Vai al contenuto
darixo

Spese da pagare vecchia/nuova amministrazione

Da svariati anni stiamo tentando di sganciarci dal vecchio amministratore dimissionario, e per vari motivi non vi si è mai riusciti. Ora, dopo aver inviato quest'estate una raccomandata nella quale si richiedeva di convocare un' assemblea anche al fine di prendere visione dei conteggi, si è ricevuta comunicazione di saldare tutte le spese (comprese quelle presunte) al fine di mettere i conti a zero, per la nomina del nuovo amministratore.

Domanda: Ma non è più regolare saldare solamente le spese sostenute e quelle future (che possono aspettare) includerle nel preventivo dell' amministratore nuovo ? ? ?

I condomini sono i proprietari di tutti gli atti che riguardano il condominio e l'amministratore ne è solo il custode in quanto mandatario.

Rifiutarsi, come in effetti ha fatto questo sedicente signore, è un comportamento grave, passibile di revoca immediata.

Ripetete in maniera più esplicita la richiesta, anzi, se non sono stati presentati i rendiconti da almeno due anni, questo è un altro motivo assolutamente certo di revoca. (articolo 1129, comma 11, art. 64 disp. att. del codice civile)

ok grazie 1000,

e per quanto riguarda le spese mi puoi dare qualche informazione ? ?? Siamo OBBLIGATI a saldare tutte le fatture in circolazione o alcune si potrebbero spostare al nuovo amministratore ? ? ? Sai, così ci risulterebbe più facile stare dietro alle spese in quanto l' amministratore nuovo ce le ripartirebbe a rate, come da preventivo per l' anno nuovo.

Grazie

Il pagamento di fatture inevase è un obbligo del condominio e, quindi, del suo amministratore (sempre che si tratti di prestazioni regolarmente deliberate e la cui spesa è stata iscritta a bilancio perché oggetto di specifica ratifica assembleare; in mancanza le fatture vanno contestate e le somme vanno ripetute all'amministratore, che le ha ordinate senza averne titolo e copertura).

La sua rateizzazione o il differimento a nuovo esercizio dipende dal creditore, se la consente.

×