Vai al contenuto
michele39

Spese obbligatorie per installazione pannelli altrui

vorrei sapere se, a causa dell'installazione da parte di un condomino di suoi pannelli pvt, la spesa della necessaria linea vita e di una botola sul tetto è automaticamente a carico di tutti i condomini anche di quelli che non ne fanno uso e soprattutto senza passare attraverso una assemblea condominiale! grazie

vorrei sapere se, a causa dell'installazione da parte di un condomino di suoi pannelli pvt, la spesa della necessaria linea vita e di una botola sul tetto è automaticamente a carico di tutti i condomini anche di quelli che non ne fanno uso e soprattutto senza passare attraverso una assemblea condominiale! grazie

Se la linea vita è o sarà potenzialmente utilizzabile alla eventuale manutenzione ordinaria della (presumo) copertura oppure alla manutenzione di eventuali antenne, o più semplicemente se la linea vita è obbligatorio che ci sia "a prescindere" da qualsivoglia considerazione egoistica chi ogni condomino la risposta è si. Se la copertura è ad esclusivo uso di un solo condomino (ma penso che sia improbabile poiché pensa funga da tetto a tutti i condomini) No. Passare attraverso l'assemblea è comunque SEMPRE opportuno, a meno che non si riesca a dimostrare per legge la sua obbligatorietà: ci sono delle cose che si devono fare anche senza che vi sia l'approvazione dell'assemblea

vorrei sapere se, a causa dell'installazione da parte di un condomino di suoi pannelli pvt, la spesa della necessaria linea vita e di una botola sul tetto è automaticamente a carico di tutti i condomini anche di quelli che non ne fanno uso e soprattutto senza passare attraverso una assemblea condominiale! grazie

Mi pare di capire che un condòmino voglia installare pannelli privati su un tetto comune e che per procedere all'installazione occorra CREARE una botola ed installare linee vita.

 

Se il tetto è comune il condòmino può fare tutto A SUE SPESE purchè ci sia lo spazio sufficiente per consentire a TUTTI gli altri condòmini un'installazione di pannelli pari alla sua.

Nessuna spesa può essere imposta al condominio.

 

Art. 1102

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa. Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

grazie Leonardo.

vero ciò che è scritto nel art-1102, però è anche vero che se gli altri condòmini intendono installare a loro volta, in seguito alla prima installazione, si ritrovano la linea vita e la botola già pagata dal primo condomino!!! si potrebbe però sottoscrivere una clausola dove chi entra con i pannelli solari , paga al primo condòmino la sua quota che dici ?

oppure se si farà intevento straordinario al tetto, tutti ripagheranno pro quota la linea vita a colui che ha installato per primo....

La spesa per la linea vita e la botola è stata correttamente sopportata dal condomino che ha istallato i pannelli a sue spese.

I restanti condomini potranno utilizzare queste predisposizioni senza dover corrispondere alcunché, trattandosi di miglioramenti afferenti parti comuni, nell'interesse comune, appunto.

Il contenuto del 1102 è chiaro; il diritto del condomino che ha effettuato le modifiche non può estendersi sulla cosa comune (il tetto e sue pertinenze) in danno dei restanti condomini (Sarebbe peraltro impossibile vietare o limitare l'accesso al tetto e l'uso della linea vita)

×