Vai al contenuto
nicola5420

Spese condominiali colonna di scarico

Salve, avrei bisogno di alcune delucidazioni in merito alla riparazione della colonna di scarico condominiale.

Abito in una palazzina con 4 inquilini, nella palazzina vi sono 2 colonne di scarico una che serve i bagni situata a ovest dell'edificio l'altra ad est ceche serve la zona cucine.

Nel mese di gennaio si è avuta una fuoriuscita di acqua dalla colonna all'altezza del primo piano a seguito della quale l'amministratore (che è un inquilino), mi chiedeva di contattare una ditta di mia conoscenza che potesse rimediare al danno, a seguito dell'intervento, che ha comportato la rottura e successiva riparazione del muro condominiale, veniva constatata l'otturazione della colonna all'altezza del balcone sito al 1° piano a causa di residui calcarei accumulatesi nel corso degli anni e si è resa necessaria la sostituzione di un tratto della colonna.L'importo della riparazione ammonta a cira 200 euro, a detta dell'amministratore la somma deve essere pagata solo dal sottoscritto, poichè negli anni passati gli altri 3 inquilini hanno spostato le cucine, allacciandosi alla colonna situata all'altra ala dell'edificio per cui l'unico rimasto allacciato alla colonna riparata è il sottoscritto di conseguenza essendo l'unico ad utilizzarla dovevo pagare la riparazione perchè secondo lui avrei dovuto spostare anche io la cucina.

A seguito di quanto esposto facevo notare all'amministratore che la colonna è condominiale e che, se altri condomini hanno deciso di spostare la cucina non esiste alcuna legge che mi imponga di spostarla a mia volta e tra l'altro i depositi calcarei sono dovuti anche agli scarichi degli anni precedenti perchè io abito da soli 3 anni quindi non sufficienti a provocare tali accumuli e che pertanto la riparazione andava ripartita per millesimi di proprietà.

Vi ringrazio per eventuali risposte che vorrete darmi

Saluti Nicola

Mia opinione.

Alle spese di manutenzione della colonna di scarico devono partecipare tutti anche quelli che adesso non la utilizzano ma che erano allacciati ad essa.

Il ragionamento si basa sul fatto che, se alla colonna ci fossi stato allacciato solo tu sin dall'origine, nulla questio sull'applicazione del 3° comma dell'art. 1123 c.c.

Il fatto che alcuni si siano distaccati in un secondo tempo, non esclude che essi non possano, potenzialmente, riutilizzare tale colonna in futuro.

A tal proposito, ci viene in aiuto il disposto dell'art. 1118 c.c. ultimo comma

Concordo con Giovanni Inga e posto il 2° e 3° comma dell'art 1118 cc;

 

- Il condomino non può rinunziare al suo diritto sulle parti comuni.

- Il condomino non può sottrarsi all'obbligo di contribuire alle spese per la conservazione delle parti comuni, neanche modificando la destinazione d'uso della propria unità immobiliare, salvo quanto disposto da leggi speciali.

Ops

Ovviamente non è l'ultimo comma bensì il 2° e il 3° come postato da Tullio...

Sorry.. la fretta...

ok grazie per le vostre risposte, anche a me sembrava assurdo che dovessi pagare solo io che ci abito da soli 2 anni e non altri che ci vivono da 30 anni che hanno contribuito alle formazioni di calcare sicuramente piu' di me.

×