Vai al contenuto
ale1977

Spese condominiali appartamenti invenduti - potrei essere in qualche modo inadempiente?

Buongiorno,

come ho potuto constatare spesso accade, nel regolamento condominiale redatto per complesso di nuova costruzione, è presente la clausola che esonera il costruttore da tutte le spese ordinarie e straordinare relative agli appartamenti invenduti attribuendo l'onere ai restandi condomini. In tale clausola, indicata come disposizione transitoria, non è però citata una scadenza temporale ma è da ritenersi valida fino alla vendita degli appartamenti. Ho letto altre discussioni che trattano l'argomento ma si riferiscono a situazioni in cui la clausola è stata già accettata in maniera più o meno "consapevole" contrattualmente al momento del rogito. Nel mio caso, ho letto il regolamento prima dell'atto di vendita previsto a breve. Posto che reputo vessatoria la clausola in quanto non limitata nel tempo e non vedo perchè dovrei sobbarcarmi oneri per parti esclusive non di mia proprietà sulle quali non ho alcun diritto anche per spese come compenso dell'amministratore, assicurazione e spese bancarie che, a mio parere ma chiedo conferma, dovrebbero comunque rimanere a carico del venditore, vi chiedo se sono "costretto" ad accettare il regolamento così composto e nel caso di rifiuto, potrei essere in qualche modo inadempiente?

Una clausola che indichi l'esclusione dell'impresa costruttrice dalle spese condominiali ordinarie e straordinarie senza limiti di tempo è vessatoria e pertanto non valida.Tale esclusione può essere concessa al massimo per i primi due anni e solo per le spese ordinarie.Sarà compito dell'amministratore far partecipare alle spese condominiali anche l'impresa

 

 

Grazie per la risposta.

Quindi come mi devo comportare al momento del rogito per esprimere la volontà di non sottoscrivere la clausola perchè vessatoria?

Ho trovato qualcosa che fa riferimento ad una sentenza della Cassazione circa il limite massimo di due anni, ma c'è anche qualche sentenza relativa ai potersi limitare solo alle spese ordinarie?

Scritto da Giulio_S il 07 Mag 2013 - 16:20:12: Una clausola che indichi l'esclusione dell'impresa costruttrice dalle spese condominiali ordinarie e straordinarie senza limiti di tempo è vessatoria e pertanto non valida.Tale esclusione può essere concessa al massimo per i primi due anni e solo per le spese ordinarie.Sarà compito dell'amministratore far partecipare alle spese condominiali anche l'impresa

 

 

Ho i miei dubbi che sia una clausola vessatoria ed anche per il termine temporale.

 

 

La Corte di Cassazione ha stabilito che la clausola è vessatoria limitando temporalmente la durata a 2 anni ma nel nostro ordinamento giuridico una sentenza non fa giurisprudenza e quindi non è detto che di fronte ad una causa simile la pronuncia sia esattamente la stessa.

 

In ogni caso, te lo dico da inquilino che paga le spese anche per il costruttore, la scocciatura più grande è pagare le spese di assicurazione e dell'amministratore in una situazione in cui avremmo dovuto essere 14 condomini e per cause varie (acquirenti che non si trovano o acquirenti che non vogliono rogitare se non è tutto ultimato al 100%) siamo solo in 7. Significa un raddoppio delle spese condominiali.

 

Siamo riusciti ad ottenere dall'impresa costruttrice una partecipazione alle spese anche se da regolamento non propriamente dovute. Diciamo che è stata una compensazione dei ritardi che stanno determinando i mancati rogiti. In ogni caso non sono sufficienti.

 

Poi c'è il caso in cui l'impresa costruttrice per ritardi o altro conceda l'utilizzo degli spazi a inquilini che non sono proprietari... e in questo caso che si fa? Paga l'impresa costruttrice che concede spazi a persone che non hanno rogitato e che quindi non sono proprietari? Teoricamente sì ma non è così semplice poi riscuotere...

 

Ad ogni modo non conosco la tua situazione ma devi avere un amministratore preparato e senza vincoli con il costruttore altrimenti avrete solo problemi.

 

Ciao

 

 

 

 

Scritto da dalber62 il 07 Mag 2013 - 21:22:45:

Ho i miei dubbi che sia una clausola vessatoria ed anche per il termine temporale.

 

 

E invece ti garantisco che è una clausola vessatoria. Ho gia affrontato un caso simile con un costruttore tramite avvocato e abbiamo avuto ragione.

 

Per ale1977,non ti devi preoccupare firma pure il rogito perchè,in quanto vessatoria,non ha alcun valore quella clausola.Io però lo farei presente al notaio al momento della lettura del rogito

 

 

 

Scritto da Giulio_S il 09 Mag 2013 - 11:38:43:

E invece ti garantisco che è una clausola vessatoria. Ho gia affrontato un caso simile con un costruttore tramite avvocato e abbiamo avuto ragione.

 

Per ale1977,non ti devi preoccupare firma pure il rogito perchè,in quanto vessatoria,non ha alcun valore quella clausola.Io però lo farei presente al notaio al momento della lettura del rogito

 

Diciamo che la clausola possa essere parzialmente nulla e limitata ai casi di spese ordinarie. Non risolvi comunque i problemi che ti ho detto prima... quindi se prima di firmare ti accerti del regolamento, di quanti sono i condomini e ti fai un calcolo rapido di quanto ti costano solo amministratore, assicurazione, allacciamenti condominiali (se già non esistono)...probabilmente non fai un errore...

 

 

 

 

×