Vai al contenuto
sportivo.pa

Sopralluogo del geometra per presentare progetto al g.c. per agibilità piscina

Buongiorno cari amici. avrei un quesito da proporre e cioè: in seguito ad un sopralluogo da parte del geometra, incaricato dal condominio per risolvere l'agibilità della piscina, con la presenza dell'amministratore ed un consigliere, ci si è accorti di un errore non indifferente in fase di progettazione. Progetto già inoltrato al Genio civile.

Premetto che tutto il manufatto è stato costruito nel 1994 e assieme alla piscina, abbiamo accanto una cisterna d'acqua potabile (autoclave).

Nel redigere il progetto il geometra ha omesso di rappresentare la cisterna d'acqua mettendo al suo posto "terrapieno".

Sarà stata una svista o comunque una superficialità non accettabile, sta di fatto che in assemblea il geometra ha sostenuto che la responsabilità non è sua di questo errore, non solo, c'è stato anche un condomino che ha dirottato le responsabilità sul consigliere presente al sopralluogo perchè non lo avrebbe informato della presenza l'autoclave. Il geometra nelle precedenti riunioni presso il suo studio sapeva della presenza dell'autoclave perchè se ne era parlato. A questo punto mi chiedo se non è responsabile il geometra che, pagato da tutti noi, ha avuto l'incarico di redigere il progetto per l'agibilità, è forse colpa del consigliere che non lo ha informato? Faccio presente che il condomino è amico del geometra e nemico del consigliere. Grazie in anticipo sulle vostre risposte.

Non sono chiari i tempi:

il progetto già inoltrato al G.C. e il manufatto costruito nel 1994?

e ancora:

il Genio Civile non rilascia nessuna agibilità;

l'autoclave non richiede nessuna autorizzzazione, la cisterna di acqua specie se in c.a, si.

Potresti essere più chiaro?

grazie

si il manufatto è stato costruito nel 1994, comprendente piscina e adiacente cisterna d'acqua. la piscina non aveva agibilità ed allora i condomini hanno dato mandato al geometra di istruire la pratica per ottenere l'agibilità della piscina.

Quando abbiamo visto la relazione e i disegni del manufatto ci siamo accorti dell'errore,

a posto dell'autoclave era stato messo "terrapieno". questo cosa comporta? la pratica è stata inoltrata al g.civile così. grazie

Ogni costruzione in c.a. va autorizzata prima di essere realizzata e non dopo, In tal senso gli artt. 17 e 18 della L.64/74 e poi l'art. 4 della L.1086/71 che prevede il deposito dei calcoli in c.a. da parte del costruttore.

Il problema non è il terrapieno al posto dell'autoclave o viceversa. Si può sempre produrre una varizione alle tavole grafiche, ai calcoli e alla relazione.

Il problema è l'inoltro del progetto a cose fatte. 🤔

Sono d'accordo sulla risposta ricevuta, ma la responsabilità a chi va? Al geometra o al consigliere, come qualcuno ha insinuato? Grazie.

Dovrebbe essere il tecncio incaricato a "fotografare" lo stato dell'arte. Il consigliere non è detto che sia competente se magari svolge altro mestiere o professione.

×