Vai al contenuto
ifigenia

Spese consolidamento pilastri travi e solaio sottosuolo

Due proprietari di una villa,uno del pianterreno e uno del primo piano di uguali estensioni,decidono di ristrutturare le fondamenta, poste nel sottosuolo.Mancando totalmente i muri di contenimento perimetrali il sottosuolo risulta completamente invaso dalla terra, che ingloba i pilastri e arriva fino al solaio sotto il piano terra con libero accesso da oltre 50 anni delle acque piovane. Eliminata tutta la terra viene alla luce un locale grande quanto la superficie di base del fabbricato ed alto circa tre metri, ed una situazione talmente rischiosa per la stabilità dell'edificio che le autorità ne ordinano l'immediata evacuazione e inizio dei lavori di ristrutturazione e consolidamento. Vengono fatti i muri perimetrali di contenimentonel sottosuolo, ristrutturati pilastri e travi portanti, consolidati i travetti del solaio posti parallelamente tra una pignatta e l'altra con l'aggiunta di ferri,non toccando le pignatte che restano a vista. Domanda: le spese vanno divise in parti uguali tra i due proprietari del piano terra e del primo piano,entrambi proprietari del sottosuolo?

Qualunque spesa va ripartita con le apposite tabelle millesimali. Se siete in due e entrambi siete d'accordo, potete ripartire la spesa in parti uguali.

Viceversa, si dovrà o far redigere le tabelle millesimali oppure fare riferimento, ad esempio, al valore catastale degli appartamenti.

Grazie per l'attenzione. Ma il proprietario del primo piano sostiene che per i travetti del solaio si deve applicare l'art.1125 cc essendo il solaio divisorio tra il piano terra e la sua metà di sottosuolo. che ne pensi?

Ho trovato questa sentenza nel mio archivio:

Cass. civ., sez. II, 26 marzo 1993, n. 3642,

Negli edifici in condominio, a differenze del solaio divisorio tra due piani dell'edificio, in proprietà comune ai due rispettivi proprietari, il solaio del piano terreno sottostante al relativo pavimento, costruito a livello della superficie di campagna, in quanto parte integrante del solo piano terreno, appartiene in proprietà esclusiva al proprietario del piano, alla stessa stregua del pavimento.

La conosco anch'io ma penso che non si riferisca all'esistenza di un grande locale sottostante che si trova quindi nel sottosuolo, parte comune come il suolo su cui poggia l'edificio in base all'art.1117 e al combinato disposto con l'art. 840.

Le cose sono due... prima di tutto quello spazio riempito, in origine, di terra non lo chiamerei locale ma facente parte, globalmente, delle fondazioni.

Probabilmente, da sondaggi effettuati, si rese necessario realizzare una struttura del genere.

Se così è, pur non essendo un tecnico, lo considererei come facente parte delle fondazioni;in questo caso, la spesa andrebbe ripartita per millesimi di proprietà.

Viceversa, se questo ragionamento non fosse corretto, si ritornerebbe alla sentenza della cassazione.

Sono d'accordo:faceva parte delle fondazioni e mi sembra pretestuosa oltre che tardiva la richiesta fatta. Grazie ancora e se pensi ad altro fammi sapere.

Aggiungo inoltre che,mancando totalmente i muri di contenimento, la terra si è inzuppata per 60 anni della pioggia proveniente dal giardino condominiale circostante la villa e,arrivando fin quasi al solaio del piano terra,ne ha provocato grave ammaloramento.Puó il proprietario dei primo piano reclamare l'applicazione dell'art. 1125 c.c. per il solaio sovrastante la sua metà di sottosuolo?

Come ho già detto, si deve stabilire se il solaio sia da considerare facente parte delle fondamenta oppure no. A mio avviso non lo è e come tale la spesa è a carico del proprietario, così come stabilito nella sentenza della Cassazione che ho postato.

Concordo con quanto precedentemente detto, bisognerebbe chiedere al tecnico che ha seguito i lavori per avere certezza che si trattasi di solaio a livello campagna o di vera e propria base di fondamenta e regolarsi di conseguenza.

Dubito che dopo 60 anni il progettista sia ancora vivo..

Ovviamente..... mi riferivo a chi ha eseguito o dovrà terminare i lavori di consolidamento 😉

×