Vai al contenuto
hanamichi

Spese Luce/Gas NON pagate anche se scritto nel contratto

Ciao a tutti,

ho scritto in un altro thread, ma non ho ricevuto risposta. Ma per me è importante avere un vostro parere sul mio caso:

NON ho eseguito nessuna voltura delle mie utenze prima di far entrare gli inquilini, ma ho specificato nel contratto che tutte le spese di Tarsu, Luce, Gas ecc sono a loro carico per tutto il periodo in cui stanno nell'appartamento.

Questi inquilini sono andati via ad inizio ottobre e ho dovuto restituire una parte della caparra alla consegna delle chiavi.

Il giorrno dopo mi è arrivata la bolletta di conguaglio (fino ad inizio settembre) del gas di circa 400euro, soldi che non sono coperti dalla parte della caparra che ho trattenuto. Ora aspetto anche le restanti bollette, ma i vecchi conquilini non vogliono pagare e non rispondono nè a me, nè all'agenzia.

 

Vorrei chiedervi un consiglio su cosa fare nel caso in cui il tentativo di dialogo non funzioni (per ora mi devono 390eur, compreso altre spese non saldate, ma aspetto ancora le altre bollette).

 

Per es: posso rivolvermi al giudice di pace? o ad un avvocato?

 

grazie in anticipo!

ciao, aspetta che ti arrivino le ultime bollette. poi gli fai scrivere una lettera da un avvocato non senza avergli portato il contratto. dopo aver poi aspettato un tempo ragionevole, decidi se e' il caso di proseguire con una causa. devi fare i tuoi conti. un consiglio, pero', ti darei; in un prossimo contratto di fitto, ad evitare queste brutte sorprese ( non tanto, in verità! ) inserisci un art. in cui dici "per accordo fra le parti, si pattuisce che la caparra/deposito cauzionale verra' restituita allo scadere del terzo mese dalla data del rilascio dell'immobile e comunque non prima di aver provveduto al rimborso delle utenze finali". e' questa la clausola che io normalmente inserisco. se l'inquilino non accetta vuol dire che " il buon giorno si vede dal mattino" E ...avanti il prossimo.

  • Confuso 1

controlla quanto devi pagare, ma poi informati cosa costa il legale... e dove sfocia il risultato , forse sarai più attento e più esperto la prossima volta !

grazie per i consigli.

Penso che aggiungerò (con'aggiunta sottolineata) sicuramente "per accordo fra le parti, si pattuisce che la caparra/deposito cauzionale verra' restituita allo scadere del terzo mese dalla data del rilascio dell'immobile e restituzione delle chiavi dell'immobile e comunque non prima di aver provveduto al rimborso delle utenze finali".

 

grazie

grazie per i consigli.

Penso che aggiungerò (con'aggiunta sottolineata) sicuramente "per accordo fra le parti, si pattuisce che la caparra/deposito cauzionale verra' restituita allo scadere del terzo mese dalla data del rilascio dell'immobile e restituzione delle chiavi dell'immobile e comunque non prima di aver provveduto al rimborso delle utenze finali".

 

grazie

Ma non è più semplice fare intestare le utenze agli inquilini? Altrimenti quale sarebbe la vera motivazione per tenersi intestate le utenze?

per i fitti brevi volturare le utenze ad ogni cambio di inquilino comporterebbe una bella spesa!

per i fitti brevi volturare le utenze ad ogni cambio di inquilino comporterebbe una bella spesa!

VERO. ma è un problema degli inquilini e non tuo.

VERO. ma è un problema degli inquilini e non tuo.

no,giovanni, se l'inquilino va via lasciando insoluti,anche se intestati a lui, l'enel o altri chiameranno a rispondere te che sei il titolare della casa e finche' non pagherai di tasca tua, rimarrai senza elettricita'.

no,giovanni, se l'inquilino va via lasciando insoluti,anche se intestati a lui, l'enel o altri chiameranno a rispondere te che sei il titolare della casa e finche' non pagherai di tasca tua, rimarrai senza elettricita'.

Guarda che non è così.Spesso ci provano manon possono farlo. Al massimo ti chiedono una dichiarazioneche non sei parente del moroso.

Guarda che non è così.Spesso ci provano manon possono farlo. Al massimo ti chiedono una dichiarazioneche non sei parente del moroso.

se io vado all'enel con la copia del contratto di fitto per dimostrare che e' stato l'inquilino a non pagare, a quelli li' non interessa piu' di tanto. non possono mica mettersi a rintracciarlo. la realta' e' una sola, oggi prima di immettere gente in una tua casa bisogna aprire bene gli occhi molto di piu'di una volta. se lo stato si pappa buona parte del guadagno, sarebbe da suicidio il doverci perdere anche i vari rimborsi o subire qualche danno.

cimar46

 

Citazione Originariamente Scritto da Giovanni1943 Visualizza Messaggio

Guarda che non è così.Spesso ci provano manon possono farlo. Al massimo ti chiedono una dichiarazioneche non sei parente del moroso.

se io vado all'enel con la copia del contratto di fitto per dimostrare che e' stato l'inquilino a non pagare, a quelli li' non interessa piu' di tanto. non possono mica mettersi a rintracciarlo. la realta' e' una sola, oggi prima di immettere gente in una tua casa bisogna aprire bene gli occhi molto di piu'di una volta. se lo stato si pappa buona parte del guadagno, sarebbe da suicidio il doverci perdere anche i vari rimborsi o subire qualche danno.

 

Se fosse vero, per par condicio, allora dovrebbero pagare le morosità dell'inquilino al proprietario dell'immobile, visto che gli hanno stipulato il contratto di fornitura...mica il proprietario può perdere tempo a rintracciarlo...

comoda la vita...

cimar46

 

Citazione Originariamente Scritto da Giovanni1943 Visualizza Messaggio

Guarda che non è così.Spesso ci provano manon possono farlo. Al massimo ti chiedono una dichiarazioneche non sei parente del moroso.

se io vado all'enel con la copia del contratto di fitto per dimostrare che e' stato l'inquilino a non pagare, a quelli li' non interessa piu' di tanto. non possono mica mettersi a rintracciarlo. la realta' e' una sola, oggi prima di immettere gente in una tua casa bisogna aprire bene gli occhi molto di piu'di una volta. se lo stato si pappa buona parte del guadagno, sarebbe da suicidio il doverci perdere anche i vari rimborsi o subire qualche danno.

 

Se fosse vero, per par condicio, allora dovrebbero pagare le morosità dell'inquilino al proprietario dell'immobile, visto che gli hanno stipulato il contratto di fornitura...mica il proprietario può perdere tempo a rintracciarlo...

comoda la vita...

scusa ma non ho ben capito, chi dovrebbe pagare le morosita' dell'inquilino al proprietario?

cimar46

 

Citazione Originariamente Scritto da Giovanni1943 Visualizza Messaggio

VERO. ma è un problema degli inquilini e non tuo.

no,giovanni, se l'inquilino va via lasciando insoluti,anche se intestati a lui, l'enel o altri chiameranno a rispondere te che sei il titolare della casa e finche' non pagherai di tasca tua, rimarrai senza elettricita'.

 

 

 

scusa ma non ho ben capito, chi dovrebbe pagare le morosita' dell'inquilino al proprietario?

Il riferimento è la tua risposta.

se fosse vero quanto affermi, ossia che le forniture intestate all'inquilino che ha lasciato l'immobile debbano essere pagate, in caso di morosità, dal proprietario dello stesso, allora, per par condicio, gli enti debbono corrispondere al proprietario dell'immobile eventuali morosità dell'affitto...

Ammesso che ci tentino, compiono un'atto illegale e sono passibili di denuncia....

A supporto del mio assioma posso dirti che un mio amico (avvocato tra l'altro..) che aveva stipulato un contratto di affitto, al "diniego" dell'ente per tali motivazioni non si è preoccupato più di tanto... lo ha immediatamente citato in giudizio... nell'arco di 12 h ha risolto il problema .. con tante scuse da parte dell'ente..e risarcimento del danno in via transattiva...

Infine per legge, ai fini dell'emersione degli affitti in nero, le utenze debbono essere intestate al conduttore dell'immobile.

cimar46

 

Citazione Originariamente Scritto da Giovanni1943 Visualizza Messaggio

VERO. ma è un problema degli inquilini e non tuo.

no,giovanni, se l'inquilino va via lasciando insoluti,anche se intestati a lui, l'enel o altri chiameranno a rispondere te che sei il titolare della casa e finche' non pagherai di tasca tua, rimarrai senza elettricita'.

 

 

 

 

 

Il riferimento è la tua risposta.

se fosse vero quanto affermi, ossia che le forniture intestate all'inquilino che ha lasciato l'immobile debbano essere pagate, in caso di morosità, dal proprietario dello stesso, allora, per par condicio, gli enti debbono corrispondere al proprietario dell'immobile eventuali morosità dell'affitto...

Ammesso che ci tentino, compiono un'atto illegale e sono passibili di denuncia....

A supporto del mio assioma posso dirti che un mio amico (avvocato tra l'altro..) che aveva stipulato un contratto di affitto, al "diniego" dell'ente per tali motivazioni non si è preoccupato più di tanto... lo ha immediatamente citato in giudizio... nell'arco di 12 h ha risolto il problema .. con tante scuse da parte dell'ente..e risarcimento del danno in via transattiva...

Infine per legge, ai fini dell'emersione degli affitti in nero, le utenze debbono essere intestate al conduttore dell'immobile.

evidentemente vi e' una disparita' di comportamento fra gli stessi funzionari dell'ENEL. in un caso simile con me si sono comportati diversamente, per fortuna ci ho rimesso una cifra piuttosto modesta. ma, non so se tu per caso ti trovi in una situazione simile alla mia, io fitto solo per brevi periodi (settimane, mesi), come potrei fare volture ENEL ad ogni cambio di inquilino? solo per fitti transitori/foresteria potrei fare intestare le utenze all'inquilino, ma anche in questo caso vi rinuncio. per questo precedentemente dicevo che e' meglio inserire nel contratto che la restituzione del deposito/caparra avvenga contestualmente al rimborso delle utenze. infine, a proposito del tuo amico avvocato, mi sembra abbastanza inverosimile che nell'arco di 24h abbia potuto risolvere il problema. saluti

Effettivamente sono stato impreciso: 12 h dopo la notifica del provvedimento d'urgenza... in effetti il tutto (dal "diniego" sino all'attivazione della nuova fornitura) si è risolto nell'arco di poco più di una settimana lavorativa.

Personalmente non ho mai locato per periodi brevi. Il problema dell'intestazione della fornitura al locatario per brevi periodi (inferiori a due anni) non è conveniente, per cui ritengo che l'inserimento di clausole nel contratto con il contestuale versamento di una congrua cauzione sia abbastanza cautelativo.

non ho fatto la voltura per 2 motivi principali: affitti di non lunga durata ed anche perchè mi sembrava più comodo e comunque tutelato (anche perchè condiviso e firmato nel contratto).

Adesso vedo cosa posso fare.

grazie ancora.

ciao

×