Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
annina05

Sistema di calcolo ripartizione acqua

Salve a tutti,

ho acquisito da poco un piccolo condominio di 6 unità. Mi hanno consegnato la fattura dell'Acquedotto Pugliese e le letture dei contatori individuali. Dato che non hanno il letturista che oltre a prendere la lettura calcola anche il prezzo da pagare, dovrò farlo io.

Aiutoooooo, sono giorni che leggo, calcolo, ma non riesco a capire il sistema che utilizzano le agenzie.

La fattura è di € 484,85 consumo per 104 gg. 391 mc suddivisi:

A 48 mc

B 71 mc

C 24 mc

D 76 mc

E 63 mc

F 99 mc

aiutatemi a calcolare quanto devono pagare in base ai loro mc.

Grazie a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La somma totale è 381 e non 391, comunque la fattura di 484,85 € viene ripartita in questa maniera;

 

48 +

71

24

76

63

99

---

381

 

484,85 : 381 = 1,27

 

48 * 1.27 = 61,08 €

71 * 1.27 = 90,35 €

24 * 1.27 = 30,54 €

76 * 1.27 = 96,72 €

63 * 1.27 = 80,17 €

99 * 1.27 = 125,98 €

 

totale = 484,85 €

 

Modificato Da - tuxx il 28 Ago 2012 07:31:54

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da annina05 il 28 Ago 2012 - 01:35:02: Salve a tutti,

ho acquisito da poco un piccolo condominio di 6 unità. Mi hanno consegnato la fattura dell'Acquedotto Pugliese e le letture dei contatori individuali. Dato che non hanno il letturista che oltre a prendere la lettura calcola anche il prezzo da pagare, dovrò farlo io.

Aiutoooooo, sono giorni che leggo, calcolo, ma non riesco a capire il sistema che utilizzano le agenzie.

La fattura è di € 484,85 consumo per 104 gg. 391 mc suddivisi:

A 48 mc

B 71 mc

C 24 mc

D 76 mc

E 63 mc

F 99 mc

aiutatemi a calcolare quanto devono pagar [...]

https://www.condominioweb.com/forum/quesito/ripartizione-spese-acquedotto-42635/

 

Leggi attentamente il link su indicato e capirai come funziona con l'acquedotto pugliese.

 

Ognuno dovrà pagare per la sua fascia di consumo e ti assicuro che c'è una gran bella differenza.

Chi consuma 24 mc in 104 giorni paga l'acqua (in media) a circa €. 0,70 al mc mentre chi ne consuma 99 paga a più di €. 2,00 al mc.

Se fai pagare tutti in egual misura poi dovrai sopportare le ire sia di chi ha pagato di più, sia di chi ha pagato meno ma non vorrà ammettere l'errore e pagare la differenza.

 

Naturalmente incasserai più della bolletta dell'acquedotto (se non c'è eccedenza condominiale), la somma che avanzerà la restituirai a fine anno a tutti i condòmini in proporzione ai loro consumi.

 

Come avrai potuto notare i calcoli sono un po' complicati e se non hai tanta pazienza è meglio affidarsi ad un'agenzia che con pochi euro a lettura fa tutti i calcoli ed emette pure le bollette.

P.S. nell'esempio da me riportato sul link manca la fascia di consumo p3 che costa più di 2 euro al mc. e che non ho indicato perchè nessuno dell'esempio rientrava in quella fascia di consumo mentre da te qualcuno ci rientra sicuramente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Leonardo53 il 28 Ago 2012 - 07:53:45: https://www.condominioweb.com/forum/quesito/ripartizione-spese-acquedotto-42635/

 

Leggi attentamente il link su indicato e capirai come funziona con l'acquedotto pugliese.

 

Ognuno dovrà pagare per la sua fascia di consumo e ti assicuro che c'è una gran bella differenza.

Certo, che così è più difficile, che la semplice ripartizione matematica

 

Forse era meglio come si faceva negli anni passati (ed esiste ancora per l'acqua in moltissimi stabili), cioè ognuno il proprio contratto con l'ente erogatore (acquedotto), singolo contratto e contatore e relativa bolletta, com'è per l'energia elettrica e gas.

 

Modificato Da - tuxx il 28 Ago 2012 09:16:41

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da annina05 il 28 Ago 2012 - 01:35:02-]Salve a tutti,

ho acquisito da poco un piccolo condominio di 6 unità. Mi hanno consegnato la fattura dell'Acquedotto Pugliese e le letture dei contatori individuali. Dato che non hanno il letturista che oltre a prendere la lettura calcola anche il prezzo da pagare, dovrò farlo io.

Aiutoooooo, sono giorni che leggo, calcolo, ma non riesco a capire il sistema che utilizzano le agenzie.

La fattura è di € 484,85 consumo per 104 gg. 391 mc suddivisi:

A 48 mc

B 71 mc

C 24 mc

D 76 mc

E 63 mc

F 99 mc

aiutatemi a calcolare quanto devono pagar [...]

[/quo

Vi ringrazio tanto, ho capito come fare

 

Anna Gambino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
https://www.condominioweb.com/forum/quesito/ripartizione-spese-acquedotto-42635/

 

Leggi attentamente il link su indicato e capirai come funziona con l'acquedotto pugliese.

 

Ognuno dovrà pagare per la sua fascia di consumo e ti assicuro che c'è una gran bella differenza.

Chi consuma 24 mc in 104 giorni paga l'acqua (in media) a circa €. 0,70 al mc mentre chi ne consuma 99 paga a più di €. 2,00 al mc.

Se fai pagare tutti in egual misura poi dovrai sopportare le ire sia di chi ha pagato di più, sia di chi ha pagato meno ma non vorrà ammettere l'errore e pagare la differenza.

 

Naturalmente incasserai più della bolletta dell'acquedotto (se non c'è eccedenza condominiale), la somma che avanzerà la restituirai a fine anno a tutti i condòmini in proporzione ai loro consumi.

 

Come avrai potuto notare i calcoli sono un po' complicati e se non hai tanta pazienza è meglio affidarsi ad un'agenzia che con pochi euro a lettura fa tutti i calcoli ed emette pure le bollette.

 

 

P.S. nell'esempio da me riportato sul link manca la fascia di consumo p3 che costa più di 2 euro al mc. e che non ho indicato perchè nessuno dell'esempio rientrava in quella fascia di consumo mentre da te qualcuno ci rientra sicuramente.

Salve, premesso che è il mio lavoro, se può essere utile il mio modesto intervento forse ci vedremo tutti (o quasi) daccordo: la fattura AQP arriva al Condominio e non al singolo condòmino che è parte integrante dello stabile. Allora in fase di ripartizione bisogna rispettare il metodo che adotta l'ente erogatore del servizio idrico, in questo caso l'AQP. Premesso che la quota fissa di acqua e fogna è uguale per tutti, i consumi dei singoli una volta sommati devono essere rapportati alla fattura secondo le fasce in essa indicate, pertanto nessuno ruba l'acqua a nessuno per il semplice fatto che chi consuma molto beneficia di ulteriori mc per ogni fascia di consumo spettante. Mi spiego meglio: se in un condominio ci sono due inquilini l'aqp riconosce 200 litri al giorno per ogni utenza all'interno del condominio, totale litri spettanti 400, a questo punto arriva la fattura da pagare per un consumo di litri 400 addebitanto il consumo alla fascia T1. Ovviamente se uno dei due inquilini consuma solo 100 litri in un giorno consente all'altro di beneficiare, oltre i suoi 200 litri, di ulteriori 100 litri col vantaggio di pagare il proprio consumo idrico al prezzo della fascia T1. Se avessimo ripartito per fasce avremmo commesso un errore facendo pagare a chi ha consumato di più 200 litri in T1 e gli altri 100 litri a tariffa T2 mentre la fattura applica solo la tariffa T1. A presto e un saluto a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
...Premesso che la quota fissa di acqua e fogna è uguale per tutti, i consumi dei singoli una volta sommati devono essere rapportati alla fattura secondo le fasce in essa indicate...

...Ovviamente se uno dei due inquilini consuma solo 100 litri in un giorno consente all'altro di beneficiare, oltre i suoi 200 litri, di ulteriori 100 litri col vantaggio di pagare il proprio consumo idrico al prezzo della fascia T1. Se avessimo ripartito per fasce avremmo commesso un errore facendo pagare a chi ha consumato di più 200 litri in T1 e gli altri 100 litri a tariffa T2 mentre la fattura applica solo la tariffa T1. A presto e un saluto a tutti.

Sebbene sia il tuo lavoro io non sono d'accordo.

Sebbene la fattura sia unica le tariffe per fasce di consumo son per MODULO (immobile), quindi il principio è che ognuno paga il suo consumo in base alla tariffa per MODULO. Eventuali differenze in dare/avere sulla fattura AQP devono essere ripartite tra tutti secondo il criterio approvato dall'assemblea.

 

Secondo il tuo ragionamento se per più trimestri tu consumi sempre 300 litri al giorno ed io sempre 100, tu pagheresti sempre i tuoi 300 litri a tariffa T1.

Se in un trimestre (una tantum) anch'io consumassi 300 litri al giorno come te mi ritroverei a pagare quei 100 litri in tariffa T2 dopo che tu ne hai usufruito sempre a tariffa T1. Ti sembra corretto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ciao leonardo, scusami se ti rispondo in ritardo, è bello confrontarsi; premetto che il mio non è un ragionamento ma solo applicazione del criterio di ripartizione che è fedele a quello di AQP. Allora, se nel primo caso da te ipotizzato il consumo è a=300 e b=100 e la fatturazione dei consumi è in fascia t1, sia "a che b" pagheranno a tariffa t1 i loro consumi, questo perché l'acquedotto considera il consumo giornaliero sommando le impegnative moltiplicando per 200 litri al gg.= 400 lt. Nella seconda ipotesi avremmo una fattura AQP così elaborata: litri 400 a tariffa t1 e litri 200 a tariffa t2. Grazie per il confronto, sono a disposizione di tutti per qualsiasi evenienza.

Il confronto raddoppia le proprie conoscenze. Un saluto a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve, premesso che è il mio lavoro, se può essere utile il mio modesto intervento forse ci vedremo tutti (o quasi) daccordo: la fattura AQP arriva al Condominio e non al singolo condòmino che è parte integrante dello stabile. Allora in fase di ripartizione bisogna rispettare il metodo che adotta l'ente erogatore del servizio idrico, in questo caso l'AQP. Premesso che la quota fissa di acqua e fogna è uguale per tutti, i consumi dei singoli una volta sommati devono essere rapportati alla fattura secondo le fasce in essa indicate, pertanto nessuno ruba l'acqua a nessuno per il semplice fatto che chi consuma molto beneficia di ulteriori mc per ogni fascia di consumo spettante. Mi spiego meglio: se in un condominio ci sono due inquilini l'aqp riconosce 200 litri al giorno per ogni utenza all'interno del condominio, totale litri spettanti 400, a questo punto arriva la fattura da pagare per un consumo di litri 400 addebitanto il consumo alla fascia T1. Ovviamente se uno dei due inquilini consuma solo 100 litri in un giorno consente all'altro di beneficiare, oltre i suoi 200 litri, di ulteriori 100 litri col vantaggio di pagare il proprio consumo idrico al prezzo della fascia T1. Se avessimo ripartito per fasce avremmo commesso un errore facendo pagare a chi ha consumato di più 200 litri in T1 e gli altri 100 litri a tariffa T2 mentre la fattura applica solo la tariffa T1. A presto e un saluto a tutti.

Perfettamente d'accordo !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Mi spiego meglio: se in un condominio ci sono due inquilini l'aqp riconosce 200 litri al giorno per ogni utenza all'interno del condominio' date=' totale litri spettanti 400, a questo punto arriva la fattura da pagare per un consumo di litri 400 addebitanto il consumo alla fascia T1. Ovviamente [b']se uno dei due inquilini consuma solo 100 litri in un giorno consente all'altro di beneficiare[/b], oltre i suoi 200 litri, di ulteriori 100 litri col vantaggio di pagare il proprio consumo idrico al prezzo della fascia T1.

Io non sono d'accordo sul beneficiare di un solo inquilino grazie al risparmio dell'altro.

Faccio un esempio:

Spettanza 200 litri al giorno in T1 al prezzo di €. 0,10 al litro

Spettanza 100 litri al giorno in T2 al prezzo di €. 0,20 al litro

Spettanza acquedotto per due moduli 400 litri a tariffa T1

Lettura globale acquedotto per i due moduli 400 litri con importo fattura €. 0.10*400 = € 40.00 (200 litri per 2 moduli = 400 litri in T1)

Inquilino A consuma 100 litri ed inquilino B consuma 300 litri.

Secondo il tuo ragionamento l'inquilino A paga €. 10,00 e l'inquilino B paga €. 30,00

 

A mio modo di vedere, poichè ogni inquilino deve pagare il suo consumo per fasce:

l'inquilino A paga €. 10,00 (0,10*100)

l'inquilino B paga €. 40,00 [(0,10*200)+(0,20*100)]

 

A fronte di una fattura totale di €. 40,00 saranno incassati dai due inquilini un totale di €. 50,00 con un avanzo di €. 10,00 che sarà restituito ai due inquilini in proporzione ai propri consumi:

All'inquilino A sarà restituito €. 10,00*100/400 = €. 2,5

All'inquilino B sarà restituito €. 10,00*300/400 = €. 7,5

 

Addebito finale per la fattura di €. 40,00

Inquilino A €. 7,5 (10-2,5)

Inquilino B €. 32,5 (40-7,5)

 

In questo modo chi ha consumato meno della spettanza consentirà di beneficiare a chi ha consumato di più ma allo stesso tempo beneficerà anche lui perchè grazie al suo minor consumo ha consentito all'altro di pagare meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve a tutti qualcuno mi può inviare un file dove posso calcolare in maniera precisa le ripartizioni della bolletta dell'acqua

Grazie mille a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve a tutti qualcuno mi può inviare un file dove posso calcolare in maniera precisa le ripartizioni della bolletta dell'acqua

Grazie mille a tutti

Puoi fare tutto on line, in modo preciso e gratuito, a questo link:

http://www.bikeride.it/aqp/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve, premesso che è il mio lavoro, se può essere utile il mio modesto intervento forse ci vedremo tutti (o quasi) daccordo: la fattura AQP arriva al Condominio e non al singolo condòmino che è parte integrante dello stabile. Allora in fase di ripartizione bisogna rispettare il metodo che adotta l'ente erogatore del servizio idrico, in questo caso l'AQP. Premesso che la quota fissa di acqua e fogna è uguale per tutti, i consumi dei singoli una volta sommati devono essere rapportati alla fattura secondo le fasce in essa indicate, pertanto nessuno ruba l'acqua a nessuno per il semplice fatto che chi consuma molto beneficia di ulteriori mc per ogni fascia di consumo spettante. Mi spiego meglio: se in un condominio ci sono due inquilini l'aqp riconosce 200 litri al giorno per ogni utenza all'interno del condominio, totale litri spettanti 400, a questo punto arriva la fattura da pagare per un consumo di litri 400 addebitanto il consumo alla fascia T1. Ovviamente se uno dei due inquilini consuma solo 100 litri in un giorno consente all'altro di beneficiare, oltre i suoi 200 litri, di ulteriori 100 litri col vantaggio di pagare il proprio consumo idrico al prezzo della fascia T1. Se avessimo ripartito per fasce avremmo commesso un errore facendo pagare a chi ha consumato di più 200 litri in T1 e gli altri 100 litri a tariffa T2 mentre la fattura applica solo la tariffa T1. A presto e un saluto a tutti.

Perfetto ! Anche io adotto lo stesso criterio ( da oltre 10 anni) replicando sui consumi dei singoli lo stesso criterio adottato dall'Ente erogatore e retrocedendo ai condomini " meno virtuosi" lo spread creatosi nell'ambito di ciascuna fascia. Tanto per intenderci, se un condomino, nel corso dell'anno, ha un consumo 0, i 73 mc della fascia agevolata che gli spetterebbero, vengono spalmati tra quelli che tale soglia hanno superato.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Sebbene sia il tuo lavoro io non sono d'accordo.

Sebbene la fattura sia unica le tariffe per fasce di consumo son per MODULO (immobile), quindi il principio è che ognuno paga il suo consumo in base alla tariffa per MODULO. Eventuali differenze in dare/avere sulla fattura AQP devono essere ripartite tra tutti secondo il criterio approvato dall'assemblea.

 

Secondo il tuo ragionamento se per più trimestri tu consumi sempre 300 litri al giorno ed io sempre 100, tu pagheresti sempre i tuoi 300 litri a tariffa T1.

Se in un trimestre (una tantum) anch'io consumassi 300 litri al giorno come te mi ritroverei a pagare quei 100 litri in tariffa T2 dopo che tu ne hai usufruito sempre a tariffa T1. Ti sembra corretto?

Non è corretto se cristallizzi i singoli trimestri ( o bimestri) ma è " legale" se i conteggi e le ripartizioni vengono rielaborati ( sotto forma di consuntivo) sull'anno solare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non è corretto se cristallizzi i singoli trimestri ( o bimestri) ma è " legale" se i conteggi e le ripartizioni vengono rielaborati ( sotto forma di consuntivo) sull'anno solare.

A mio avviso è inutile tornare sull'argomento trattato 3 anni fa in cui sono già state espresse le opinioni di ognuno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
A mio avviso è inutile tornare sull'argomento trattato 3 anni fa in cui sono già state espresse le opinioni di ognuno.[/QU

 

Infatti.... É proprio così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ospite
Questa discussione è chiusa.
×