Vai al contenuto
mikyy

Spese legali. - e' esatto il criterio adottato?

Buongiorno, in un condominio bisogna pagare le spese legali. Nel pagamento delle spese legali sono coinvolti solo i condomini del vano portone e non i negozi che hanno accesso diretto da fuori. Nella ripartizione ho usato la tabella mm di gestione vano portone e non la tabella di proprieta'. E' esatto il criterio adottato? Grazie.

Siccome l'oggetto della controversia e' un pozzo luce partecipano solo quelli che si affacciano al pozzo luce?

Nel tuo caso dovresti usare il principio dettato dal 3° comma dell'art. 1123 del c.c.

 

Se il "pozzo luce" fa comunque parte dei muri perimetrali dell'edificio e non ha un uso "esclusivo", allora la spesa sarà ripartita in base ai millesimi generali.

Il pozzo luce assolve alla sua funzione e cioe' porta luce e aria ad alcuni condomini che hanno la finestra che si affaccia al predetto pozzo luce. L'uso esclusivo ce l'ha solo il condomino Tizio che abita a piano terra ed ha accesso diretto nel pozzo luce dal suo appartamento. Tizio e' la persona contro cui va il condominio per cui le spese legali vanno ripartite escludendo Tizio. Quindi la ripartizione delle spese legali avviene fra i soli condomini che si affacciano sul pozzo luce o fra tutti i condomini dell'immobile?

Come ti ho detto sopra, i muri che delimitano il pozzo luce, non sono altro che parte dei muri perimetrali dell'edificio, quindi a carico di tutto il condominio, quindi nessuna attribuzione privatistica può essere posta in capo al condómino che abbia anche l'accesso a questa particolare zona

 

Il pagamento delle spese legali dovrà quindi essere sostenuto da tutti i condómini che non si siano "dissociati dalla lite", esonerando la sola controparte in lite.

 

I riferimenti di Cassazione li trovi al nostro "solito" link:

 

http://www.condomini.altervista.org/MuroPerimetrale.htm

 

http://www.condomini.altervista.org/DissensoLiti.htm

×