Vai al contenuto
massimilianofoggia

Scrittura privata per riduzione preavviso disdetta locazione

Salve a tutti,

 

avrei il seguente quesito da porre.

Ho locato un appartamento con contratto a canone concordato 3+2 regolarmente registrato alla Agenzie delle Entrate, registrando solo i dati del contratto in quanto nel mio caso non vi é l'obbligo di allegare anche il contratto sottoscritto (che comunque abbiamo entrambi firmato trattandosi di un contratto standard).

 

Io e l'inquilino avevamo anche redatto un documento privato con il quale eravamo d'accordo a ridurre tale preavviso ad 1 mese, da entrambe le parti, in caso di necessitá (gentleman agreement) ed ovviamente tale accordo non é stato né registrato né autenticato (so bene che inoltre non posso io per legge disdire il contratto prima dei 3 anni).

 

per motivi personali ho chiesto di disdire il contratto ma il conduttore non ha voluto rispettare l'accordo privato (corretto il suo comportamento dal punto di vista puramente legale).

vorrei sapere se a parti invertire puó lui far valere tale accordo privato o posso io comunque esigere i 6 mesi di preavviso richiesti dalla legge.

 

grazie mille a tutti

 

saluti

 

massimiliano foggia

Quell'accordo che avete firmato vale solo ed esclusivamente per il tuo inquilino.

Tu in qualità di locatore non puoi dare disdetta prima della scadenza del contratto, quindi non prima di 3 o 5 anni. In più se vuoi dare disdetta alla prima scadenza (i primi 3 anni) puoi farlo solo se ricorrono le motivazioni previste per legge.

In ogni caso, se anche non volessi prorogare il contratto, dovresti attenerti ai preavvisi previsti per legge, quindi non meno di sei mesi prima.

Per il tuo conduttore invece vale si quanto avete firmato (1 mese di preavviso), in quanto trattasi di un peridodo inferiore a quando stabilito per legge.

 

Regola cui mai transigere: informarsi sempre PRIMA di firmare qualcosa, NON DOPO.

Grazie del parere. Anche se Personalmente dubito che una scrittura privata non autenticata né registrata possa avere alcun valore.

regolarmente registrato alla Agenzie delle Entrate,

registrando solo i dati del contratto in quanto nel mio caso non vi é l'obbligo di allegare anche il contratto sottoscritto

Scusa la domanda, ma per la Registrazione, hai forse fatto la procedura on-line con FiscoOnline ?

Perché se sei andato allo sportello fisico territoriale, il Foglio del contratto lo vogliono per intero...

 

Riguardo al discorso del foglio a parte, in cui avete modificato il paragrafo riguardante la disdetta anticipata,

come concetto come ti hanno già risposto, è legittima una qualsiasi modifica che risulti più favorevole all'inquilino,

mentre al contrario sarebbe illegale e quindi nulla, una modifica che fosse peggiorativa dal punto di vista dell'inquilino, che è la parte debole da dover tutelare. Questo te lo hanno già fatto presente, ad anche io lo ribadisco.

 

Poi sull'aspetto formale di tale modificazione, tu dici che non vale poiché non è stata Registrata, ma io invece non ne sarei molto sicuro. Preferirei che fosse stata registrata anche la modifica, è vero, ma a ben guardare penso che un eventuale Giudice di un Ttribunale chiamato a dirimere la faccenda, potrebbe considerarla comunque valida ed attiva seppur non registrata.

Grazie del parere. Anche se Personalmente dubito che una scrittura privata non autenticata né registrata possa avere alcun valore.

e allora perchè firmarla?

una scrittura privata non deve necessariamente essere autenticata e nè registrata

e allora perchè firmarla?

una scrittura privata non deve necessariamente essere autenticata e nè registrata

 

il contratto firmato da entrambi riporta 6 mesi di preavviso. la scrittura privata é stata redatta solo in termini di "gentlemen agreement" che peró poi il conduttore non ha rispettato. Secondo me quello che fa fede é il contratto formale ma magari mi sbaglio.

 

grazie

se è il contratto formale a far legge, perchè firmare una parallela scrittura privata, mi chiedo

gentleman agreemen non significa niente

o ha valore o non lo ha

 

in verità tu potrai agire per richiedere le sei mensilità perchè porrai a fondamento della tua pretesa il contratto e manco starai a dire che c'è una scrittura privata e l'ex inquilino opporrà che ne deve solamente una di mensilità sulla base di una scrittura privata che derogava il contratto

Poi deciderà il giudice

Grazie per il contributo.

 

Come spiegato la scrittura privata è stata fatta per vincolare moralmente entrambi a rispettarla (oltre la legge esiste anche l'etica personale) ed eravamo entrambi d'accordo a farla.

Ovviamente nel contratto non poteva essere inserita perché contraria alla legge (dal punto di vista del locatore).

Ora visto che il conduttore non vuole onorarla mi chiedo perché dovrei farlo io.

Questo è tutto.

Saluti

Massimiliano

ma infatti tu non la onori, mi pare tu sia intenzionato a chiedere le 6 mensilità

 

Però chiedere non significa ottenere, per cui dovrai chiedere giudizialmente

e allora il tuo ex conduttore opporrà alla tua domanda che si era firmata scrittura in cui i mesi erano uno e non sei

E chi deciderà sarà il giudice

 

- - - Aggiornato - - -

 

sta tutto a capire se il gioco vale la candela

 

Conviene una causa per chiedere le mensilità? dipende dal soggetto che hai di fronte..dai beni che ha o non ha

×