Vai al contenuto
Lothar

Superbonus 110%: il condomino che rifiuta di aderire all�agevolazione paga di tasca proprietaria i lavori condominiali?

Danielabi dice:

O rinunci alla detrazione (con relativa cessione o sconto) pagando interamente il dovuto, oppure convinci gli altri condòmini ad accollarsi il tuo costo.

Non ci sono alternative.

Immaginavo, ho provato a domandare all'amministratore la possibilità, tramite mail, attendo la risposta. 

 

Forse è meglio avviare una comunicazione formale data la delicatezza dell'argomento. 

 

Trovo assurdo comunque che si imponga a una persona o fai come diciamo noi o vendi casa.

 

  • Mi piace 1
nexus061@inwind.it dice:

Trovo assurdo comunque che si imponga a una persona o fai come diciamo noi o vendi casa.

 

Be'....è la regola di tutti gli interventi attuati in condomìnio: si deve seguire la volontà della maggioranza.

Danielabi dice:

Be'....è la regola di tutti gli interventi attuati in condomìnio: si deve seguire la volontà della maggioranza.

Scommetto che se proponevano interventi per 40k a cranio cash, sta volontà decadeva. Nemo ad impossibilia tenetur.

  • Mi piace 3
nexus061@inwind.it dice:

Scommetto che se proponevano interventi per 40k a cranio cash, sta volontà decadeva. Nemo ad impossibilia tenetur. 

Nel caso del superbonus, il principio che hai esposto non è valido, perchè grazie alla cessione del credito l'obbligazione è possibile. L'introduzione della cessione (o dello sconto) ha reso fruibile il super bonus a tutti.

 

Danielabi dice:

Nel caso del superbonus, il principio che hai esposto non è valido, perchè grazie alla cessione del credito l'obbligazione è possibile. L'introduzione della cessione (o dello sconto) ha reso fruibile il super bonus a tutti.

 

Con il rischio della sorpresone finale. Continuo a vedere l'assurdità. 8 anni per fare le verifiche sono lunghi. E lo stato è sempre affamato di risorse. Io di solito sono abituato a fare i passi commisurati alle possibilità che ho e non credo nei soldi regalati.

Modificato da nexus061@inwind.it
nexus061@inwind.it dice:

Con il rischio della sorpresone finale. Continuo a vedere l'assurdità. 8 anni per fare le verifiche sono lunghi. E lo stato è sempre affamato di risorse. Io di solito sono abituato a fare i passi commisurati alle possibilità che ho e non credo nei soldi regalati.

Il fatto che tu voglia fare passi piccoli e creda poco è legittimo, ma non può impedire agli altri condomini di realizzare i lavori che ritengono necessari o comunque utili.

Puoi naturalmente evitare di avvalerti dei bonus fiscali, nel qual caso pagherai di più ma non avrai il rischio di controlli e sanzioni.

condo77 dice:

Il fatto che tu voglia fare passi piccoli e creda poco è legittimo, ma non può impedire agli altri condomini di realizzare i lavori che ritengono necessari o comunque utili.

Puoi naturalmente evitare di avvalerti dei bonus fiscali, nel qual caso pagherai di più ma non avrai il rischio di controlli e sanzioni.

Credo che gli altri non mi debbano obbligare a vendere, come penso invece sarò costretto a fare. Sempre i diritti di qualcuno vengono lesi.

nexus061@inwind.it dice:

Credo che gli altri non mi debbano obbligare a vendere, come penso invece sarò costretto a fare. Sempre i diritti di qualcuno vengono lesi.

non ti obbligano a vendere ma a pagare

in condominio tutti devono pagare le spese condominiali e anche le spese straordinarie sono spese condominiali

condo77 dice:

non ti obbligano a vendere ma a pagare

in condominio tutti devono pagare le spese condominiali e anche le spese straordinarie sono spese condominiali

Non ho i soldi da spendere, quindi di fatto sono costretto.

nexus061@inwind.it dice:

Non ho i soldi da spendere, quindi di fatto sono costretto.

questo vale per tutte le spese condominiali

può valutare la possibilità di chiedere un prestito, oppure come suggeriva Daniela convinci uno o più condomini ad assumersi la tua quota di spesa e di detrazione

condo77 dice:

questo vale per tutte le spese condominiali

può valutare la possibilità di chiedere un prestito, oppure come suggeriva Daniela convinci uno o più condomini ad assumersi la tua quota di spesa e di detrazione

La seconda è l'unica cosa fattibile, ho già il mutuo sulle spalle e non posso dilapidare tutti i risparmi di una vita per fare contenti gli altri. Ripeto che non è una spesa standard, credo che pochi possano spendere 30k 35k sull'unghia. Io non sono tra quei fortunati.

 

nexus061@inwind.it dice:

credo che pochi possano spendere 30k 35k sull'unghia. Io non sono tra quei fortunati.

 

In realtà molti condòmini non hanno tale possibilità, tanto è che esiste la cessione del credito.

A mio parere il superbonus è stato un po' troppo demonizzato, sembra quasi inevitabile che AdE recuperi l'intera cifra, piu' sanzioni e interessi.

Per recuperare l'intera cifra è necessario non superare le due classi di efficienza energetica. Se poi si detraggono costi che non andrebbero detratti, si recuperano solo quelli.

In sostanza, se l'asseveratore fa il suo lavoro, non si va incontro a catastrofe certa; per contro si ha la possibilità di rendere piu' confortevole l'abitazione, di risparmiare un po' sulle bollette, di emettere meno inquinanti....

La situazione andrebbe valutata con piu' attenzione e un po' meno patema d'animo, a mio parere, vedi tu.🙂

 

 

  • Mi piace 1
Danielabi dice:

In realtà molti condòmini non hanno tale possibilità, tanto è che esiste la cessione del credito.

A mio parere il superbonus è stato un po' troppo demonizzato, sembra quasi inevitabile che AdE recuperi l'intera cifra, piu' sanzioni e interessi.

Per recuperare l'intera cifra è necessario non superare le due classi di efficienza energetica. Se poi si detraggono costi che non andrebbero detratti, si recuperano solo quelli.

In sostanza, se l'asseveratore fa il suo lavoro, non si va incontro a catastrofe certa; per contro si ha la possibilità di rendere piu' confortevole l'abitazione, di risparmiare un po' sulle bollette, di emettere meno inquinanti....

La situazione andrebbe valutata con piu' attenzione e un po' meno patema d'animo, a mio parere, vedi tu.🙂

 

 

Avendo già avuto a che fare con i simpaticoni per errori altrui non ho fiducia. Tendo a evitare le situazioni di cui non ho controllo è questa è una dove mi sento con le spalle al muro impossibilitato a reagire.

nexus061@inwind.it dice:

Avendo già avuto a che fare con i simpaticoni per errori altrui non ho fiducia. Tendo a evitare le situazioni di cui non ho controllo è questa è una dove mi sento con le spalle al muro impossibilitato a reagire.

Sono poche le situazioni in cui abbiamo il controllo e il loro nome è illusione. 😉

Buonasera, nel mio condominio si dovrebbe procedere col superbonus,  ho comunicato  le mie volontà via mail all'amministratore ma poi c'è sempre qualcosa che non ho considerato e cambio idea, sto solo facendo confusione, volevo sapere se si tiene conto delle comunicazioni inviate via email o  conta solo ciò che viene deciso in regolare assemblea,lo preferirei xche almeno potrei chiarire i miei dubbi prima di votare, in tal caso devo scrivere all'amministratore di non tenere conto delle mie comunicazioni precedenti o va da sé che non contano nulla? 

Buonasera a te.

La decisione di procedere con il superbonus sulle parti comuni è presa dall'assemblea.

Per le parti private, contano le comunicazioni effettuate dai singoli. Dovrebbe essere fatta firmare apposita dichiarazione (le mail, direi che non siano il mezzo piu' adatto)

In ogni caso, sempre per chiarezza, meglio se comunichi all'amministratore che cio' che gli hai inviato non deve essere tenuto in considerazione.

Grazie per la risposta, quindi almeno  teoricamente questa dichiarazione dovrebbe essere fatta firmare in assemblea? 

Annap2021 dice:

Grazie per la risposta, quindi almeno  teoricamente questa dichiarazione dovrebbe essere fatta firmare in assemblea? 

in assemblea, ma anche a posteriori.

Considerando che ad oggi è stato deliberato solo l uscita del tecnico per lo studio di prefattibilita secondo Lei sono ancora  in tempo ad aderire agli interventi trainati all interno dell ' alloggio? Purtroppo non conoscendo bene la materia aevo scritto di no ma alla luce di cose che ho scoperto ho cambiato idea in quanto non voglio essere di intralcio agli altri condomini.... 

Complimenti x il sito è un grande punto di riferimento si trovano info altre enti difficili da reperire 

Annap2021 dice:

Considerando che ad oggi è stato deliberato solo l uscita del tecnico per lo studio di prefattibilita secondo Lei sono ancora  in tempo ad aderire agli interventi trainati all interno dell ' alloggio?

Assolutamente si.

Il tecnico dovrà stabilire se esistano i presupposti per l'intervento; se l'assemblea a questo punto deciderà di proseguire, il tecnico stilerà un progetto esecutivo, che comprenderà anche gli interventi trainati. Direi che hai tutto il tempo necessario.

 

Annap2021 dice:

Complimenti x il sito è un grande punto di riferimento si trovano info altre enti difficili da reperire

Grazie. 🙂

Danielabi dice:

Il tecnico dovrà stabilire se esistano i presupposti per l'intervento; se l'assemblea a questo punto deciderà di proseguire, il tecnico stilerà un progetto esecutivo, che comprenderà anche gli interventi trainati. Direi che hai tutto il tempo necessario.

Quindi prima si presenta in assemblea un progetto sommario e poi una volta raccolta l'adesione agli interventi trainati si procede con la presentazione del progetto esecutivo? È necessario fare due approvazioni o è sufficiente solo quella del progetto esecutivo? 

Martina_ dice:

È necessario fare due approvazioni o è sufficiente solo quella del progetto esecutivo? 

Dipende molto da come viene impostato il lavoro sia dal tecnico che dall'amministratore.

Io ho già fatto due assemblee per avere l'assenso al progetto esecutivo, dopo la presentazione dello studio preliminare, alcuni ne fanno meno.....dipende. La dichiarazione per gli interventi trainati io l'ho fatta firmare alla prima assemblea, perchè con il tecnico avevamo già definito l'eventuale step successivo.

Dipende....

Danielabi dice:

Assolutamente si.

Il tecnico dovrà stabilire se esistano i presupposti per l'intervento; se l'assemblea a questo punto deciderà di proseguire, il tecnico stilerà un progetto esecutivo, che comprenderà anche gli interventi trainati. Direi che hai tutto il tempo necessario.

 

Grazie. 🙂

Ok....solo un dubbio ...non mi è chiaro questo ma quindi il tecnico stabilisce se ci sono i presupposti a prescindere dal  il mio alloggio?o meglio a prescindere da tutti gli alloggi? cioè dato che mi sembra di capire che prima ci dicono che i lavori possono essere fatti, poi ci chiedono quanti e quali vogliamo fare nelle parti private ... Ma quindi il tecnico inizialmente fa i calcoli per stabilire se il tutto può essere fatto o no senza sapere di preciso cosa verrà o  non verrà fatto dai singoli alloggi che questo viene stabilito nella riunione successiva? Come fa? 

Molti tecnici effettuano un sopralluogo negli appartamenti, non necessariamente tutti, necessari per stabilire quale sia l'attuale classe di efficienza energetica dell'edificio.

In base al sopralluogo, stabiliscono quali siano gli interventi minimi, sia sulle parti comuni che per le parti private, per poter fare il salto di due classi energetiche.

Solitamente negli appartamenti viene suggerito il cambio degli infissi e/o della caldaia, se non centralizzata.

Ovviamente, ogni proprietario di appartamento potrà aggiungere (ma anche togliere...) altri interventi di ecobonus.

Quindi, si parte da una base "suggerita" che puo' essere implementata in base alle proprie esigenze.

Sempre in accordo con il tecnico.

Annap2021 dice:

Ok....solo un dubbio ...non mi è chiaro questo ma quindi il tecnico stabilisce se ci sono i presupposti a prescindere dal  il mio alloggio?o meglio a prescindere da tutti gli alloggi? cioè dato che mi sembra di capire che prima ci dicono che i lavori possono essere fatti, poi ci chiedono quanti e quali vogliamo fare nelle parti private ... Ma quindi il tecnico inizialmente fa i calcoli per stabilire se il tutto può essere fatto o no senza sapere di preciso cosa verrà o  non verrà fatto dai singoli alloggi che questo viene stabilito nella riunione successiva? Come fa? 

Solitamente si verifica il rispetto dei requisiti a prescindere dagli interventi individuali, rispetto ai quali non v'è certezza d'esecuzione (dato che ciascun condomino potrebbe anche cambiare idea e non realizzare quanto inizialmente dichiarato, mentre sulle parti comuni una delibera è vincolante).

Modificato da condo77
×