Vai al contenuto
EventHorizon

Spese sottobalcone con veranda montata a tetto

Da due anni sono proprietario di un appartamento situato al secondo piano di una palazzina,

l'appartamento sottoastante non è abitato da 20 anni.

 

Il proprietario del piano sottostante mi chiede la sistemazione del tetto del balcone in quanto presenta

evidenti segni di decadimento, probabilmente presenti anche prima che venissimo ad abitarci

Quest'ultima affermazione è stata dedotta in seguito a una perizia che ha rilevato segni di riparazione

grossolana fatta in passato (prima che venissi ad abitarci).

 

Da quello che so il tetto del balcone è di mia competenza e da quello che leggo mi è sembrato di capire

che è considerato di mia proprietà quindi le spese per ripararlo sarebbero a mio carico.

 

Il mio dubbio è dovuto al fatto che nell'appartamento sottostante c'è montata una

veranda ancorata al mio tetto.

 

Quindi, dato che il tetto viene da lui utilizzato come copertura (veranda ancorata), posso chiedere che vengano ripartite

le spese per i lavori da fare? se si in che proporzione?

o in alternativa che la veranda venga rimossa o almeno allontanata dal mio tetto a spese sue,

in modo da permettermi di effettuare i lavori per il ripristino?

 

Se una di queste strade fosse percorribile sapreste indicarmi dei riferimenti legali a cui appoggiarmi per avvallare la mia richiesta?

 

Grazie in anticipo per una eventuale risposta

Se parli di un balcone aggettante,legalmente il sottobalcone è tuo.Ma,c'è una servitù abusiva.

Il sottostante rivendica e pretende che lo ristrutturi dimenticando che lui lo utilizza.

A questo punto devi obbligarlo a staccarsi.

1) Per poter effettuare i lavori.

2) Essendo una tua proprietà non può' ancorare senza il tuo consenso.

----------------------------------------------------------------------------

Diritto di agganciare le tende alla soletta del balcone "aggettante"

La corte, con sentenza del 17 luglio 2007, n. 15913.

Ha precisato che l'art. 1125 c.c. non può trovare applicazione nel caso dei balconi "aggettanti", i quali sporgendo dalla facciata dell'edificio, costituiscono solo un prolungamento dell’appartamento dal quale protendono; e, non svolgendo alcuna funzione di sostegno, né di necessaria copertura dell'edificio (come, viceversa, accade per le terrazze a livello incassate nel corpo dell’edificio), non possono considerarsi a servizio dei piani sovrapposti e, quindi, di proprietà comune dei proprietari di tali piani; ma rientrano nella proprietà esclusiva dei titolari degli appartamenti cui accedono.

Ne consegue che il proprietario dell’appartamento sito al piano inferiore, non può agganciare le tende alla soletta del balcone "aggettante" sovrastante, se non con il consenso del proprietario dell'appartamento sovrastante.

Ne consegue che i lavori di ripristino dei cielini dei balconi, quando non assolvono la funzione di rendere gradevole l'edificio, sono a carico dei proprietari dei beni medesimi, salvo diversa disposizione nel regolamento condominiale contrattuale.

Si esatto, si parla di balconi aggettanti.

 

Quindi se interpreto bene posso chiedere di smontare la veranda a sue spese o quantomeno di partecipare alle spese aggiuntive se si dovesse decidere di effettuare i lavori senza smontare la veranda?

Il balcone è tuo e nessuno lo può toccare senza il tuo permesso.

----------------------------------------------------------------------------

Quanto agli usi consentiti, la giurisprudenza ha avuto modo di affermare che il proprietario dell'appartamento del piano inferiore rispetto al balcone aggettante non potrà utilizzare, senza il consenso del proprietario del balcone, la parte inferiore della soletta per agganciare tende da sole o altri elementi (cfr. Cass. 17 luglio 2007, n. 15913), mentre, di contro, avrà diritto al risarcimento per gli eventuali danni causati dal medesimo.

 

******************************/condominio/balconi-verande-finestre.asp

 

Fonte: Condominio: I balconi, le verande e le finestre

- - - Aggiornato - - -

 

...posso chiedere di smontare la veranda a sue spese...

-------------------------------------------------------------

Certo,e se non lo fa,lo puoi citare.

....Il mio dubbio è dovuto al fatto che nell'appartamento sottostante c'è montata una veranda ancorata al mio tetto....
La trasformazione effettuata dal proprietario inferiore ha modificato lo stato di fatto.

 

Innanzitutto devi accertarti che la veranda in oggetto sia stata autorizzata dal comune o quantomeno condonata.

 

Se così fasse, non si tratta più di "balcone agettante" completamente a tuo carico, ma il balcone diventa "prolungamento" della soletta della propria unità immobiliare e per il proprietario sottostante diventa il prolungamento del soffitto della propria abitazione.

 

In questo caso i lavori di ripristino dell'intonaco sono a suo carico; se si dovesse intervenire anche sul solaio vero e proprio, allora la spesa sarebbe ripartita al 50% tra superiore e inferiore, come dettato dal Codice.

 

Quindi, prima di agire, fai gli accertamenti del caso.

 

Per riferimenti giurisprudenziali, collegati al "solito" link:

 

http://www.condomini.altervista.org/BalconiProprieta.htm

×