Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Giuly2

Spese condominiali mai ricevute

Buonasera, io sono un inquilina che non ha mai ricevuto le spese condominiali. pur avendo sollecitato più volte sia l'amministratore che il padrone di casa, per non dovermi ritrovare poi cifre grosse da pagare.mai avuto risposta o visione di tali spese da nessuno.

ad oggi con il cambio di amministratore dopo 4 anni

mi vedo arrivare da un nuovo amministratore spese per me insostenibili.

e una lettera dal suo avvocato con richiesta una cifra da infarto.

ma come posso fare ora?

e mai possibile che ciò possa accadere, io vorrei pagare il giusto che non so quale sia.

ringrazio chiunque mi sappia aiutare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'amministratore deve chiedere le quote condominiali al proprietario dell'immobile e non all'inquilino.

Il proprietario, a sua volta, comunica all'inquilino le spese di sua spettanza e gliene fornisce la giustificazione.

Se il proprietario non provvede al pagamento, subisce un decreto ingiuntivo e se non paga gli viene pignorato l'appartamento. Procedura questa molto veloce.

Per le spese di tua spettanza, dopo che il proprietario te ne ha fatto richiesta e ti ha mostrato i documenti giustificativi, devi provvedere a pagarle, eventualmente chiedendo di rateizzarle.

Salvo che il contratto di locazione non disponga diversamente, l'inquilino paga le spese condominiali al proprietario e non all'amministratore, col quale non ha rapporti. Come dice Leonardo53: "Il pagamento deve avvenire entro due mesi dalla richiesta. Prima di effettuare il pagamento il conduttore ha diritto di ottenere l’indicazione specifica delle spese di cui ai commi precedenti con la menzione dei criteri di ripartizione. Il conduttore ha inoltre diritto di prendere visione dei documenti giustificativi delle spese effettuate."

 

Aggiungo: il buon senso avrebbe dovuto suggerire di accantonare le somme relative alle spese condominiali. Ora te le troveresti su un libretto e non avresti difficoltà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
e mai possibile che ciò possa accadere

SI, perché per almeno quattro anni hai glissato sul problema o ti sei inconsciamente convinta che nulla era dovuto.

io vorrei pagare il giusto che non so quale sia

Leggiti il tuo contratto di locazione laddove sono citati gli oneri accessori: quelle sono le spese di tua competenza e dovute.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buonasera, preciso che io i soldi li ho messi da parte, il problema di fondo che sia il proprietario che l'amministratore non hanno mai risposto alle mie richieste di visionare le ripartizioni e i rendiconti mi sono sempre sentita rispondere "sono là basta andare a vederli," (nell'ufficio dell'amministratore) peccato che anche costui mai fatto trovare in ufficio, non parliamo degli scritti e delle telefonate. Lotto da anni per questi comportamenti,Conduco una casa non mia come se lo fosse, rappezzandola a mie spese perche il proprietario se ne frega e non si è mai fatto vedere,non mi sono mai tirata indietro nel versare quanto dovuto, credo che la correttezza sia alla base di una buona gestione. Pagare per cosa e a che titolo chi? Voi nella mia situazione lo avreste fatto? Non posso permettermi avvocati o simili, sono un operaio che vive con 800 euro al mese a fatica. Quindi La risposta è presto detta, paga e basta. Nulla vale a favore del giusto.

Grazie per l'aiuto.

 

Chi è ricco ha sempre ragione, chi è povero paga e sta zitto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Lotto da anni per questi comportamenti,Conduco una casa non mia come se lo fosse, rappezzandola a mie spese perche il proprietario se ne frega e non si è mai fatto vedere,non mi sono mai tirata indietro nel versare quanto dovuto, credo che la correttezza sia alla base di una buona gestione. Pagare per cosa e a che titolo chi? Voi nella mia situazione lo avreste fatto? Non posso permettermi avvocati o simili, sono un operaio che vive con 800 euro al mese a fatica. Quindi La risposta è presto detta, paga e basta. Nulla vale a favore del giusto.

Buongiorno,

 

Che tipo di contratto ha stipulato ?

 

Partendo da quello dovrebbe poi cercare di recuperare una Tabella oneri accessori (o simile), di riferimento per la ripartizione fra locatore e conduttore.

Per farsi un’idea:

https://www.condominioweb.com/ripartizione-oneri-fra-locatore-e-conduttore.2232

 

******************************/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14919.asp

******************************/guide_legali/locazioni/tabella-oneri-accessori-ripartizione-fra-locatore-e-conduttore.asp

 

Una volta che ha individuato puntualmente quello che eventualmente è suo diritto ottenere può iniziare a cercare una strategia per conseguirlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
... dopo 4 anni mi vedo arrivare da un nuovo amministratore spese per me insostenibili. ...

Ho riportato la frase che mi aveva fatto scrivere:

... Aggiungo: il buon senso avrebbe dovuto suggerire di accantonare le somme relative alle spese condominiali. Ora te le troveresti su un libretto e non avresti difficoltà.

ovviamente se ho interpretato male, non ne tenga conto.

 

Nell'ultimo post scrive:

... Chi è ricco ha sempre ragione, chi è povero paga e sta zitto.

Non mi sembra proprio che sia così, anzi la magistratura (e le leggi) sono più a favore del conduttore (lei) che del locatore.

Come detto sia da me che da altri, PRIMA DI PAGARE ha diritto di ottenere la giustificazione delle spese che le vengono addebitate. Per far rispettare questo diritto, ha la possibilità di dire al locatore che lei non paga finchè non le viene mostrata la giustificazione della somma richiesta. Se il locatore non aderisce alla richiesta, lei non paga. Sarà lui, poi, a dover fare ulteriori passi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buonasera, preciso che io i soldi li ho messi da parte, il problema di fondo che sia il proprietario che l'amministratore non hanno mai risposto alle mie richieste di visionare le ripartizioni e i rendiconti mi sono sempre sentita rispondere "sono là basta andare a vederli," (nell'ufficio dell'amministratore) peccato che anche costui mai fatto trovare in ufficio, non parliamo degli scritti e delle telefonate. Lotto da anni per questi comportamenti,Conduco una casa non mia come se lo fosse, rappezzandola a mie spese perche il proprietario se ne frega e non si è mai fatto vedere,non mi sono mai tirata indietro nel versare quanto dovuto, credo che la correttezza sia alla base di una buona gestione. Pagare per cosa e a che titolo chi? Voi nella mia situazione lo avreste fatto? Non posso permettermi avvocati o simili, sono un operaio che vive con 800 euro al mese a fatica. Quindi La risposta è presto detta, paga e basta. Nulla vale a favore del giusto.

Grazie per l'aiuto.

 

Chi è ricco ha sempre ragione, chi è povero paga e sta zitto.

Non posso permettermi avvocati è,scusami, un pretesto.

Se sei sotto il reddito di 11.600 e rotti hai diritto a un avvocato con gratuito patrocinio che quindi NON paghi tu. Ci sono associazioni di inquilini pronti a dar pareri e consigli gratuitamente

 

Se per 4 anni non paghi, è immaginabile che poi arrivi una botta. Potevi concordare con il proprietario di pagargli un tot a mese per oneri accessori, salvo conguagli. Oggi avresti poco da pagare o magari anche nulla

 

chi è ricco ha sempre ragione no....perchè? semmai è chi è povero che spesso non paga (non è il caso tuo, sia chiaro) e se ne fa vanto perchè tanto sa che non gli si puo' far nulla.

Ho fatture da farmi pagare da gente...diciamo "povera"... che gli posso fare ? niente

fossero ricchi, potrei fare azione e pignorare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non posso permettermi avvocati è,scusami, un pretesto.

Se sei sotto il reddito di 11.600 e rotti hai diritto a un avvocato con gratuito patrocinio che quindi NON paghi tu...

Se guadagna 800 euro netti al mese, quasi certamente non avrà diritto al gratuito patrocinio ma probabilmente fa i salti mortali per arrivare a fine mese e forse non può anticipare all'avvocato nemmeno le spese per una prima lettera di richiesta giustificativi.

 

I sindacati inquilini, purtroppo, danno un primo consiglio gratuito ma poi , se si vuole continuare, non si può non pagare il legale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Tanto per esser chiaro... io sono anche un locatore.

I miei inquilini possono lamentarsi per qualunque mia mancanza, ma non possono farlo sugli oneri accessori, ai quali è gioco forza che io dedichi tanto tempo e tante fotocopie...

I contratti di locazione, e ne ho di diverse tipologie in essere, nonostante le varie stesure comunque non consentono ad un inquilino di pagare una qualunque somma se prima il locatore non gli ha fornito il dettaglio e la natura delle spese reclamate a rimborso e, nel caso servisse, pure il riparto spese e le modalità di riparto dello stesso.

Senza queste comunicazioni scritte preliminari il conduttore non ha alcun obbligo a pagare!

il problema di fondo che sia il proprietario che l'amministratore non hanno mai risposto alle mie richieste di visionare le ripartizioni e i rendiconti mi sono sempre sentita rispondere "sono là basta andare a vederli," (nell'ufficio dell'amministratore)

Il problema sostanziale è che il proprietario (è lui la tua controparte contrattuale!) se ne infischia.

Se lui non si preoccupa di incassare le spese condominiali a tuo carico, visti anche i precedenti, perché mai dovresti preoccupartene te?!

Continua ad accantonare i soldi che è sempre cosa ben fatta, ma non pagare mai il proprietario (o l'amministratore) fino a che lui SU SUA INIZIATIVA non ti presenterà dei conti dettagliati, chiari, comprensibili, completi di riparti e giustificativi.

Quanto al "sono là basta andarli a vedere" è una risposta che non si dà neanche ad un cretino! Cosa dovresti fare?! Andar là e decidere di tua iniziativa quanto tu devi al tuo locatore di spese condominiali???? Va là che se il tuo locatore vuole incassare tot euro di spese condominiali, LUI alza le sue chiappettine e si impegna un minimo presentandoti per iscritto la richiesta di tot euro, che poi tu controllerai prima di saldare...

E visto anche che la barzelletta si sta trascinando da diversi anni, sappi che gli oneri accessori, quindi anche spese condominiali, hanno una prescrizione di due anni se paghi direttamente al proprietario, mentre la prescrizione diventa di 5 anni se paghi all'amministratore.

Quindi La risposta è presto detta, paga e basta

E' vero l'esatto contrario, per quanto sopra detto: non pagare nulla senza il benché minimo patema. Non sei tu che deve preoccuparsi.

La famosa lettera dell'avvocato con al suo interno la richiesta di una cifra da infarto è solo "fumo negli occhi", per i tuoi occhi. Tentano di intimorirti, ma amministratore ed avvocato ben sanno che quella diffida nei tuoi confronti non sarebbe mai dovuta partire, salvo che non esista un accordo scritto a tre (tu, proprietario, amministratore) che preveda che tu versi direttamente le spese condominiali all'amministratore.

Senza questo patto a tre, quando il conduttore non paga le spese condominiali, il moroso verso il Condominio può essere solo il proprietario-locatore. E' solo quest'ultimo che pertanto può essere e diventare destinatario di diffida o messa in mora da parte dell'amministratore o del suo legale di fiducia. Naturalmente, se il proprietario-locatore salda il debito verso il Condominio, poi potrà rivalersi sul suo inquilino per recuperare le somme corrisposte al posto del suo inquilino; ma anche qui, nuovamente, il proprietario dovrà comprovare con documentazione quanto reclamato al suo inquilino.

 

Se ancora non avessi compreso, ti sto dicendo che quella lettera di quell'avvocato che ti ha fatto trasalire vale meno di un rotolo di carta igenica....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×