Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Ganhi

Spese acqua a consuntivo, ma non per tutti

Nel mio condominio dopo anni di ripartizione dei costi dell'acqua per millesimi si è deciso di passare alle letture dei contatori.

Di recente l'assemblea ha concesso all'amministratore di assegnare consumi forfettari annuali, e non letture presunte, in caso di mancata lettura.

Conseguentemente, in caso di una mancata lettura, viene assegnato un consumo forfettario che però non darà origine a credito o debito per l’anno successivo causando così una sperequazione nel tipo di trattamento tra vari condomini; e possibile fare questo?

Inoltre è possibile delegare la gestione delle letture all'amministratore senza affidarsi ad una ditta specializzata?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

l'assemblea è libera di scegliere la ripartizione che ritiene più consona.. nel vostro caso, sembra che tale scelta non sia delle migliori. Assegnare un consumo a forfait implica che si dovrebbe avere, quanto meno, uno storico per essere il più vicino possibile ai reali consumi. La ripartizione per millesimi era contenuta in un regolamento o è stata una decisione dell'assemblea?

Allo stesso modo, l'assemblea può dare mandato all'amministratore di occuparsi della contabilità idrica..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il problema è proprio l'assenza dei uno storico.

Se si salta una lettura(come nel mio caso) arriva un forfait ma dall'anno successivo non si tiene conto se quel forfait è stato superiore o inferiore ai reali consumi derivanti dalle letture successive.

E' come se chi manda le letture sia in regime di "letture" e chi la salta anche una (perchè l'amministratore ne vuole sempre due per fare le differenze) cade in regime di forfait ... ma è legale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sicuramente non è equo.. Proverei a riproporre l'argomento in assemblea magari con l'appoggio di altri condomini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il problema è proprio l'assenza dei uno storico.

Se si salta una lettura(come nel mio caso) arriva un forfait ma dall'anno successivo non si tiene conto se quel forfait è stato superiore o inferiore ai reali consumi derivanti dalle letture successive.

E' come se chi manda le letture sia in regime di "letture" e chi la salta anche una (perchè l'amministratore ne vuole sempre due per fare le differenze) cade in regime di forfait ... ma è legale?

Se si salta una lettura e si assegna un consumo "forfettario" vuol dire che viene indicata una lettura presunta (e si paga in base a quella lettura).

Nella successiva lettura si dovrà contabilizzare il consumo partendo dalla lettura "presunta" il cui consumo è già stato contabilizzata e già stato pagato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Di solito le letture dei contatori gli amministratori le fanno a periodi fissi (fine dicembre oppure primi gennaio) Se si è assenti si dovrebbe avere l'accortezza di comunicare la lettura all'amministratore che sicuramente ne terrà conto.

Se i condomini se ne disinteressano, ritengo giusto applicare un consumo forfettario se questo è stabilito dall'assemblea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il punto non è l'applicazione del consumo forfettario ma il fatto che, prima o dopo, dovrà essere fatta una lettura, necessariamente, e su questa conguagliare a credito/debito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Certo, ed il fatto di fare un conguaglio alla fine annulla ogni disparità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×