Vai al contenuto
saverio ricco

Superbonus 110% (cappotto)

PRIMO QUESITO

Il mio condominio è composto da 5 palazzine per complessive 31 unità immobiliari con sub progressivi, giardino comune, garages con due ingressi che permettono il senso unico; 4 palazzine sono composte da 6 unità immobiliari, una da 7 unità immobiliari, per complessive 31 unità immobiliari.

Cinque condomini di una palazzina vorrebbero realizzare un cappotto termico usufruendo del superbonus 110% e ritenengono di avere diritto al superbonus nella misura massima di € 40.000 per ogni unità immobiliare, perchè ritengono che il fabbricato sia composto da meno di otto unità immobiliari.

Lo scrivente non è d'accordo sulla suddetta quantificazione perchè crede che l'amministrazione finanziaria dia sempre interpretazioni restrittive, quindi lo scrivente è del parere che il massimale relativamente al cappotto debba essere così calcolato:

€ 40.000 x 8 = € 320.000

€ 30.000 x 23 = € 690.000

totale 31 € 1.010.000 : 31 = € 32.580 : 5 anni = € 6.516 (quota annuale detraibile in ciascun anno di imposta)

SI PREGA FAR CONOSCERE IL PROPRIO PARERE.

 

SECONDO QUESITO

Indipendentemente dalla quantificazione del massimale di superbonus spettante lo scrivente propone un quesito relativo all'incapienza del superbonus rispetto all'imposta lorda.

Gli altri condomini sostengomo che le incapienze si verifichino solo presentando la dichiarazione dei redditi ma possono essere evitate optando per lo sconto in fattura, perchè all'impresa si può dichiarare la detrazione massima prevista dall legge.

Lo scrivente sostiene che tale interpretazione sia incostituzionale perchè viola il principio dell'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge.

Giova ricordare che l'amministratore del condominio dovrà presentare la comunicazione istituita con disposizione del direttore dell'agenzia delle entrate prot. numro 283847/2020, dal cui esame emergeranno i recuperi per incapienze godute ma non spettanti.

Con tali recuperi sarà eliminato il diverso trattamento fra chi ha optato per la cessione del credito in fattura e chi lo ha detratto nella dichiarazione dei redditi

SI PREGA FAR CONOSCERE IL PROPRIO PARERE.

Nell'attesa porgo distinti saluti

 

saverio ricco dice:

SI PREGA FAR CONOSCERE IL PROPRIO PARERE.

Scusa ma non è molto invitante a risponderti.

Gli inviti perentori provocano l'effetto opposto.

 

Antonio

saverio ricco dice:

SI PREGA FAR CONOSCERE IL PROPRIO PARERE

I garage, se accatastati separateamente dalle abitazioni, contano come unità immobiliare.

Rifarei il calcolo alla luce degli appartamenti + garages per ogni immobile

 

saverio ricco dice:

SI PREGA FAR CONOSCERE IL PROPRIO PARERE.

La cessione del credito è stata inserita proprio per i casi di incapienza, in modo che tutti possano detrarre le spese (in dichiarazione o con cessione).

Molinodoppio dice:

Scusa ma non è molto invitante a risponderti.

Gli inviti perentori provocano l'effetto opposto.

 

Antonio

Scusami, secondo la mia ignoranza non volevo fare un invito perentorio ma utilizzare una formula gentile, sovente utilizzata per fare un interpello ai nostri superiori gerarchici. Ti prego umilmente di scusare la mia profonda ignoranza.

  • Mi piace 1

ciao Saverio.Premetto che io sono solo un "lettore" del forum senza alcun titolo se non quello di abitare in un condominio meno complicato del tuo,e ci tengo a dire che non so nemmeno se sia "corretto" in questo forum intervenire cosi' come sto facendo io,voglio dire non sono un amministratore ecc... ecc... pero' voglio portare la mia esperienza ,  nel "mio piccolo" con la situazione del nostro condominio con piu' costruzioni. Si e' evidenziato che Solo la palazzina che fa i "lavori" potrebbe usufruire dell'ecobonus (tutto riparametrato a 1000) ,ma che se questi "lavori", come tipo il cappotto,potesse  influire su cambio radicale di  facciata , potrebbe non essere legittimo farli. Tutto dipende dal fatto che il condominio in tutte le sue unita'  sia considerato UNO o no...spero di essermi spiegato bene.

Poi colgo l'occasione per chiedere un po' di comprensione per Chi magari non e' proprio abituato al linguaggio del web: forse si risulta un po' pretenziosi,ma magari solo per lo sforzo di sintesi tra sintassi e problema.....

 Beppe

  • Mi piace 1

grosso modo la pensi come me, però il vero problema sarebbe nella cessione del credito, chi non ha capienza nell'imposta lorda perde l'eccedenza se presenta la dichiarazione dei redditi e chi opta per la cessione del credito non perderebbe nulla?

Seralia dice:

I garage, se accatastati separateamente dalle abitazioni, contano come unità immobiliare. 

Rifarei il calcolo alla luce degli appartamenti + garages per ogni immobile 

Sei sicuro che debbano essere considerati anche i garages? Io mi ricordo che possono essere considerati solo gli ambienti dotati di un impianto termico di riscaldamento (anche se non attualmente funzionante) e di solito i garages ne sono sprovvisti. Quando è cambiata la norma?

ciao Saverio. No,non credo che intendiamo lo stesso calcolo. Se da te solo una palazzina vuole fare il cappotto,bisogna vedere se puo' farlo rispettando la facciata comune se e' uguale per tutte (da noi,per esempio con una pietra faccia vista+mattoncini non e' stato possibile essendo considerati un solo condominio... la facciata sarebbe cambiata in modo radicale e per ora il responso e'  "o tutti o nessuno"  perche' poi le regole sono sempre le stesse nei condomini, e per cambi radicali serve l'unanimita' o quasi...non basta la maggioranza semplice)

Ma diciamo che se l'unica palazzina che vuole fare il cappotto da te,puo' farlo e glia ltri possono  non partecipare all'intervento....allora solo i 6 appartamenti di quella palazzina potranno usufruire dell'Ecobonus.

Quindi potrebbe essere vero che sono sotto 8 con relativo calcolo....

Io porto qui solo la mia esperienza ,per un problema simile,ma non uguale.... e non ancora completamente risolto.

Buona serata...grazie per l'attenzione.

Beppe

saverio ricco dice:

Cinque condomini di una palazzina vorrebbero realizzare un cappotto termico usufruendo del superbonus 110% e ritenengono di avere diritto al superbonus nella misura massima di € 40.000 per ogni unità immobiliare, perchè ritengono che il fabbricato sia composto da meno di otto unità immobiliari.

E' corretto 5*40.000 €, il calcolo va fatto ad edificio non a condominio.

fulmine.blu dice:

Sei sicuro che debbano essere considerati anche i garages? Io mi ricordo che possono essere considerati solo gli ambienti dotati di un impianto termico di riscaldamento (anche se non attualmente funzionante) e di solito i garages ne sono sprovvisti. Quando è cambiata la norma?

I garage alla pari delle altre unità immobiliari separatamente accatastate vanno considerati come moltiplicatore se fanno parte dello stesso edificio oggetto d'intervento.

Qui non mi pare facciano parte dello stesso edificio ma siano collocati separatamente, quindi per questo non se ne tiene conto.

 

Quanto riporti tu è corretto ma è questione diversa: il cappotto dev'essere posto in corrispondenza di ambienti riscaldati, in particolare sulla superficie disperdente che separa appunto ambienti riscaldati da ambienti non riscaldati o ambienti riscaldati dall'esterno. Non si parla di massimale ma di dove fisciamente si può mettere il cappotto.

Ovvero: un garage separatamente accatastato, non riscaldato, dentro il perimetro dell'edificio funge da moltiplicatore per il massimale ma non può essere rivestito dal cappotto (ovvero solo il soffitto se sopra si trovano ambienti riscaldati).

saverio ricco dice:

Gli altri condomini sostengomo che le incapienze si verifichino solo presentando la dichiarazione dei redditi ma possono essere evitate optando per lo sconto in fattura, perchè all'impresa si può dichiarare la detrazione massima prevista dall legge.

E' corretto quanto sostengono.

saverio ricco dice:

Lo scrivente sostiene che tale interpretazione sia incostituzionale perchè viola il principio dell'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge.

L'eguaglianza c'è, perché tutti maturano lo stesso credito fiscale, purché siano contribuenti (anche un incapiente è contribuente, solo è un contribuente il cui carico fiscale è pari a zero).

Questo credito fiscale maturato può essere portato in detrazione o ceduto ad altri (alla ditta esecutrice mediante lo sconto in fattura o a praticamente chiunque con la cessione).

Se il contribuente sceglie di portarlo in detrazione ma non ha IRPEF da cui detrarlo, allora tale detrazione non produrrà alcun effetto (dato che la possibilità di un IRPEF negativa da rimborsare non è contemplata).

Modificato da condo77
  • Grazie 1

Salve a tutti ..metto su questo argomento un quesito ..non so se off topic.. nel caso di un edificio con facciate in cortina ..per il superbonus come viene calcolato il 25%? Ho letto da qualche parte che la superficie disperdente viene considerata in modo differente..qualcuno conosce questa situazione.Grazie per l'attenzione.

ciao Nunzio. Io posso solo dirti quello che sta succedendo al nostro Condominio. Se per facciata in  cortina intendi una facciata in mattoni e siete tutti proprietari,posso dire che nel nostro condominio si e' verificato che per procedere con i lavori che cambiano la facciata in modo radicale serve una maggioranza diversa da quella prevista per l'Ecobonus. Se questa maggioranza c'e', si puo' ricoprire il tutto  col cappotto e colorare ...  soluzione che cambia radicalmente l'aspetto originario del palazzo per cui da noi stanno dicendo che serve l'unanimita' (o almeno i 2/3). 

Risolto questo problema ,serve vedere se col cappotto  si fa il salto di 2 classi energetiche....

Non prendere per oro colato quello che ho scritto....e' solo l'esperienza che finora ho dove abito.

buona serata

Beppe

  • Grazie 1
Nunzio dice:

Salve a tutti ..metto su questo argomento un quesito ..non so se off topic.. nel caso di un edificio con facciate in cortina ..per il superbonus come viene calcolato il 25%? Ho letto da qualche parte che la superficie disperdente viene considerata in modo differente..qualcuno conosce questa situazione.Grazie per l'attenzione.

Non viene calcolata in modo differente che io sappia.

Forse quanto avevi letto si riferiva al bonus facciate e non al superbonus?

 

ATTENZIONE
Il calcolo della percentuale, prevista nella misura del 10% dell’intonaco della superficie
disperdente lorda complessiva dell’edificio, va effettuato tenendo conto del totale della
superficie complessiva disperdente. In sostanza, l’intervento deve interessare
l'intonaco per oltre il 10% della superficie lorda complessiva disperdente (pareti
verticali, pavimenti, tetti, infissi) confinante con l'esterno, vani freddi o terreno.
Nel caso in cui parti della facciata siano rivestite in piastrelle o altri materiali, che non
rendono possibile interventi influenti dal punto di vista termico - se non mutando
completamente l’aspetto dell’edificio - la verifica sul superamento del limite del 10%
va fatta eseguendo il rapporto tra la restante superficie della facciata interessata
dall’intervento e la superficie totale lorda complessiva della superficie disperdente.

[Guida BONUS FACCIATE dell'Agenzia delle Entrate - febbraio 2020 - pag. 8]

×