Vai al contenuto
etienne

Sfratto con Ufficiale giudiziario e F24 elide, non mi ricordo più ...

Buongiorno a tutti, sareste cosi gentili da ricordarmi come e cosa devo fare per regolare la mia posizione amministrativa con l'ADE?

 

Nel 2013 ho eseguito uno sfratto per morosità con immobile liberato dall'Ufficiale Giudiziario, anni fa ero stato coinvolto nella stessa situazione e, guardando nello storico dei pagamenti ho trovato n. 2 F23 che avevo pagato (uno relativo al pignoramento dello stipendio codice 109T e l'altro relativo alla procedura di sfratto. codici 109T e 964T).

 

Per quanto riguarda l'F24 elide, sareste cosi gentili da indicarmi quali sono i codici relativi alle procedure di cui sopra?

 

Mi ricordate anche se gli importi sono fissi e non sono variati? (nel 2013 avevo pagato 168,00 euro per il 109T e 3,72 per il 964T

 

Ultima cosa, per cortesia, gli estremi dell'atto da indicare nel pagamento dove li trovo?

 

Buio totale.... non ricordo più niente....

 

Mi diceva il Legale che se non effettuo il pagamento l'ADE mi fa recapitare a casa la richiesta di pagamento, sapete dirmi se, in questo caso l'importo è maggiorato? no perché.. se non è maggiorato non sto qua ad impazzire ed attendo di ricevere direttamente la richiesta di pagamento con i relativi importi da pagare.

ciao

 

attendi l'Ade che arriverà sicuramente anche se dopo qualche tempo, con già predisposti i moduli.

Ciao!

Negli ultimi anni abbiamo eseguito diversi sfratti, con diversi legali, e per quanto riguarda il pagamento degli F24 (ancora non abbiamo effettuato pagamenti con modello ELIDE) abbiamo seguito quanto indicato dal legale che ha seguito la procedura (legali diversi).

Ora che ci penso, con gli ultimi 3 sfratti abbiamo seguito 3 procedure diverse.

 

- abbiamo inviato, per raccomandata, copia della convalida di sfratto all'Ade, con autocertificazione che lo sfratto era stato eseguito il giorno x.

Non abbiamo più ricevuto nulla.

 

- abbiamo inviato, per raccomandata, copia della convalida di sfratto all'Ade, con autocertificazione che lo sfratto era stato eseguito il giorno x.

In seguito, abbiamo comunque ricevuto dall'Ade una richiesta di pagamento di un'annualità (successiva allo sfratto). Sono andata personalmente all'AdE dove era stato registrato il contratto (che ci aveva inviato la richiesta di pagamento) a chiedere info, non è stato possibile parlare con chi aveva firmato il documento, nè avere risposte scritte, ma verbalmente mi hanno detto che era stato un errore, di inviare (per RR, come autotutela) la documentazione già inviata, e avrebbero annullato la richiesta.

Quindi abbiamo fatto così.

Non abbiamo più ricevuto nulla.

 

- abbiamo effettuato, tramite il vecchio F23, il pagamento di 67€, come per un recesso normale, e inviato, per raccomandata, insieme alla copia della convalida di sfratto all'Ade, con autocertificazione che lo sfratto era stato eseguito il giorno x.

Anche in questo caso, abbiamo comunque ricevuto dall'Ade una richiesta di pagamento di un'annualità (successiva allo sfratto), a cui abbiamo risposto, con raccomandata, che come precedentemente comunicato (e abbiamo allegato la raccomandata e la cartolina) era stato eseguito lo sfratto.

Non abbiamo più ricevuto nulla.

- Non abbiamo inviato nulla (l'avvocato ci aveva detto che la comunicazione sarebbe stata fatta in automatico all'Ade).

Anche in questo caso, abbiamo ricevuto dall'Ade una richiesta di pagamento di un'annualità (successiva allo sfratto).

Abbiamo telefonato (qua si trattava di un contratto registrato non all'AdE di Milano, ma in provincia di Varese, quindi è stato abbastanza semplice avere informazioni per telefono) e ci hanno detto che era necessario inviare via PEC o copia del pagamento di 67€ del recesso, oppure di un pagamento effettuato dal legale (di cui in questo momento non ricordo il nome), oltre ai documenti relativi allo sfratto e alla richiesta ricevuta.

Abbiamo inviato via PEC copia della convalida del giudice, autocertificazione dell'esecuzione dello sfratto, copia del pagamento effettuato dal legale.

Solo in questo caso abbiamo ricevuto risposta (sempre via PEC) con la conferma dello sgravio.

 

In nessuno di questi casi sono ancora passati 5 anni, quindi non ho la certezza che le cose siano effettivamente risolte (tranne nell'ultimo caso).

 

Tutte le volte che abbiamo ricevuto notifiche dall'AdE (che però erano relative a presunte annualità non pagate) c'era il costo delle spedizioni, la sanzione e la mora.

Se vuoi sapere a quanto ammontavano (noi però non abbiamo mai pagato, visto che le annualità non erano dovute) posso recuperare i documenti nel pomeriggio e ti faccio sapere.

 

Non abbiamo mai avuto richieste di pagamenti relative agli sfratti.

 

Tutto questo per dire che...non ci ho ancora capito molto.

Soprattutto non ho capito se la legge stabilisce esattamente qualcosa o se ogni agenzia delle entrate fa a modo suo.

Grazie Vale per la tua testimonianza. Come indicato nel primo post, avevo effettuato il pagamento "anticipato" solo ed esclusivamente per inserire queste note di spesa a carico del Conduttore moroso, non ho mai ricevuto alcuna notifica dall'ADE.

 

Volevo semplicemente sapere, perché non ricordo, quale è la % o se c'è un importo fisso da pagare. Ricordo che mi ero collegato al sito dell'ADE e avevo indicato il numero di protocollo ed avevo l'importo indicato in dettaglio (non ricordo la procedura).

 

Per quanto riguarda le assurde richieste dell'ADE, beh non mi preoccuperei molto, a parte il fatto che all'ADE viene notificata la chiusura di un Contratto se fatta dal Tribunale, quindi non sono tenuto ad effettuare alcuna comunicazione, semmai sono tenuto, se richiesto, a ad inviare le pezze giustificative.

 

La cosa "strana" è che ammesso che a mezzo di pignoramento si riesca a percepire la somma non pagata, sarà una bella impresa indicare la somma percepita nella dichiarazione dei redditi, la mia commercialista non ne ha idea (per questo cambierò commercialista).

In effetti il tuo caso è diverso dai miei.

 

Purtroppo ti confermo che molto spesso i commercialisti non hanno idea (a volte le norme non sono chiare) e spesso il legale dice una cosa, il commercialista un'altra.

×