Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
claudio@

Sostituzione rete messa in sicurezza

Salve ,volevo chiarimenti in merito alla sostituzione delle reti per messa in sicurezza di balcone aggettante,

in quanto circa due anni fa, vista la precarietà dell'intonaco dei mie balconi, ho deciso di mettere delle reti verdi in protezione degli stessi evitando pericoli altrui.

Ora mi ritrovo in conflitto con l'inquilino del piano sottostante che vorrebbe la sostituzione della stessa ogni sei mesi per via della polvere, danneggiandomi la rete in modo da farmela sostituire.

Io ho visionato la rete ma non presenta segni di cedimento in quanto sta facendo il suo lavoro ,tranne nella parte interna dove è stata tagliata.

La mia domanda è questa :

ogni quanto tempo va sostituita la rete, anche se e funzionante ?

posso citarla per danni verso ignoti?

grazie a tutti e buona serata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve ,volevo chiarimenti in merito alla sostituzione delle reti per messa in sicurezza di balcone aggettante,

in quanto circa due anni fa, vista la precarietà dell'intonaco dei mie balconi, ho deciso di mettere delle reti verdi in protezione degli stessi evitando pericoli altrui.

Ora mi ritrovo in conflitto con l'inquilino del piano sottostante che vorrebbe la sostituzione della stessa ogni sei mesi per via della polvere, danneggiandomi la rete in modo da farmela sostituire.

Io ho visionato la rete ma non presenta segni di cedimento in quanto sta facendo il suo lavoro ,tranne nella parte interna dove è stata tagliata.

La mia domanda è questa :

ogni quanto tempo va sostituita la rete, anche se e funzionante ?

posso citarla per danni verso ignoti?

grazie a tutti e buona serata.

Direi che per accusare il condòmino sottostante di danneggiamento dovresti avere le prove.

Oltretutto la rete verde di protezione per la messa in sicurezza è un provvedimento provvisorio e di urgenza finchè non si provvede al ripristino dell'intonaco.

Se questa rete è lì già da due anni, quando hai intenzione di ripristinare l'intonaco?

Comprendo che il lavoro ha un costo per via del noleggio della piattaforma mobile ma non puoi lasciare l'intonaco pericolante per due anni lasciando che ad ogni distacco o ad ogni colpo di vento cada polvere nel balcone sottostante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Diciamo che l'intonaco (non la soletta) del balcone aggettante dovrebbe essere di competenza del proprietario "sottostante" il balcone stesso.

 

Il balcone aggettante non è altro che il prolungamento della soletta-solaio-pavimento dell'unità immobiliare cui fa da accessorio.

 

Sappiamo bene che il solaio-soletta tra due appartamenti sopra-sotto è di competenza di entrambi, naturalmente l'intonaco sottostante (e la relativa pitturazione) è a carico dell'unità immobiliare sottostante, così come l'intonaco sottostante il balcone.

 

Precisi riferimenti giurisprudenziali li trovi al "solito" link:

 

http://www.condomini.altervista.org/BalconiProprieta.htm

 

Quindi fai attenzione a doverti assumere tutte le responsabilità per la caduta di pezzi di intonaco, dovresti coinvolgere anche il proprietario sottostante, facendogli conoscere i riferimenti che ti ho indicato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sappiamo bene che il solaio-soletta tra due appartamenti sopra-sotto è di competenza di entrambi, naturalmente l'intonaco sottostante (e la relativa pitturazione) è a carico dell'unità immobiliare sottostante, così come l'intonaco sottostante il balcone...

Però le sentenze al link postato dicono altro.

La prima sentenza diice che per i balconi aggettanti non si può considerare solaio comune ex art. 1125 ma proprietà esclusiva:

I balconi aggettanti non possono considerarsi al servizio dei piani sovrastanti o sottostanti, quindi in proprietà comune dei proprietari di tali piani.Corte di Cassazione, Sez. II Civ., sentenza n. 218 del 5 gennaio 2011.

La seconda sentenza:

Non diritto di agganciare le tende alla soletta del balcone "aggettante"Cass. civile, Sez. II, 17 luglio 2007, n. 15913

La corte, con sentenza del 17 luglio 2007, n. 15913, ha precisato che l'art. 1125 c.c. non può trovare applicazione nel caso dei balconi "aggettanti", i quali sporgendo dalla facciata dell'edificio, costituiscono solo un prolungamento dell’appartamento dal quale protendono; e, non svolgendo alcuna funzione di sostegno, né di necessaria copertura dell'edificio (come, viceversa, accade per le terrazze a livello incassate nel corpo dell’edificio), non possono considerarsi a servizio dei piani sovrapposti e, quindi, di proprietà comune dei proprietari di tali piani; ma rientrano nella proprietà esclusiva dei titolari degli appartamenti cui accedono.

Ed ancora, una sentenza ancor più vecchia e non citata nel link:

I balconi, essendo elementi accidentali rispetto alla struttura del fabbricato e non avendo funzione portante (assolta da pilastri ed architravi), non costituiscono parti comuni dell'edificio (ai sensi dell'art. 1117 c.c.), anche se inseriti nella facciata, in quanto formano parte integrante dell'appartamento che vi ha accesso come prolungamento del piano. Conseguentemente la domanda di demolizione dei medesimi va proposta nei confronti dei condomini proprietari degli appartamenti ai quali sono annessi i balconi, sicché il contraddittorio può considerarsi integro anche se non sono stati chiamati in giudizio il condominio ovvero tutti gli altri condomini dell'edificio.

* Cass. civ., sez. II, 23 giugno 1995, n. 7148, La Ferlita c. Catania.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sempre al "solito" link, dove non cerchiamo la "soletta", ma la parte sottostante: "l'intonaco", come all'interno dell'appartamento:

 

Sez. III Civile, n. 22370 del 29 novembre 2004

 

Cass. 28/11/92 - n. 12792

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie a tutti per il vostro chiarimento

La mia domanda è :esiste una legge che mi obblighi la sostituzione della rete(che non causa pericolo altrui) ogni sei mesi ,o il ripristino del balcone non avendo le forze economiche da poter affrontare la spesa.

Salve

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ti abbiamo inviato i riferimenti necessari.

 

Quando parlerai con il proprietario sottostante e gli farai capire che l'intonaco è anche di sua competenza, deciderete insieme se o quando cambiare la rete o intervenire con il muratore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie a tutti per il vostro chiarimento

La mia domanda è :esiste una legge che mi obblighi la sostituzione della rete(che non causa pericolo altrui) ogni sei mesi ,o il ripristino del balcone non avendo le forze economiche da poter affrontare la spesa.

Salve

La Normativa (sembra la UNI EN...) a detta di quanto pubblicato dal quotidiano "Repubblica", pare dire che la provvisorietà (non la sostituzione) non può perdurare per più di 2 anni.

Leggi questo articolo:

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/01/18/boom-di-crolli-nessuno-ristruttura-e-la-crisiPalermo04.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×