Vai al contenuto
paolo gol

Senza registro anagrafe condominiale

L'amministratore quando ho chiesto registro anagrafe condominiale mi ha dato in mano le schede compilate da noi condomini in cui tra l'altro vi sono anche i nostri n° di cellulare e ha detto che quello il registro, sinceramente non mi sembra il registro quello voi che nè pensate?

il registro anagrafe è l'insieme delle schede anagrafiche compilate e sottoscritte dai condomini.

Non esiste un format o una forma obbligatoria x il registro anagrafe. Esiste solo il dettaglio di ciò che deve contenere, pertanto possono essere le schede compilte dai condomini, per i più pigri, un foglio di excel o word, x chi vuole sfruttare il registro x la stampa di buste etichette e intestazioni di documenti, oppure un quadernetto compilato a mano dall'amministratore. Come ognuno preferisce..

Ne esistono già predisposti alla Buffetti, ma mi è sembrata una spesa superflua in quanto le schede predisposte e sottoscritte dai condomini, contenevano già quanto previsto dalla norma.

l'altro vi sono anche i nostri n° di cellulare

rispetto ai numeri di cellulare, che non rappresentano dati che i condòmini devono obbligatoriamente comunicare ai sensi dell'art. 1130 n. 6 c.c. è necessario che sia presente sulla scheda di anagrafe condominiale l'autorizzazione al trattamento dei dati personali.

La legge non impone obblighi di forma particolari, né prevede regole specifiche in ordine alle modalità di compilazione del nuovo registro anagrafe. È lasciata dunque ampia libertà di forma agli amministratori, con l’unico obbligo di rispettare i dati e le informazione obbligatoriamente richiesti dall’art. 1130 c.c.

Peraltro, le diverse associazioni di categoria hanno predisposto diversi modelli –facilmente reperibili in rete - per ve

locizzare semplificare la raccolta dei dati.

Si rammenta che, ai sensi dell’art. 1129, comma 2, c.c., l’amministratore, contestualmente all’accettazione della nomina

e ad ogni rinnovo dell’incarico, deve comunicare, tra l’altro, il locale ove si trovano il registro anagrafe e gli altri

registri di cui al n. 7 dell’art. 1130 c.c., nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato può prenderne visione ed estrarne

copia. Più in generale, ai sensi dell’art. 1130, n. 8, c.c., l’amministratore deve conservare tutta la documentazione inerente

alla propria gestione riferibile sia al rapporto con i condomini, sia allo stato tecnico-amministrativo dell’edificio e del

condominio.

I dati e le informazioni che devono essere inserite nel registro dell’anagrafe condominiale sono tutte individuate dall’art.

1130, n. 6, c.c.:

• le generalità dei singoli proprietari e quelle dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del

codice fiscale e della residenza o domicilio

• i dati catastali di ciascuna unità immobiliare

ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell’edificio.

ogni variazione dei dati anzidetti, per consentire l’aggiornamento del registro.

Nel silenzio della legge, peraltro, sembra possibile l’inserimento di ulteriori dati, individuati dall’assemblea o dal regolamento

di condominio e ritenuti utili ai fini della pubblicità e della migliore e più trasparente gestione condominiale.(ilsole24ore.com)

×