Vai al contenuto
CristinaL

Rumori bestiali appartamento accanto

Sono disperata.

L'appartamento accanto, separato dal mio solo da un foglio di cartongesso e sventrato completamente durante l'ultima ristrutturazione, è stato venduto.

Tapparelle elettriche alle 5 del mattino, pulizie dalle 5 alle 7 del mattino con spostamento mobili, urla, spazzolone che batte, aspirapolvere, altre urla. Dalle 19:00 alla 1:00 è un bordello da stare male.

Lei e i figli non dormono mai, lui, forte fumatore (la puzza entra dentro) russa anche mentre lei sbatte la qualunque.

Già parlato con loro, amministratore, caserma.

Com'è possibile che gli altri sopportino tutto questo e solo io e la mia famiglia accusiamo il colpo? Sono sordi? Perché vorrei esserlo anch'io...

Non si riesce più neanche a fare una telefonata o ascoltare la televisione, il rumore è davvero intollerabile.

Non abbiamo i soldi per andar via.

Ciao, loro non cambiano,devi fare tu un cambiamento ,che in questo caso significa spendere:  per traslocare, per cambiare la disposizione dei tuoi spazi interni,per fare una parete insonorizzata ...

Dare pan per focaccia. Uscire di casa, e "dimenticare" stereo a tutto volume con musica death metal.

 

Ma poi, ma davvero una parete di cartongesso solamente ??? Fatico a crederci....

  • Haha 1
Asdasd21 dice:

Dare pan per focaccia. Uscire di casa, e "dimenticare" stereo a tutto volume con musica death metal.

 

Ma poi, ma davvero una parete di cartongesso solamente ??? Fatico a crederci....

Non è un muro portante, e durante la ristrutturazione è stato sventrato e ricoperto con cartongesso.

Presumo che con o senza cartongesso, già prima che venisse sfondato i rumori molesti fossero solo un pò più mitigati.

Cierre2021 dice:

Ciao, loro non cambiano,devi fare tu un cambiamento ,che in questo caso significa spendere:  per traslocare, per cambiare la disposizione dei tuoi spazi interni,per fare una parete insonorizzata ...

Ma pensi davvero che se ne avessi le possibilità, non andrei via da questo luogo miserabile?

Chi rimane intrappolato in queste dinamiche, quasi sempre ha un problema di mancanza di risorse economiche, specie se è in affitto. Se sei proprietario, vendi e acquisti altrove, se sei costretto a buttare soldi in un affitto, è perché nessuno ti concede un mutuo a causa della mancanza di garanzie.

  • Mi piace 1
Vittorio Attanasio dice:

Se sei proprietario, vendi e acquisti altrove, se sei costretto a buttare soldi in un affitto, è perché nessuno ti concede un mutuo a causa della mancanza di garanzie.

Ci sono diversi pensieri e punti di vista, per molta gente l'idea di investire soldi in una casa è sbagliato, per altri è fondamentale. 
Solo per dirti che chi vive in affitto non necessariamene significa che è un poveraccio o nullatenente o perché nessuno gli concede un mutuo, spesso è l'esatto contrario.

  • Mi piace 3
Vittorio Attanasio dice:

Ma pensi davvero che se ne avessi le possibilità, non andrei via da questo luogo miserabile?

Chi rimane intrappolato in queste dinamiche, quasi sempre ha un problema di mancanza di risorse economiche, specie se è in affitto. Se sei proprietario, vendi e acquisti altrove, se sei costretto a buttare soldi in un affitto, è perché nessuno ti concede un mutuo a causa della mancanza di garanzie.

Anche per locare una casa vengono richieste garanzie serie e la locazione di conseguenza non è affatto facilmente accessibile a tutti, quindi l'idea dell'inquilino necessariamente svantaggiato non regge proprio.

Anche se sei proprietario nel vendere e riacquistare ci perdi e nemmeno poco. Calcolatrice alla mano se vendessi ora per comprare altrove almeno 50k li polverizzerei fra agenzie, notaio,trasloco,allacciatura nuove utenze, eventuali lavori nella nuova casa...Non esiste la soluzione ideale per nessuno

Modificato da key key
  • Mi piace 1

Molti di questi problemi, sofferenze, esaurimenti nervosi e quant'altro si potrebbero risolvere, se i costruttori facessero lavori a REGOLA D'ARTE, e cominciassero a rispettare COME DA LEGGE i requisiti acustici passivi.

 

L'ignoranza che gravita dietro questa faccenda è veramente impressionante, parliamo di una legge del 1997, ma ad oggi gli edifici che rispettano tali requisiti sono una piccolissima minoranza. Se i compratori - agenzie - venditori cominciassero ad INFORMARE i compratori.....basterebbe solo questo, ed in pochi anni cambierebbe la musica per tutti.

  • Mi piace 1
CristinaL dice:

Sono disperata.

L'appartamento accanto, separato dal mio solo da un foglio di cartongesso e sventrato completamente durante l'ultima ristrutturazione, è stato venduto.

Tapparelle elettriche alle 5 del mattino, pulizie dalle 5 alle 7 del mattino con spostamento mobili, urla, spazzolone che batte, aspirapolvere, altre urla. Dalle 19:00 alla 1:00 è un bordello da stare male.

Lei e i figli non dormono mai, lui, forte fumatore (la puzza entra dentro) russa anche mentre lei sbatte la qualunque.

Già parlato con loro, amministratore, caserma.

Com'è possibile che gli altri sopportino tutto questo e solo io e la mia famiglia accusiamo il colpo? Sono sordi? Perché vorrei esserlo anch'io...

Non si riesce più neanche a fare una telefonata o ascoltare la televisione, il rumore è davvero intollerabile.

Non abbiamo i soldi per andar via.

Insonorizza la parete al massimo possibile ti costerà dai 2 mila ai 5mila,è l'unica soluzione contatta una ditta specializzata eccellente.

Secondo me, il risultato dell'insonorizzazione di una parete sarà deludente.

  • Mi piace 1
Asdasd21 dice:

Molti di questi problemi, sofferenze, esaurimenti nervosi e quant'altro si potrebbero risolvere, se i costruttori facessero lavori a REGOLA D'ARTE, e cominciassero a rispettare COME DA LEGGE i requisiti acustici passivi.

 

L'ignoranza che gravita dietro questa faccenda è veramente impressionante, parliamo di una legge del 1997, ma ad oggi gli edifici che rispettano tali requisiti sono una piccolissima minoranza. Se i compratori - agenzie - venditori cominciassero ad INFORMARE i compratori.....basterebbe solo questo, ed in pochi anni cambierebbe la musica per tutti.

Hai detto una cosa molto importante. Obbligare per legge le agenzie e i venditori a dichiarare la classe acustica e non solo quella energetica, sistemerebbe molte cose.

Come pure obbligare ad appliccare i requisiti ex legge del 97 in fase di ristrutturazione.

Tu vendi casa ma devi dire che la stessa è una cassa acustica e la vita all'interno è insopportabile... o la svendi o la insonorizzi prima di venderla, vedi come la musica cambia.

Per i costruttori, ci vorrebbe il carcere 

  • Mi piace 2

Anche io sto passando un brutto periodo di stress, con problemi meno, diciamo "gravi" del tuo.

 

Casa a schiera trifamiliare del 2019, classe A1, noi disgraziatamente siamo al centro.

 

E le pareti confinanti non hanno insonorizzazione. Quando parlano già a voce normale si capisce quasi i discorsi che fanno. Ma non sarebbe questo il problema, il brusio delle voci è sopportabile.

 

Quello che non sopporto è che una delle due famiglie ha il vizio di trascinare le sedie, o mobili o quello che è, in diversi orario della giornata ( Ringraziamo l'ennesimo costruttore carogna che non ha fatto un minimo di insonorizzazione ). Anche 20 ed oltre volte al giorno.

 

 

E dobbiamo ritenerci fortunati che queste due famiglie non abbiano figli piccoli e/o rumorosi, se no io sarei già uscito fuori di cervello.

 

Ho già parlato con loro e con tutta la gentilezza del mondo, ho chiesto se potessero mettere i feltrini. Ad oggi non li hanno ancora messi, sono passate due settimane.

 

Glielo chiederò di nuovo a fine mese. Alla terza volta, compro una di quelle casse alte un metro da oltre 1000watt di potenza a sparare musica metal per 15 minuti, ogni volta che sento strusciare qualcosa.

 

Mi dispiacerebbe arrivare a tanto, mi stanno pure simpatici. Ci sto andando molto "soft", perchè non voglio litigare con nessuno.

 

Ma non posso perderci la salute, se sono talmente ignavi e strafottenti da non poter mettere i dannati feltrini che costano 1 euro confezione da 20. Darò loro pan per focaccia. E che mi denuncino pure, sono pronto. ( Anche se da denunciare sarebbe il costruttore ), ma la casa non è intestata a me, io ci vivo soltanto.

Modificato da Asdasd21

Sarebbe opportuno cominciare a chiedere informazioni circa l'insonorizzazione ai venditori prima di acquistare immobili.

Sarebbe una bella rivoluzione e forse è l'unica maniera perchè le cose cambino in tal senso.

L'offerta di case non manca quindi vedersi rifiutare l'immobile per mancanza di informazioni chiare sul grado di insonorizzazione sarebbe quanto meno spiazzante.

Comunque non è vero che nessun costruttore tiene conto di questi aspetti, basta solo saper scegliere.

Nei casi di acquisto casa su carta basterebbe un minimo di informazione e preparazione per definire le caratteristiche insonorizzanti prima di firmare.

  • Mi piace 3
angus dice:

Sarebbe opportuno cominciare a chiedere informazioni circa l'insonorizzazione ai venditori prima di acquistare immobili.

Sarebbe una bella rivoluzione e forse è l'unica maniera perchè le cose cambino in tal senso.

L'offerta di case non manca quindi vedersi rifiutare l'immobile per mancanza di informazioni chiare sul grado di insonorizzazione sarebbe quanto meno spiazzante.

Comunque non è vero che nessun costruttore tiene conto di questi aspetti, basta solo saper scegliere.

Nei casi di acquisto casa su carta basterebbe un minimo di informazione e preparazione per definire le caratteristiche insonorizzanti prima di firmare.

Dal canto mio sto già provvedendo a diffondere la voce quanto più possibile. Avevo pure aperto una discussione su questo forum in tal senso:

https://www.condominioweb.com/forum/quesito/perchè-ad-oggi-i-requisiti-acustici-passivi-non-vengono-rispettati-se-non-in-rari-casi-168425/

 

 

La cosa curiosa è che i compratori potrebbero pretendere una sostanziosa riduzione del prezzo prima di acquistare, e che farebbe gola a tutti per ovvi motivi. ma non lo fanno per ignoranza generale.

 

Nessuno ne parla, nessuno dice nulla. Tutti tacciono e fanno finta di niente.

 

Purtroppo, nel mio caso, mi sono fidato delle persone sbagliate, e maledico quel giorno🤬 Ho avallato questa decisione, insieme ai miei genitori ( i quali adesso vogliono evitare di sporgere denuncia per evitare di finire in una spirale giudiziaria senza fine e distruggere i rapporti di amicizia col costruttore ). 

 

Ogni giorno, il rimorso che ho io non lo auguro a nessuno. Tutto quello che posso fare è mettere in guardia amici, parenti e conoscenti sui requisiti acustici passivi, che sembrano una chimera per tutti gli addetti ai lavori.

 

A questo punto andavo a vivere in un condominio, avrei avuto gli stessi problemi....ma avrei speso la metà.

 

Ma davvero dobbiamo essere noi ad insegnare il mestiere ai costruttori ? Boh, sono basito.

 

Modificato da Asdasd21
Asdasd21 dice:

Anche io sto passando un brutto periodo di stress, con problemi meno, diciamo "gravi" del tuo.

 

Casa a schiera trifamiliare del 2019, classe A1, noi disgraziatamente siamo al centro.

 

E le pareti confinanti non hanno insonorizzazione. Quando parlano già a voce normale si capisce quasi i discorsi che fanno. Ma non sarebbe questo il problema, il brusio delle voci è sopportabile.

 

Quello che non sopporto è che una delle due famiglie ha il vizio di trascinare le sedie, o mobili o quello che è, in diversi orario della giornata ( Ringraziamo l'ennesimo costruttore carogna che non ha fatto un minimo di insonorizzazione ). Anche 20 ed oltre volte al giorno.

 

 

E dobbiamo ritenerci fortunati che queste due famiglie non abbiano figli piccoli e/o rumorosi, se no io sarei già uscito fuori di cervello.

 

Ho già parlato con loro e con tutta la gentilezza del mondo, ho chiesto se potessero mettere i feltrini. Ad oggi non li hanno ancora messi, sono passate due settimane.

 

Glielo chiederò di nuovo a fine mese. Alla terza volta, compro una di quelle casse alte un metro da oltre 1000watt di potenza a sparare musica metal per 15 minuti, ogni volta che sento strusciare qualcosa.

 

Mi dispiacerebbe arrivare a tanto, mi stanno pure simpatici. Ci sto andando molto "soft", perchè non voglio litigare con nessuno.

 

Ma non posso perderci la salute, se sono talmente ignavi e strafottenti da non poter mettere i dannati feltrini che costano 1 euro confezione da 20. Darò loro pan per focaccia. E che mi denuncino pure, sono pronto. ( Anche se da denunciare sarebbe il costruttore ), ma la casa non è intestata a me, io ci vivo soltanto.

Le casse no. Devi produrre rumori nei loro orari di riposo ma non sospetti. Come camminare con i tacchi, pulire, spostare mobili a tua volta. Rispondi al loro rumore ma con furbizia, altrimenti tutti se la prenderanno con te.

Asdasd21 dice:

Dal canto mio sto già provvedendo a diffondere la voce quanto più possibile. Avevo pure aperto una discussione su questo forum in tal senso:

https://www.condominioweb.com/forum/quesito/perchè-ad-oggi-i-requisiti-acustici-passivi-non-vengono-rispettati-se-non-in-rari-casi-168425/

 

 

La cosa curiosa è che i compratori potrebbero pretendere una sostanziosa riduzione del prezzo prima di acquistare, e che farebbe gola a tutti per ovvi motivi. ma non lo fanno per ignoranza generale.

 

Nessuno ne parla, nessuno dice nulla. Tutti tacciono e fanno finta di niente.

 

Purtroppo, nel mio caso, mi sono fidato delle persone sbagliate, e maledico quel giorno🤬 Ho avallato questa decisione, insieme ai miei genitori ( i quali adesso vogliono evitare di sporgere denuncia per evitare di finire in una spirale giudiziaria senza fine e distruggere i rapporti di amicizia col costruttore ). 

 

Ogni giorno, il rimorso che ho io non lo auguro a nessuno. Tutto quello che posso fare è mettere in guardia amici, parenti e conoscenti sui requisiti acustici passivi, che sembrano una chimera per tutti gli addetti ai lavori.

 

A questo punto andavo a vivere in un condominio, avrei avuto gli stessi problemi....ma avrei speso la metà.

 

Ma davvero dobbiamo essere noi ad insegnare il mestiere ai costruttori ? Boh, sono basito.

 

Ma non possiamo fare qualcosa di concreto? Anche solo per fare in modo che le persone siano correttamente informate e poi possano scegliere se acquistare o affittare un alloggio privo dei requisiti acustici.

Non tutti siamo omertosi o disposti a sopportare l'impossibile, spesso il rumore porta problemi molto seri, compromette la salute.

È assurdo che il problema venga ignorato

  • Mi piace 1
CristinaL dice:

Ma non possiamo fare qualcosa di concreto? Anche solo per fare in modo che le persone siano correttamente informate e poi possano scegliere se acquistare o affittare un alloggio privo dei requisiti acustici.

Non tutti siamo omertosi o disposti a sopportare l'impossibile, spesso il rumore porta problemi molto seri, compromette la salute.

È assurdo che il problema venga ignorato

Certo che possiamo, cominciare a far fioccare denunce in questo senso. Cominciamo a pretendere la certificazione acustica, oppure in concomitanza, un forte sconto di prezzo prima dell'acquisto, a venditori - agenzie immobiliari e quant'altro!

 

Invece per tutti gli altri disgraziati ed ignoranti come il sottoscritto, ormai non c'è altra alternativa che andare in causa col costruttore.

 

Senza contare il fatto che, prima di una eventuale denuncia, serve comunque una perizia acustica che certifichi l'effettivo superamento dei requisiti acustici passivi, e solo questa costa ( dipende dalla grandezza della casa e dalla complessità ) dai 1500 euro in sù ( almeno dalle mie parti ). Ho già contattato un paio di ingegneri abilitati al mestiere per fare la perizia.

 

Se la perizia invece dovesse certificare che i limiti non siano superati...ci hai rimesso soldi, e non hai appigli giudiziari per farti valere; cioè a dire, non hai altro da fare che vendere la casa ed andare altrove. 

E' tutto un punto interrogativo, ma se nessuno fa niente....i costruttori non cambieranno mai questo cattiva abitudine di infischiarsene.

 

Informare la gente, non costa nulla. Chiunque voglia comprare casa, deve sapere e spargere la voce. Chi invece ha già acquistato casa, può solo andare per vie legali, ma sarà un decorso tutt'altro che breve....come al solito!🤬

 

 

 

Modificato da Asdasd21
Asdasd21 dice:

 

vogliono evitare di sporgere denuncia per evitare di finire in una spirale giudiziaria senza fine e distruggere i rapporti di amicizia col costruttore 

 

Con amici così chi ha bisogno di nemici? 

  • Haha 1

Sto premendo per far sporgere denuncia ai miei, io non posso farlo perchè la casa non è intestata a me. Ho preso appuntamento con un ingegnere, verrà nelle prossime settimane a fare un sopralluogo per il preventivo, ma non sarà sotto i 1000 euro.

 

Siamo tre nuclei familiari, se ci mettessimo tutti insieme, sarebbe molto meglio, ma sappiamo tutti che.......ogni testa è tribunale, gli altri non sembrano cosi tanto urtati dalla faccenda.

Però magari gli stessi, farebbero ferro e fuoco per 1 euro in più sullo scontrino al supermercato.

Sulla casa con migliaia di euro di probabili omissioni di costruzione invece, si fa finta di nulla.

Modificato da Asdasd21
Asdasd21 dice:

Sto premendo per far sporgere denuncia ai miei, io non posso farlo perchè la casa non è intestata a me. Ho preso appuntamento con un ingegnere, verrà nelle prossime settimane a fare un sopralluogo per il preventivo, ma non sarà sotto i 1000 euro.

 

Siamo tre nuclei familiari, se ci mettessimo tutti insieme, sarebbe molto meglio, ma sappiamo tutti che.......ogni testa è tribunale, gli altri non sembrano cosi tanto urtati dalla faccenda.

Però magari gli stessi, farebbero ferro e fuoco per 1 euro in più sullo scontrino al supermercato.

Sulla casa con migliaia di euro di probabili omissioni di costruzione invece, si fa finta di nulla.

Condivido. Davanti ai palesi difetti strutturali o addirittura in casi di violazione di normative su isolamento delle case costruite recentemente, la gente fa finta di niente. Se in tanti facessero cause ai costruttori e fossero condannati, le case forse forse comincerebbero ad essere costruite rispettando tutte le normative. Invece, bisogna sempre fregare altro

  • Mi piace 1
Alessiorl dice:

Se in tanti facessero cause ai costruttori e fossero condannati, le case forse forse comincerebbero ad essere costruite rispettando tutte le normative.

Costruire un condominio in modo da avere gli appartamenti isolati acusticamente è un'operazione molto complessa, i costi degli appartamenti salirebbero molto e si ridurrebbe la posibilità di trovare acquirenti, soprattutto se il condominio si trova in una zona poco servita o periferica.
Isolare gli appartamenti, in un condomonio già costruito, economicamente sarebbe un "bagno di sangue", senza considerare tutti i disagi che l'operazione comporterebbe.

 

I condomini costruiti in modo tale da garantire non solo l'isolamento acustico ma anche termico ce ne sono tantissimi, normalmente sono realizzati in quartieri di alto livello, per esempio a Milano i quartieri Brera, Città studi, Garibaldi e altri. 

 

Per fare un esempio, se gli appartamenti a Quarto oggiaro costano circa 1.500 euro al mq, in zona Brera superano i 12.000 euro al mq.

Un trilocale in affitto sempre in zona Brera può superare i 20.000 euro al mese, ma anche molto di più, sempre a Quarto oggiaro un trilocale può costare da 300 euro a 600 euro circa.

 

Oppure a Roma ci sono quartieri che dire meravigliosi è poco, ma quanti possono permettersi un appartamento di 150mq a 40.000 euro al mese? Ma fossero anche solo 3.000 euro al mese non tutti potrebbero permetterseli.

CristinaL dice:

Ma non possiamo fare qualcosa di concreto? Anche solo per fare in modo che le persone siano correttamente informate e poi possano scegliere se acquistare o affittare un alloggio privo dei requisiti acustici.

Non tutti siamo omertosi o disposti a sopportare l'impossibile, spesso il rumore porta problemi molto seri, compromette la salute.

È assurdo che il problema venga ignorato

Concordo in pieno con te. Io mi sono accorta della mia casa, fatta di merda solo quando sono venuti ad abitare accanto, dopo 10 anni, di pace e poi dopo affitto di casa sotto alla mia a dei vacanzieri. Prima vivevo felice e contenta. Ora quando arrivano i vacanzieri, di sera non si dorme. Ma per fortuna, solo in certi mesi. 

×