Vai al contenuto
law

Rumore Caldaia condominiale

Buon giorno a tutti,

 

la caldaia del mio condominio (riscaldamento centralizzato) è posta al di sotto della camera da letto

in una stanza sotterranea condominiale. Il problema sta nel fatto che il locale sottostane (pochi mq)

non è stato insonorizzato né tanto meno é stato pensato che una caldaia rumorosa potesse dar fastidio.

Io non me ne ero accorto prima in quanto d'estate i risc. centralizzati sono chiusi.

Apparte il rumore di fondo (vagamente sopportabile), ne esiste uno (meno sopportabile)

che si avverte di tanto in tanto del tipo (boccia di acciaio che cade dentro Botte di plastica)

rumore un pò sordo che si ripete ogni tot minuti e non sempre costante.

Il fatto che di mattino presto potrebbe disturbare il sonno.

 

Che cosa mi consigliate di fare?

Chiamare la ASL per far misurare il rumore (costi?). O ci sono vie meno costose per verificare

che il rumore sia o meno regolare. A me non pare molto regolare visto che è posto sotto una camera adibita

al riposo notturno (complimenti ai progettisti).

Comunicare la cosa all'amministratore per valutare un intervento sulla caldaia o sulla possibilità di insonorizzata

il locale sottostante (è fattibile, con quali costi e a chi sarebbero a carico?). C'è per altro una finestra

aperta nel locale protetta da griglia quindi isolamento acustico ZERO.

 

Di solito quali sono le cause di questo rumore, e le possibili soluzioni (funzionanti).

E i costi sono a mio carico o a carico del condominio (visto che si tratta di un bene comune che crea un danno a un singolo)

 

Grazie,

Ciao a tutti.

Buon giorno a tutti,

 

la caldaia del mio condominio (riscaldamento centralizzato) è posta al di sotto della camera da letto

in una stanza sotterranea condominiale. Il problema sta nel fatto che il locale sottostane (pochi mq)

non è stato insonorizzato né tanto meno é stato pensato che una caldaia rumorosa potesse dar fastidio.

Io non me ne ero accorto prima in quanto d'estate i risc. centralizzati sono chiusi.

Apparte il rumore di fondo (vagamente sopportabile), ne esiste uno (meno sopportabile)

che si avverte di tanto in tanto del tipo (boccia di acciaio che cade dentro Botte di plastica)

rumore un pò sordo che si ripete ogni tot minuti e non sempre costante.

Il fatto che di mattino presto potrebbe disturbare il sonno.

 

Che cosa mi consigliate di fare?

Chiamare la ASL per far misurare il rumore (costi?). O ci sono vie meno costose per verificare

che il rumore sia o meno regolare. A me non pare molto regolare visto che è posto sotto una camera adibita

al riposo notturno (complimenti ai progettisti).

Comunicare la cosa all'amministratore per valutare un intervento sulla caldaia o sulla possibilità di insonorizzata

il locale sottostante (è fattibile, con quali costi e a chi sarebbero a carico?). C'è per altro una finestra

aperta nel locale protetta da griglia quindi isolamento acustico ZERO.

 

Di solito quali sono le cause di questo rumore, e le possibili soluzioni (funzionanti).

E i costi sono a mio carico o a carico del condominio (visto che si tratta di un bene comune che crea un danno a un singolo)

 

Grazie,

Ciao a tutti.

Buongiorno,

Dal mio puntoo di vista la segnalazione all'amministratore potrebbe consentire di valutare tecnicamente il problema.

Questo per meglio individuare le cause e la soluzione.

La descrizione del rumore non consente a priori di valutarne la causa.

Ciao, grazie per la risposta Nanojoule

Ho informato l'amministratore.

 

Il vano caldaia, posto sotto la camera da letto, ha due finestre coperte da grate.

Le due finestre si trovano perpendicolari, a pochi cm..saranno 50-60, dalle mie finestre.

Da quelle finestre, presumo di areazione, cosa esce? Aria calda, prodotto di combustione (gas) ?

Vorrei chiedere è possibile fare qualcosa per ridurre le emissioni (presumo nocive) applicando

qualche tipo di filtro con areazione forzata?

Ritengo anormale che un progettista abbia potuto lavorare tanto male, da non considerare tutti questi effetti

collaterali (e relative soluzioni possibili, probabilmente a costi nemmeno elevati)

sapendo che parliamo di camere da letto o comunque di stanze abitate. Non che mi meravigli,

non a caso questo è uno dei Paesi n.1 per eco-mafie, abusi e simili, e non lo dico io.

 

Ciao grazie e scusate se mi sono leggermente dilungato.

Ciao, grazie per la risposta Nanojoule

Ho informato l'amministratore.

 

Il vano caldaia, posto sotto la camera da letto, ha due finestre coperte da grate.

Le due finestre si trovano perpendicolari, a pochi cm..saranno 50-60, dalle mie finestre.

Da quelle finestre, presumo di areazione, cosa esce? Aria calda, prodotto di combustione (gas) ?

Vorrei chiedere è possibile fare qualcosa per ridurre le emissioni (presumo nocive) applicando

qualche tipo di filtro con areazione forzata?

Ritengo anormale che un progettista abbia potuto lavorare tanto male, da non considerare tutti questi effetti

collaterali (e relative soluzioni possibili, probabilmente a costi nemmeno elevati)

sapendo che parliamo di camere da letto o comunque di stanze abitate. Non che mi meravigli,

non a caso questo è uno dei Paesi n.1 per eco-mafie, abusi e simili, e non lo dico io.

 

Ciao grazie e scusate se mi sono leggermente dilungato.

Buongiorno,

le finestre della centrale termica hanno la funzioen di far entrare nel locale l'aria necessaria alla combustione.

Detto processo avviene in ambiente confinato (focolare caldaia) che non ha comunicazioni con l'esterno se non attraverso il camino di evacuazione combusti, quindi non produce effetti inquinanti al locale centrale termica.

Solo in casi di focolari aperti a combustione atmosferica (tipologia vetusta della caldaie centralizazte) e in occasione di difettti al camino vi possono essere ritorni di fumo in ambiente, ma sono veramente eccezionali.

 

Dal mio punto di vista non trarrei preoccupazione dalle aperture di centrale termica.

 

Per i rumori della caldaia vi auguro di sostuire la caldaia (credo a gas metano) con sistema a premiscelazione e pompe a giri variabili, il rumore prodotto sarà praticamente inavvertibile!!! (...oltre al sostanzioso risparmio energetico....)

 

- - - Aggiornato - - -

 

Ciao, grazie per la risposta Nanojoule

Ho informato l'amministratore.

 

Il vano caldaia, posto sotto la camera da letto, ha due finestre coperte da grate.

Le due finestre si trovano perpendicolari, a pochi cm..saranno 50-60, dalle mie finestre.

Da quelle finestre, presumo di areazione, cosa esce? Aria calda, prodotto di combustione (gas) ?

Vorrei chiedere è possibile fare qualcosa per ridurre le emissioni (presumo nocive) applicando

qualche tipo di filtro con areazione forzata?

Ritengo anormale che un progettista abbia potuto lavorare tanto male, da non considerare tutti questi effetti

collaterali (e relative soluzioni possibili, probabilmente a costi nemmeno elevati)

sapendo che parliamo di camere da letto o comunque di stanze abitate. Non che mi meravigli,

non a caso questo è uno dei Paesi n.1 per eco-mafie, abusi e simili, e non lo dico io.

 

Ciao grazie e scusate se mi sono leggermente dilungato.

Buongiorno,

le finestre della centrale termica hanno la funzioen di far entrare nel locale l'aria necessaria alla combustione.

Detto processo avviene in ambiente confinato (focolare caldaia) che non ha comunicazioni con l'esterno se non attraverso il camino di evacuazione combusti, quindi non produce effetti inquinanti al locale centrale termica.

Solo in casi di focolari aperti a combustione atmosferica (tipologia vetusta della caldaie centralizazte) e in occasione di difettti al camino vi possono essere ritorni di fumo in ambiente, ma sono veramente eccezionali.

 

Dal mio punto di vista non trarrei preoccupazione dalle aperture di centrale termica.

 

Per i rumori della caldaia vi auguro di sostuire la caldaia (credo a gas metano) con sistema a premiscelazione e pompe a giri variabili, il rumore prodotto sarà praticamente inavvertibile!!! (...oltre al sostanzioso risparmio energetico....)

Ciao,

allora la risposta dell amm.

ice sostanzialmente che il normale funzionamento del bruciatore della caldaia prevede i colpi causati dalle dilatazioni delle tubazioni e della canna fumaria all'accensione e allo spegnimento.

Dice di aver fatto fare un sopralluogo, e che quindi devo tenermi il problema.

In assenza di proposta di soluzioni (non mi aspettavo soluzioni da una persona non di fiducia e già distintasi per

una gestione non proprio professionale e impeccabile per dirla elegantemente) cosa mi consigliate di fare?

Devo fargli scrivere dal mio avvocato oppure contattare la ASL ?

 

Ciao grazie.

Ciao Law,

 

sono Andrea. Credo in tutte le regioni le segnalazioni siano effettuata all'Agenzia regionale Protezione Ambientale (Da noi romani è l'Arpa Lazio), che fissa l'emissioni acustiche massime a seconda del centro abitato e l'orario. Di solito per poter impugnare una causa dovresti far effettuare un rilievo fonomentrico da un tecnico acustico munito di autorizzazione e di strumentazione immatricolate dall'Arpa. Quindi innanzittutto bisogna certificare che il valore sia superiore ai livelli previsti. Qualora fosse desumo che il condominio debba porre rimedio a tale difficoltà. Tecnicamente esistono guaine di polietilene per esempio che vengono utilizzate come anti vibranti e isolanti acustici per sale macchine. A quel punto dovete comunicare con un tecnico che isola questi tipi di locali per trovare la soluzione più idonea.

 

Un saluto

 

Andrea

Ciao a tutti, e grazie a tutti per le risposte che ho letto e riletto.

tornando a quanto proposto da NanoJoule:

- Per i rumori della caldaia vi auguro di sostuire la caldaia (credo a gas metano) con sistema a premiscelazione e pompe a giri variabili, il rumore prodotto sarà praticamente inavvertibile!!! (...oltre al sostanzioso risparmio energetico....) -

 

Rispondo dicendo che l'amm. ha confermato che si tratta di caldaia a gas metano, come da te ipotizzato.

Per altro mi ha detto che l'insonorizzazione potrà allievare il rumore di esercizio delle pompe di spinta

ma non quello dei colpi dovuti alla dilatazione dei tubi causata da risc e raffr.

 

Secondo te e voi (chi ne ha a conoscenza) la soluzione di insonorizzare non porterebbe alla soluzione

definitiva, cioè sentirei lo stesso rumori per la dilatazione dei tubi (d'ariete) oltre che quelli di normale esercizio ?

Cambiando la caldaia con quella da te proposta, per esempio, questi colpi dovuti alla dilatazione dei tubi

sparirebbero?

Per un edificio di 20 condomini ad esempio che costi potrebbe avere una caldaia moderna come quella da te proposta

e che risparmio darebbe in termini di consumi. In modo da dire ok: oggi tutti fanno un investimento (e non andiamo in causa)

tutti pagano una bolletta meno salata (la caldaia di oggi spesso è oggetto di interventi) e inquiniamo di meno

e abbiamo tutti un oggetto nuovo e moderno che dovrebbe garantire a me condizioni accettabili e agli altri risparmio

su bolletta e magari ammortizzazione dell'investimento in pochi anni.

La pompa con sistema a premiscelazione e pompe a giri variabili come è alimentata e quanto costerebbe?

parli di riduzione del rumore di esercizio, e quello di dilatazione dei tubi che fine farebbe?

 

 

Grazie mille.

Ciao, a presto

Buon giorno

riguardo al sistema

con sistema a premiscelazione e pompe a giri variabili, commercialmente come si chiamano questo tipo di caldaie e che prezzi potrebbero avere su un condominio di circa 20 appartamenti. Lo scopo sarebbe: abbattimento del rumore (vedi post sopra) e risparmio energetico

in modo da poterlo proporre e ovviamente valutazione del costo.

 

Le caldaie centralizzate a condensazione c'entrano qualcosa? meglio-peggio, esistono altre soluzioni a basse emissioni di rumore?

 

Grazie.

×