Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
capriccio.vitergia

Super condominio, è obbligo la sua formazione?

buon giorno a tutti,

vorrei sottoporre alla vostra attenzione le problematiche di dove vive mia mamma e capirne di più su come comportarmi per risolvere i problemi, vi espongo il problema:

mia mamma vive in un comprensorio di tre fabbricati costituiti da due scale ognuno, e ogni scala ha otto piani e il suo N° civico, quindi sei numeri civici, sei cancelletti e sei portoni d'ingresso e sei citofoniere.... (spero di essere stato chiaro)

in comune hanno:

le rampe d'ingresso ai box, il cortile, il riscaldamento centralizzato, l'impianto elettrico (ascensore, caldaia, e illuminazione scale e giardino)

da qui le domande:

a) è sufficiente che un solo dei condomini richieda la scissione delle due gestioni?

b) è l'assemblea che deve deliberarla?

c) se per ipotesi al civico 1 si rompe l'ascensore (o altro) gli altri civici devono partecipare alle spese?

d) sempre per ipotesi, se al civico 1, vogliono fare dei lavori straordinari, che ne so, cambiare il portone d'ingresso, devono deliberare e/o partecipare alle spese anche gli altri civici?

scusate le tante domande ma, c'è bisogno che io mi informi e mi tolgo qualche dubbio in merito a questi problemi, visto che mia mamma ormai anziana lascia a me la responsabilità delle decisioni....

Grazie anticipatamente a chi vuole darmi delle risposte

cordialità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve, siamo in presenza di un unico condominio con tre edifici e sei scale. In pratica ogni edificio può essere considerato come condominio parziale così come ogni scala. Quindi se un intervento riguarda un singolo edificio lo pagano solo i condòmini di quell'edificio; se l'intervento riguarda una singola scala la spesa verrà ripartita solo fra i condòmini di quella scala. Per lo scioglimento del condominio occorre la maggioranza degli intervenuti in assemblea con apposito ordine del giorno che rappresentino almeno 500 mill sul totale del condominio(quindi di tutti e tre gli edifici). Oppure può essere disposto dall'autorità giudiziaria anche su richiesta di almeno 1/3 dei comproprietari dell'edificio che vuole distaccarsi. Lo scioglimento sarà comunque possibile solo se gli edifici hanno le caratteristiche di edifici autonomi. Art. 61 DACC. Nel caso in cui si proceda allo scioglimento, per la gestione delle parti in comune dei vari edifici si darà vita al cosiddetto supercondominio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

fin qui, diciamo di essere d'accordo,

se al civico 1 si rompe la serratura del portone, la riparazione dovrebbero pagarla solo i condomini del civico 1

(invece l'amministratore divide per tutti i condomini, tutti, non solo quelli del civico 1)

chiedo scusa, però vorrei sapere di più,

mettiamo che, mia mamma abita al civico 3, e in quella scala (non tutti) vogliono cambiarsi il portone d'ingresso,

se viene messo nell'ordine del giorno, e all'assemblea ci sono anche gli altri (degli altri civici) e viene bocciata la proposta, come si procede, o meglio,

come si dovrebbe procedere, qual'è la prassi corretta?

grazie ancora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve, ma non ho compreso la domanda. Qual'è la prassi corretta per fare cosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se al civico 1 si rompe la serratura, la spesa della riparazione/sostituzione è a carico del solo civico 1 (Art. 1123 c.c. III comma)

Se al civico 3 vogliono cambiare il portone, si decide in assemblea dei soli condòmini del civico 3 e se raggiungono il quorum si fà il lavoro.

In tali casi, siamo in presenza di un "condominio parziale".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se al civico 3 vogliono cambiare il portone, si decide in assemblea dei soli condòmini del civico 3 e se raggiungono il quorum si fà il lavoro.

.

chiedo scusa, sempre per chiarire,

l'amministratore mette nell'ordine del giorno che,

il civico3 vuole cambiare il portone d'ingresso e all'assemblea si presentano soltanto due dello stesso civico e sono d'accordo al cambio del portone,

si può cambiare il portone?

 

- - - Aggiornato - - -

 

Salve, ma non ho compreso la domanda. Qual'è la prassi corretta per fare cosa?

mi scuso per non essere stato chiaro, comunque il sig. Inga mi ha risposto (solo che non ho capito bene e glio ho fatto una domanda più specifica).

grazie molto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

quanti condomini abitano al numero civico 3 ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
quanti condomini abitano al numero civico 3 ?

quattordici, due per piano, poi c'è il piano"S" che porta ai box

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

quindi 2 condomini sono pochi per poter deliberare la sostituzione del portone .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
quindi 2 condomini sono pochi per poter deliberare la sostituzione del portone .

allora, se gli altri non vengono non si potrà mai deliberare e decidere niente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

si vede che non interessa sostituire il portone . magari interverranno in altre assemblee .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
si vede che non interessa sostituire il portone . magari interverranno in altre assemblee .

grazie a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×