Vai al contenuto
mostrilla76

Spese di messa in sicurezza facciate

Buongiorno a tutti.

Ho un problema con l'assemblea e l'amministratore. Abito in un condominio formato da 2 palazzi adiacenti, nella mia scala ci sono 8 famiglie in quella accanto 16. Sino all'entrata in vigore della riforma ha seguito il condominio un condomino in pensione che abita nel palazzo da 16 famiglie. A causa della sua inesperienza abbiamo pagato tutti di tasca gravi errori pertanto entrata in vigore la riforma, abbiamo optato per un esterno. Purtroppo, questo condomino ex amministratore con il tempo è riuscito a convincere quasi tutti i suoi 16 e parte dei ns 8 che sono necessari dei lavori di ritrutturazione (messa in sicurezza+rifacimento estetico delle facciate).

Una prima trance dei lavori sono stati eseguiti (messa in sicurezza) e a titolo gratuito la ditta (che aveva già le impalcaure montate) ha eseguito la pitturazione di una facciata interna dello stabile dei 16.

Questa estate si è resa necessaria la messa in sicurezza di altri parti, fra le quali la stuccatura di parte dei balconi anche nel mio stabile. Il problema che finita la stuccatura la ditta ha lasciato tutto così senza effettuare una mano di pitturazione (neanche pagandola). Pertanto ci ritroviamo con una parte esterna sulla strada con lo stucco ben visibile e facciate non visibili ben ripittate. Tutto questo perchè nell'ambito dei lavori "pensati" dall'ex condomino-amministratore, ci sarà una terza e quarta trance di lavori da eseguire e quindi (forse) anche la pitturazione di entrambi gli stabili. Preciso che la quarta trance non è stata ancora realizzata, presentata all'assemblea e neanche approvata, quindi non abbiamo completato i lavori sulla base di qualcosa che è ancora un'idea. In qualche modo si può obbligare l'amministratore all'esecuzione del completamento dei lavori a spese del fondo cassa del condominio e non dei condomini? Spiego quest'ultimo punto perchè, il noleggio di un pontile mobile ha un costo, quindi se si fosse fatto in un'unica soluzione l'avrei anche pagato, ma cosi a queste condizioni non ho nessuna voglia di accollarmi di un onere che poteva essere evitato. Grazie mille, scusatemi per la lungaggine ma le questioni condominiali sono sempre contorte.

fammi capire...state ristrutturando l'edifico a pezzi? cioè prima una parte...poi forse tra un anno un'altra...poi se ci sono soldi allora ancora un'altra ecc???? e tutti d'accordo?????

Bhè è difficile risponderti, se non c'è nulla di scritto, potete anche non pagare nulla!!!!

Non essendoci una delibera, un contratto firmato con l'impresa un fondo cassa per lavori straordinari, ecc.......................

Si stiamo facendo la ristrutturazione a pezzi perchè il capitolato iniziale proposto dall'ex amministratore fu bocciato in parte. Cioè abbiamo dato precedenza alle messe in sicurezza, bocciando le cose in più. A distanza di un anno e mezzo chi era d'accordo sul primo capitolato è ritornato alla carica spingendo per l'approvazione di tutti i lavori. Ora siamo alla terza trance (un botto di soldi in comode rate mensili da quasi 300€ x 12mesi, considerando che sto ancora pagando la prima trance). In ogni caso ogni operazione ha una delibera con capitolato fondo cassa ecc. Però in particolare quest'ultimo lavoro, dovendo l'amministratore garantire la minor spesa ottimizzando i costi, non ha peccato in sicurezza? Perchè non eseguire i lavori completamente? e nella fattispecie, siccome io i soldi non li trovo per strada, potrei fare qualcosa?

×