Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Uapos

Sopraelevazione su tetto condominiale

Salve mi dite quando risulta abusiva una sopraelevazione.

Nel mio condominio continuano a dire che non è in regola, vorrei sapere perché?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Dal punto di vista urbanistico, la sopraelevazione è abusiva quando mancano i titoli abilitativi (es. permesso di costruire).

Dal punto di vista condominiale la sopraelevazione è illegittima se non rispetta quanto previsto dall'art. 1127 c.c. Qui alcuni approfondimenti sull'argomento:

https://www.condominioweb.com/sopraelevazione-diritto-allindennizzo.11640

https://www.condominioweb.com/lindennita-spettante-ai-condomini-per-lesercizio-del-diritto-di-sopraelevazione.868

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grande Avvocato, poi dicono che studiare non serve a nulla.

 

Quindi anche se hanno avuto una DIA non significa che hanno avuto il permesso a costruire? E' esatto?

 

Seconda domanda: Il condominio può decidere a maggioranza e chiedere quote condominiali o deve essere una situazione accettata ad unanimità ( cioè da tutti i condomini)?

 

IN merito a sti indennizzo di cui si parla. Ma con un esempio economico, ci fate capire quanto è?

 

Aspetto impaziente. Grazie Avv.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ARTICOLO 1127

Costruzione sopra l'ultimo piano dell'edificio

Il proprietario dell'ultimo piano dell'edificio può elevare nuovi piani o nuove fabbriche, salvo che risulti altrimenti dal titolo. La stessa facoltà spetta a chi è proprietario esclusivo del lastrico solare.

 

La sopraelevazione non è ammessa se le condizioni statiche dell'edificio non la consentono.

 

I condomini possono altresì opporsi alla sopraelevazione, se questa pregiudica l'aspetto architettonico dell'edificio ovvero diminuisce notevolmente l'aria o la luce dei piani sottostanti.

 

Chi fa la sopraelevazione deve corrispondere agli altri condomini un'indennità pari al valore attuale dell'area da occuparsi con la nuova fabbrica, diviso per il numero dei piani, ivi compreso quello da edificare, e detratto l'importo della quota a lui spettante. Egli è inoltre tenuto a ricostruire il lastrico solare di cui tutti o parte dei condomini avevano il diritto di usare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cos'è il titolo nelle sopraelevazioni.

 

Cita sempre questa parola " Titolo"

 

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Cos'è il titolo nelle sopraelevazioni.

 

Cita sempre questa parola " Titolo"

 

Grazie

Scritto o fatto giuridico che giustifica l’acquisto di un diritto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Cos'è il titolo nelle sopraelevazioni.

 

Cita sempre questa parola " Titolo"

 

Grazie

Si tratta di un diritto comunque imprescrittibile;caratteristica di alcuni diritti che non si estinguono anche se non vengono esercitati per lungo tempo

 

commento al 1127 cc

 

[h=3]Note[/h](1) Il proprietario dell'ultimo piano dell'edificio ha un diritto di sopraelevazione, sulla cui natura la dottrina si divide: per alcuni si tratterebbe di un autonomo diritto di superficie; per altri, di una facoltà che spetta al proprietario in quanto tale.

Si tratta di un diritto comunque imprescrittibile.

Il titolo in base al quale il diritto di sopraelevazione può spettare ad altri soggetti diversi, è costituito dal regolamento del condominio predisposto dal costruttore ed accettato da tutti i condomini (c.d. regolamento contrattuale), oppure da un contratto successivo tra tutti i condomini.

(2) Il primo limite alla sovraelevazione è dato dalle condizioni statiche dell'edificio: si tratta di un divieto assoluto (la relativa azione è imprescrittibile), a cui si può ovviare solo se gli altri condomini prestino unanime consenso alle opere di rafforzamento e di consolidamento necessarie all'edificio.

(3) Il secondo limite, relativo all'aspetto architettonico dell'edificio, presuppone l'opposizione facoltativa degli altri condomini: di conseguenza l'azione è soggetta a prescrizione ventennale perché il diritto a far valere la non alterazione del decoro architettonico è disponibile e si prescrive per il mancato esercizio nell'arco di venti anni.

(4) Anche il terzo limite, relativo alla notevole diminuzione di aria e luce, presuppone l'opposizione facoltativa degli altri condomini.

La diminuzione può riguardare anche solo un appartamento, o una sola porzione condominiale del fabbricato.

(5) L'obbligo di pagare l'indennità costituisce una obbligazione propter rem.

L'indennità è dovuta anche se il proprietario dell'ultimo piano si limita a trasformare i locali preesistenti mediante incremento delle superfici e delle volumetrie.

Il diritto all'indennità spetta a colui che rivestiva la qualifica di condomino al tempo della sovraelevazione o ai suoi successori secondo la disciplina della cessione del credito: non spetta automaticamente a chi sia divenuto proprietario successivamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×