Vai al contenuto
Manlio Riloi

Se l'amministratore si comporta in modo "scorretto", che tutele ha il condòmino?

Salve,

 

non ho ricevuto la raccomandata per la convocazione dell'assemblea condominiale, che è avvenuta lo scorso ottobre.

Solo nei giorni scorsi l'amministratore si è degnato di fornirmi il codice associato alla raccomandanta: facendo delle verifiche con i vari ufficio postali che hanno gestito la missiva è risultato che la raccomandata solo due giorni dopo la spedizione è stata consegnata allo sportello, al mittente. Il mittente, quindi l'agenzia dell'amministratore del condominio.

 

Primo comportamento che definisco scorretto: aver atteso, dopo mille insistenze, il codice della raccomandata (sono trascorsi 5 mesi!).

Secondo comportamento scorretto: seccarsi per la ricerca della verità e mettermi giù il telefono per "un c. di raccomandata".

Terzo comportamento scorretto: se si recasse presso l'ufficio postale che gli deve aver consegnato la mancata raccomandata potrebbe vedere chi ha firmato per la consegna. Invece no, chiede a me di ottenere la ricevuta con la firma del mittente (!).

Quarto comportamento scorretto, scoperto dopo il pagamento del preliminare, ma che avevo considerato una "svista": mettere il cartello che era in classe energetica B, per poi scoprire che era/è in D.

 

Esiste un ordine degli amministratori oppure un'associazione di consumatori presso cui lamentarsi, evitando avvocati e cause?

 

Se mi avesse detto: scusami, non mi sono ricordato di avvisarti che era tornata indietro, non avrei proseguito e l'avrei compreso come errore umano.

Se è un problema con l'amm.re sgarbato e poco preciso, attivati per proporre un sostituto alla prossima assemblea utile.

Se invece ci fosse qualcosa che non approvi di quell'assemblea, sappi che puoi promuovere giudizio di nullità. Lamentele, reclami stile customer care non mi sembrano poter sortire effetto, premesso che un albo nemmeno esiste.

Sinceramente mi sembra un poco esagerato... chiaramente questa è la tua campana, bisognerebbe sentire anche la sua.

Cmq non esiste lì'ordine degli avvocati, ma con le cose che mi hai descritto anche se esistesse faresti bene a non fare nessun esposto...

Se è un problema con l'amm.re sgarbato e poco preciso, attivati per proporre un sostituto alla prossima assemblea utile.

Se invece ci fosse qualcosa che non approvi di quell'assemblea, sappi che puoi promuovere giudizio di nullità. Lamentele, reclami stile customer care non mi sembrano poter sortire effetto, premesso che un albo nemmeno esiste.

Peccato, quindi il singolo condomino non ha molto potere...

 

- - - Aggiornato - - -

 

Sinceramente mi sembra un poco esagerato... chiaramente questa è la tua campana, bisognerebbe sentire anche la sua.

Cmq non esiste lì'ordine degli avvocati, ma con le cose che mi hai descritto anche se esistesse faresti bene a non fare nessun esposto...

Certo, quindi lasciamo correre... ah, mondo...

Peccato, quindi il singolo condomino non ha molto potere...

 

- - - Aggiornato - - -

 

 

Il singolo condomino ha potere relativamente all'assemblea per la quale quella racc.ta significava qualcosa.

 

E lo ha qualora l'agire dell'amm.re gli arrecasse danno. Ma più che potere sono presunte lesioni di diritti e interessi legittimi da far valere in tribunale.

×