Vai al contenuto
bru49

Sostituzione termoconvettori con termosifoni in alluminio

Un saluto a tutti, avrei, cortesemente, bisogno un parere sulla sostituzione dei termoconvettori (anni 1963) con termosifoni in alluminio (condominio con impianto centralizzato). Ho iniziato la ristrutturazione dell'appartamento ed essendo i termoconvettori alquanto obsoleti (perdite, ecc.) ho deciso di sostituirli con dei termosifoni in alluminio. Ho predisposto gli attacchi per i termosifoni in alluminio, ma ahimè ho dovuto bloccare i lavori in quanto alcuni condomini si sono lamentati perché a loro volta, diversi anni fa, è stata negata la sostituzione degli stessi. Faccio presente che prima di iniziare i lavori ho fatto fare dal termotecnico la relazione da consegnare all'Amministratore, nella quale si faceva notare che la sostituzione dei termoconvettori non comporta sbilanciamenti nell'impianto e la scheda tecnica dei termosifoni per l'aggiornamento dei millesimi.

Quindi pongo queste domande:

1.c'è qualche prassi da seguire per la sostituzione dei caloriferi,

2.c'è qualche articolo del Codice Civile che regolamenta la loro sostituzione,

3.ci sono sentenze emesse da qualche Tribunale in merito,

4.la sostituzione dei convettori deve essere autorizzata dall'Assemblea,

5.poteva l'Amministratore dirmi di fermare i lavori (ormai da 5 mesi),

6.nel caso che l'Assemblea dovesse essere contraria alla sostituzione, cosa posso fare?

Metto in evidenza, inoltre, che prossimamente verranno installate le valvole termostatiche e il contabilizzatore di calore in tutti gli appartamenti del condominio (ancora da deliberare).

Le domande sono tante, scusatemi, ma avrei bisogno di essere aggiornato in merito .

Un grandissimo Grazie

Bruno Villa

1- no purchè non aumenti la superfice radiante

2- no

3- no

4- assolutamente no

5- no

6- l'assemblea non è tenuta a sindacare i lavori nella proprietà privata, a meno che si modifichi il numero dei radiatori o la superfice radiante.

 

Considerazione: se ti si buca un radiatore, che fai, aspetti l'assemblea, con l'acqua in casa, o lo cambi ??

Scritto da bru49 il 21 Mag 2012 - 10:26:40:

prima di iniziare i lavori ho fatto fare dal termotecnico la relazione da consegnare all'Amministratore, nella quale si faceva notare che la sostituzione dei termoconvettori non comporta sbilanciamenti nell'impianto e la scheda tecnica dei termosifoni per l'aggiornamento dei millesimi.

E' qui l'errore: l'indebito aggiornamento dei millesimi.

L'assemblea non può deliberare/intervenire sulla proprietà privata (come erroneamente fatto in passato), ma tu non puoi unilateralmente proporre/modificare una tabella millesimale a seguito di sostituzione di corpi scaldanti nella tua u.i. Tu devi installare i nuovi radiatori riferendoti e dimensionandoli ai termoconvettori pre-esistenti. Tale modalità operativa comporta il restringimento dell'ingombro richiesto dai nuovi radiatori rispetto ai vecchi termoconvettori. A queste condizioni puoi procedere alla sostituzione, senza che alcuno abbia da avanzare obiezioni valide. Non serve delibera assembleare.

 

Il tuo termotecnico doveva certificare:

1) che la sostituzione non sbilancia l'impianto condominiale,

2) che il nuovo assorbimento di calore complessivo della tua u.i. è uguale o leggermente inferiore alla situazione ante,

3) in dettaglio per ogni vano le specifiche del vecchio termoconvettore e di conseguenza il numero di elementi da inserire per realizzare il nuovo radiatore in alluminio.

Vivo in un Condominio dove dal 2002 coesistono termoconvettori e radiatori alluminio (ora circa la metà delle Proprietà hanno sostituito): ciò proprio perchè nessuno può imporre cambi di corpi scaldanti o ristrutturazioni ad altri.

L'impianto centralizzato funziona sempre regolarmente, ma chi ha i nuovi radiatori li tiene quasi sempre al minimo o chiusi, se non vuol morire per il troppo caldo.

In Condominio insorgiamo solo se qualcuno non presenta preventivamente la certificazione del termotecnico attestante la linearità della sostituzione (come sopra descritta); mai nessuno si è sognato di intaccare la relativa tabella millesimale.

L'intera situazione è tollerata perchè dall'anno 2000 non sono più reperibili i ricambi per quel modello di termoconvettore installato in origine dal Costruttore.

Saluti

 

Modificato Da - albano59 il 21 Mag 2012 22:54:08

Non sono stato chiaro.

Non voglio modificare la tabella dei millesimi, volevo solamente dire che la scheda tecnica dei termosifoni resta come documentazione da allegare alla relazione del termotecnico, il quale specifica, nella stessa, che:

1. non vi alcun sbilanciamento dell'impianto,

2. che i caloriferi che andranno installati sono stati dimensionati prendendo come riferimento i precedenti (per quanto si possa fare),

3. specifica per vano il numero di elementi e la lunghezza, ecc.

 

Salutissimi

 

Bruno Villa

×