Vai al contenuto
Sara DS

Spese condominiali ascensore

Buongiorno,
Avrei bisogno di un consiglio circa la ripartizione delle spese relative all'ascensore in quanto ho notato dal mio ultimo consuntivo (ma questa prassi avviene da almeno 4 anni) che le spese relative all'ascensore vengono suddivise per piano e per numero di persone occupanti l'appartamento, ma dall'art. 1124 del Codice Civile mi risulta che la ripartizione corretta dovrebbe avvenire per millesimi e per piano. Di seguito un esempio per far meglio comprendere : Spese ascensore di quest'anno € 1.818 - unità nel condominio 15  - calcolo dello studio che ci segue : € 1.818 : 15 unità = 121,20 -> 1 ° piano , di conseguenza 2° piano -> 242,40 e così via sino al sesto. Al secondo piano ci siamo io con 50 millesimi, 2° appartamento con 53 millesimi e 3° appartamento con 78 millesimi -> secondo lo studio io devo pagare € 121,20 in quanto siamo in due ad occupare l'appartamento e le altre unità devono pagare € 60,60 in quanto persona singola. Inoltre approfitto per chiedere a chi potrei rivolgermi per far revisionare tutta la documentazione degli ultimi quattro anni, in quanto credo sia necessario far ricontrollare il tutto da una figura competente. Spero di essere stata chiara e ringrazio per la collaborazione!
Sara 

Le spese di uso vanno ripartite per piani e la spesa di ogni  piano ripartita per millesimi tra le unità immobiliari presenti nel piano. Il piano terra è esonerato dal partecipare alla  spesa. 

Sara DS dice:

Buongiorno,
Avrei bisogno di un consiglio circa la ripartizione delle spese relative all'ascensore in quanto ho notato dal mio ultimo consuntivo (ma questa prassi avviene da almeno 4 anni) che le spese relative all'ascensore vengono suddivise per piano e per numero di persone occupanti l'appartamento, ma dall'art. 1124 del Codice Civile mi risulta che la ripartizione corretta dovrebbe avvenire per millesimi e per piano. Di seguito un esempio per far meglio comprendere : Spese ascensore di quest'anno € 1.818 - unità nel condominio 15  - calcolo dello studio che ci segue : € 1.818 : 15 unità = 121,20 -> 1 ° piano , di conseguenza 2° piano -> 242,40 e così via sino al sesto. Al secondo piano ci siamo io con 50 millesimi, 2° appartamento con 53 millesimi e 3° appartamento con 78 millesimi -> secondo lo studio io devo pagare € 121,20 in quanto siamo in due ad occupare l'appartamento e le altre unità devono pagare € 60,60 in quanto persona singola. Inoltre approfitto per chiedere a chi potrei rivolgermi per far revisionare tutta la documentazione degli ultimi quattro anni, in quanto credo sia necessario far ricontrollare il tutto da una figura competente. Spero di essere stata chiara e ringrazio per la collaborazione!
Sara 

Prima procedere al ricalcolo dovresti verificare che il metodo adottato per la ripartizione delle spese relative all’ascensore non sia disposto da un articolo di un regolamento condominiale contrattuale.

In tal caso per modificare la suddetta disposizione è necessaria il consenso unanime di tutti i partecipanti al condominio.

 

Con riferimento all’esempio esposto e agli appartamenti del secondo piano, espongo la ripartizione della medesima spesa di € 1.818,00 secondo i dettami dell’art. 1124 del c.c.

La prima metà della spesa complessiva € 1.818,00/2= € 909,00 è ripartita in proporzione ai millesimi:

€ 909,00/1000x50= € 45,45

€ 909,00/1000x53= € 48,18

€ 909,00/1000x78= € 70,90

calcolo dei millesimi di altezza del secondo piano:

1000/21x2=95,24 da ripartire in proporzione ai millesimi delle abitazioni poste al secondo piano:

95,24/(50+53+78)x50=26,31

95,24/(50+53+78)x53=27,89

95,24/(50+53+78)x78=41,04

ripartizione della seconda metà della spesa in funzione dei millesimi di altezza:

€ 909/1000x26,31=€ 23,92

€ 909/1000x27,89=€ 25,35

€ 909/1000x41,04=€ 37,31

spesa complessiva:

€ (45,45+23,92)= € 69,37 (121,20)

€ (48,18+25,35)= € 73,53 (60,60)

€ (70,90+37,31)= € 108,21 (60,60)

la somma calcolata col metodo legale per il tuo appartamento è all’incirca la metà di quella attribuita dall’amministratore.

 

 

Vito46 dice:

Le spese di uso vanno ripartite per piani e la spesa di ogni  piano ripartita per millesimi tra le unità immobiliari presenti nel piano. Il piano terra è esonerato dal partecipare alla  spesa. 

Sì sì, questo è proprio quello che intendevo contestare. Grazie mille! 

 

G.Ago dice:

Prima procedere al ricalcolo dovresti verificare che il metodo adottato per la ripartizione delle spese relative all’ascensore non sia disposto da un articolo di un regolamento condominiale contrattuale.

In tal caso per modificare la suddetta disposizione è necessaria il consenso unanime di tutti i partecipanti al condominio.

 

Con riferimento all’esempio esposto e agli appartamenti del secondo piano, espongo la ripartizione della medesima spesa di € 1.818,00 secondo i dettami dell’art. 1124 del c.c.

La prima metà della spesa complessiva € 1.818,00/2= € 909,00 è ripartita in proporzione ai millesimi:

€ 909,00/1000x50= € 45,45 

€ 909,00/1000x53= € 48,18

€ 909,00/1000x78= € 70,90

calcolo dei millesimi di altezza del secondo piano:

1000/21x2=95,24 da ripartire in proporzione ai millesimi delle abitazioni poste al secondo piano:

95,24/(50+53+78)x50=26,31

95,24/(50+53+78)x53=27,89

95,24/(50+53+78)x78=41,04

ripartizione della seconda metà della spesa in funzione dei millesimi di altezza:

€ 909/1000x26,31=€ 23,92

€ 909/1000x27,89=€ 25,35

€ 909/1000x41,04=€ 37,31

spesa complessiva:

€ (45,45+23,92)= € 69,37 (121,20)

€ (48,18+25,35)= € 73,53 (60,60)

€ (70,90+37,31)= € 108,21 (60,60)

la somma calcolata col metodo legale per il tuo appartamento è all’incirca la metà di quella attribuita dall’amministratore.

 

 

Innanzitutto grazie mille per il calcolo, il consiglio e la chiarezza della spiegazione datami! Oggi ho sentito lo studio che segue il nostro condominio ed alle mie contestazioni mi è stato risposto che "non siamo un condominio ma un palazzo intestato a persone fisiche" quindi non serve regolamento condominiale e le spese vengono ripartite secondo le volontà del proprietario. Posto che la risposta mi sembra assurda, ho controllato su internet e la definizione di condominio è "Si parla di condominio minimo quando i condomini sono due" ..nel nostro palazzo abita al 4° piano il proprietario del condominio, ma al 5° piano (c'è un solo appartamento vuoto) che sulla carta è intestato al fratello; di conseguenza il nostro palazzo può essere reputato un condominio, corretto? GRAZIE mille ancora 

Sara DS dice:

Innanzitutto grazie mille per il calcolo, il consiglio e la chiarezza della spiegazione datami! Oggi ho sentito lo studio che segue il nostro condominio ed alle mie contestazioni mi è stato risposto che "non siamo un condominio ma un palazzo intestato a persone fisiche" quindi non serve regolamento condominiale e le spese vengono ripartite secondo le volontà del proprietario. Posto che la risposta mi sembra assurda, ho controllato su internet e la definizione di condominio è "Si parla di condominio minimo quando i condomini sono due" ..nel nostro palazzo abita al 4° piano il proprietario del condominio, ma al 5° piano (c'è un solo appartamento vuoto) che sulla carta è intestato al fratello; di conseguenza il nostro palazzo può essere reputato un condominio, corretto? GRAZIE mille ancora 

In presenza di due distinti proprietari sussiste un condominio costituito da due condomini e un determinato numero di unità immobiliari, di cui una intestata ad un soggetto A e l’insieme delle rimanenti intestate ad altro soggetto B (fratello di A).

Tuttavia, non hai specificato nel precedente tuo intervento che sei una locataria e non una proprietaria.

Ne consegue che le tue richieste le devi rivolgere al proprietario locatore e nel rispetto degli accordi presi sottoscrivendo il contratto di locazione.

Grazie per questa nuova precisazione. Mi sono rivolta allo studio in quanto il nostro locatore (pur abitando nel nostro stesso condominio) per questo tipo di questioni ci fa rivolgere a loro, e quindi cedolini e consuntivi ci arrivano direttamente dallo studio in questione. Quando ho firmato il contratto di locazione non ho ricevuto alcun regolamento condominiale (da quanto mi hanno detto oggi non mi spetta non essendo il nostro un condominio ma "una proprietà intestata a persone fisiche") . Sul mio contratto figurano 4 proprietari e sul consuntivo ne sono citati due,rispettivamente al 4 e 5 piano. A questo punto posso portare avanti le mie idee/lamentele? Grazie ancora. 

 

Sara DS dice:

Sul mio contratto figurano 4 proprietari e sul consuntivo ne sono citati due,rispettivamente al 4 e 5 piano. A questo punto posso portare avanti le mie idee/lamentele?

Come ti è già stato detto, devi rivolgerti al tuo proprietario.

Il tuo regolamento è quello che trovi scritto nel tuo contratto di locazione riguardo alle spese accessorie (spese per le parti comuni).

In assenza di clausole particolari si applica la Legge sulle locazioni.

Ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato inquilini, portando con te tutta la documentazione in tuo possesso; contratto di locazione, rendiconti che ti fornisce lo studio di amministrazioni e quant'altro in tuo possesso.

 

Leonardo53 dice:

Come ti è già stato detto, devi rivolgerti al tuo proprietario.

Il tuo regolamento è quello che trovi scritto nel tuo contratto di locazione riguardo alle spese accessorie (spese per le parti comuni).

In assenza di clausole particolari si applica la Legge sulle locazioni.

Ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato inquilini, portando con te tutta la documentazione in tuo possesso; contratto di locazione, rendiconti che ti fornisce lo studio di amministrazioni e quant'altro in tuo possesso.

 

Sì, infatti credo proverò a rivolgermi al S.U.N.I.A.. Grazie mille! 

×