Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
piersanto

Sanzioni a condomini morosi in caso di ritardo pagamenti

Buongiorno, desidererei conoscere la vostra esperienza in merito alle sanzioni da applicare ai condomini morosi; Vi espongo il problema: Il Regolamento di un Condominio prevede testualmente:

In caso di morosità sarà applicata una sanzione pecuniaria pari all'1% della somma dovuta per ogni giorno di ritardo nei pagamenti, indipendentemente alla procedura di ingiunzione di cui all'art. 63 delle Disp. Att. Cod. Civ..; Il ricavato dell'applicazione di tale sanzione è devoluto al fondo di riserva per spese straordinarie ed in mancanza al fondo comune.

Un condomino a cui sono state applicate le sanzioni sopraindicate per ritardato pagamento di 40 gg. intende denunciarmi per aver conteggiato un tasso che secondo lui è da usuraio... per non dire i vari insulti...

Forse 1% giorno per ogni giorno di ritardo (corrispondente ad un tasso del 365% annuo) può sembrare eccessivo ma per modificarlo, essendo una clausola contrattuale, occorre il consenso di tutti i condomini 1000/1000. Chiedo cortesemente allo staff ed agli altri amici del forum:

Esistono altri regolamenti che prevedono tassi così elevati?

Il tasso così elevato può essere considerato illegale?

Della denuncia mi preoccupo meno perché ho semplicemente applicato un articolo del Regolamento redatto da un precedente amministratore unitamente al costruttore ed accettato dai condomini all'atto di acquisto della unità immobiliare. Grazie e saluti a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E direi che se vi denuncia non sbaglierebbe mica. E invece me ne preoccuperei. 5 euro al giorno su 500.

Pure quello con gli usurai per alcuni versi è un contratto. Un tantinello illegale...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Applicando il regolamento condominiale contrattuale,non vedo il problema,credo però che il moroso andava avvertito con una comunicazione prima di applicare la sanzione.

----------------------------------------------------------------

L'interpretazione del regolamento contrattuale da parte del giudice, limiti ed esclusioni. Corte di Cassazione, Sez. II, sentenza 4 aprile 2011, n.7633. L'interpretazione del regolamento contrattuale di condominio da parte del giudice del merito è insindacabile in sede di legittimità quando non riveli violazione dei canoni di ermeneutica oppure vizi logici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

il regolamento non parla di interessi sulla somma da pagare, laddove l'1% al giorno è da usurai

ma di "sanzione pecuniaria", ossia una sorta di penale per il ritardo,

Tale penale, provenendo da regolamento contrattuale, è accettata da chi quel contratto sottoscrive.

La clausola, con cui si conviene che, in caso d'inadempimento o di ritardo nell'adempimento, uno dei contraenti è tenuto a una determinata prestazione, ha l'effetto di limitare il risarcimento alla prestazione promessa, se non è stata convenuta la risarcibilità del danno ulteriore.

 

La clausola penale è quindi una pattuizione accessoria del contratto convenuta dalle parti per rafforzare, da un lato, il vincolo contrattuale e per stabilire, dall'altro, preventivamente, una determinata sanzione per il caso di inadempienza o di ritardo nell'adempimento, con l'effetto di limitare alla prestazione prevista il risarcimento del danno indipendentemente dalla prova dell'effettivo pregiudizio economico verificatosi.

E' slegata dal tasso soglio dell'usura che vale invece per gli interessi moratori

Pertanto sarebbe pure applicabile

Convengo tuttavia che sia molto alta e la parte potrebbe in giudizio chiederne l'equa limitazione

 

Anche il link qui sopra tratta di interessi non di sanzioni per mancato pagamento, che invece è una "penale"

L'amministratore non ha da temere denunce per usura

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Applicando il regolamento condominiale contrattuale,non vedo il problema,credo però che il moroso andava avvertito con una comunicazione prima di applicare la sanzione.

----------------------------------------------------------------

L'interpretazione del regolamento contrattuale da parte del giudice, limiti ed esclusioni. Corte di Cassazione, Sez. II, sentenza 4 aprile 2011, n.7633. L'interpretazione del regolamento contrattuale di condominio da parte del giudice del merito è insindacabile in sede di legittimità quando non riveli violazione dei canoni di ermeneutica oppure vizi logici.

sì Giglio2, il condomino moroso prima dell'addebito ha ricevuto una mail e/o una pec - 15 gg dopo la scadenza della rata - nella quale gli è stato comunicato che se non provvedeva al versamento entro 5 giorni venivano applicate le sanzioni previste nell'art. 21 del Rdc. "Morosità"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
il regolamento non parla di interessi sulla somma da pagare, laddove l'1% al giorno è da usurai

ma di "sanzione pecuniaria", ossia una sorta di penale per il ritardo,

Tale penale, provenendo da regolamento contrattuale, è accettata da chi quel contratto sottoscrive.

La clausola, con cui si conviene che, in caso d'inadempimento o di ritardo nell'adempimento, uno dei contraenti è tenuto a una determinata prestazione, ha l'effetto di limitare il risarcimento alla prestazione promessa, se non è stata convenuta la risarcibilità del danno ulteriore.

 

La clausola penale è quindi una pattuizione accessoria del contratto convenuta dalle parti per rafforzare, da un lato, il vincolo contrattuale e per stabilire, dall'altro, preventivamente, una determinata sanzione per il caso di inadempienza o di ritardo nell'adempimento, con l'effetto di limitare alla prestazione prevista il risarcimento del danno indipendentemente dalla prova dell'effettivo pregiudizio economico verificatosi.

E' slegata dal tasso soglio dell'usura che vale invece per gli interessi moratori

Pertanto sarebbe pure applicabile

Convengo tuttavia che sia molto alta e la parte potrebbe in giudizio chiederne l'equa limitazione

 

Anche il link qui sopra tratta di interessi non di sanzioni per mancato pagamento, che invece è una "penale"

L'amministratore non ha da temere denunce per usura

Grazie della risposta - molto esauriente e che mi rincuora tantissimo!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sono un condomino moroso, anche se ho pagato parte delle spese condominiali. Non mi sono opposta al decreto del giudice, ma ho qualche perplessità sul fatto che mi sono stati inoltrati due atti in base a due proprietà immobiliari. Ma non poteva essere fatto solo un atto invece che due ,dal momento che il debitore è uno (io) ed il creditore uno (il condominio) ? Se avessi avuto dieci unità immobiliari dieci atti con relative spese?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno, desidererei conoscere la vostra esperienza in merito alle sanzioni da applicare ai condomini morosi; Vi espongo il problema: Il Regolamento di un Condominio prevede testualmente:

In caso di morosità sarà applicata una sanzione pecuniaria pari all'1% della somma dovuta per ogni giorno di ritardo nei pagamenti, indipendentemente alla procedura di ingiunzione di cui all'art. 63 delle Disp. Att. Cod. Civ..; Il ricavato dell'applicazione di tale sanzione è devoluto al fondo di riserva per spese straordinarie ed in mancanza al fondo comune.

Un condomino a cui sono state applicate le sanzioni sopraindicate per ritardato pagamento di 40 gg. intende denunciarmi per aver conteggiato un tasso che secondo lui è da usuraio... per non dire i vari insulti...

Forse 1% giorno per ogni giorno di ritardo (corrispondente ad un tasso del 365% annuo) può sembrare eccessivo ma per modificarlo, essendo una clausola contrattuale, occorre il consenso di tutti i condomini 1000/1000. Chiedo cortesemente allo staff ed agli altri amici del forum:

Esistono altri regolamenti che prevedono tassi così elevati?

Il tasso così elevato può essere considerato illegale?

Della denuncia mi preoccupo meno perché ho semplicemente applicato un articolo del Regolamento redatto da un precedente amministratore unitamente al costruttore ed accettato dai condomini all'atto di acquisto della unità immobiliare. Grazie e saluti a tutti

365% annuo non e' eccessivo e' USURA .

 

non e' che siccome lo prevede il regolamento puoi applicare un tasso da usura .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×