a cui abbiamo dato fiducia perchè ci spiegava che ravvisava irregolarità in Rendiconto 2016 ecc...., il quale non me ne dà atto

e invece richiede minacciosamente di pagare Conti della Gestione 2016 che l'Assemblea NON ha approvato per 2 volte di seguito richiedendo Revisione Legale di tutti i conti precedenti perchè l'ex riportava nelle Gestioni Saldi precedenti che molti condomini dichiarano non dovuti per aver saldato ogni bolletta...

- accredito Proventi di Rendite condominiali NON CONSIDERATO CON CRITERIO DI CASSA ma solo a fine Gestione SENZA DELIBERA CONDOMINIALE CHE AVESSE MAI DECISO CIO'. (con relative conseguenze)

- spese per servizi di manutenzione straordinaria estremamente alte e ripetute a breve distanza di tempo;

- addebiti di spese finanche QUADRUPLE di quanto specificato in verbale di delibera;

- mia recente contestazione di "Spese individuali" inserite in Rendiconti precedenti e specie quella di e.185 e spicci per una raccomandata da legale che ex amm.re mi ha inviato a richiesta di saldo bollette condominiali PRIMA DELL'APPROVAZIONE dello stesso Bilancio relativo all'anno! e SENZA alcun sollecito ricevuto preventivamente tramite posta o email... e nel merito tale lettera richiedente cifre NON DOVUTE come se NON AVESSI MAI PAGATO alcuna quota da inizio gestione!!! (a parte il discorso rendite condominiali come stabilite da R.d.C. e da specifico testo in Rogito notarile!

- inserimento di Rendite condominiali a Bilancio senza calcolo di RIVALUTAZIONE ISTAT delle quote canoni, ovvero con rivalutazioni insufficienti;

- attribuzione di spese di gestione sulle Rendite condominiali molto dubbie perchè le cifre in Rendiconto non riportano se comprensive di oneri fiscali (r.a. o iva o altro..) e se dovuti e in quale misura; in quanto ad un semplice calcolo tali importi non quadrano nè considerando r.a. 20% / ne iva 22%....

 

E potrei continuare, perchè queste sono le questioni che mi sovvengono al volo....

Ah, ne dimenticavo una davvero importante, forse LA MADRE DI TUTTI GLI INGHIPPI: l'aver avallato la suddivisione del Condominio iniziale (come stabilito e costituito in Rogito) con richiesta controfirmata da soli 323m.mi condominiali su 1.000,00 (ovvero 1.000,11) e NON VOTATA IN ASSEMBLEA!

 

Eh si, tutti questi atti sono avvenuti SOTTO i ns. OCCHI e NESSUNO ha mai contestato, essendo SOLO a richiedere l'intervento legale, decine di email inviate... solo alcune vaghe risposte di assenso ma più di rimando alle prossime assemblee.... ma poi i tempi incalzavano per continue ulteriori "urgenze" da affrontare...

 

Ed ora quest'ultima "GATTOPARDATA" ? Cambiare l'ex perchè NULLA CAMBI ?

- a Rendiconto 2016 non approvato e con Richiesta di Revisione Legale Totale può il neo amm.re richiedere (con minacce di azione legale) di pagare le quote condominiali senza nemmeno considerare che in parte le quote di spettanza vengono compensate dalle Rendite Condominiali?

 

Ora però mi fermo.. devo andare a pagare l'F24 per il saldo posto auto scoperto che -essendo seconda pertinenza- PAGA L'IMU pur essendo pertinenza di 1° casa....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
omissis ...E così ci siamo ritrovati a spendere cifre ASTRONOMICHE per lavori fatti e rifatti più volte, perchè mal fatti e quindi con problema iniziale che si ripresentava (citofoni, infiltrazioni, cancello carraio, crepuscolari, messa a terra, luci condominiali a volontà [B]per un totale spese REGGETEVI FORTE di oltre 17mila euro nei 3 anni solo per 2 palazzine/scale [/b]pari a 495,61 millesimi sul totale di mille, sempre esclusi i famosi negozi sfitti e chiusi)...

Mi devo correggere ancora perchè, come ho scritto nel passo sopra evidenziato, sembra che il Totale di TUTTE le categorie di spesa siano costate 17mila euro....e così sarebbe una cifra affatto inusitata...., e invece no, oltre 17.000 euro sono stati spesi -secondo Rendiconti- SOLO per sostituzioni lampade, plafoniere e lampioncini ! Esclusi consumi energia elettrica....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×