Vai al contenuto
Viva il Condominio

Riserve di proprietà su aree comuni

Sono proprietario di un appartamento in un condominio di 30 unità immobiliari, dove il costruttore originario si era riservata la piena proprietà dei lastrici solari e dei terreni esterni al di fuori delle mura del fabbricato (per questi ultimi è concesso l'uso non esclusivo condominiale) con regolamento contrattuale.

 

Sono arrivato a questo punto ormai stufo dei continui tentativi speculativi, voluti dall'attuale proprietario sedicente esclusivo, sempre da me diligentemente stoppati in comune, di creare un giardino pensile o un piano casa sopra il lastrico solare del mio appartamento ubicato all'ultimo piano; oltretutto in questi giorni è arrivata pure la notizia che vuole recintare porzione del giardino al piano terra, cui vanta la proprietà esclusiva, sottraendolo all'uso comune.

 

Tutto il condominio vessa in queste angherie e rivalse sulla proprietà contro un mero uso non esclusivo concesso ai condomini dei giardini e parcheggi previsto sul Regolamento Condominiale contrattuale; per i lastrici solari addirittura è vantata la piena proprietà esclusiva.

 

Per quanto mi riguarda mi ritengo proprietario pro quota indivisa condominiale sia del lastrico solare che del giardino atteso che il primo acquirente (che mi ha preceduto) che ha acquistato dalla società costruttrice non ha nel contratto di trasferimento proprietà (sentenza di tribunale avuta a seguito di contenzioso con il costruttore) menzione alcuna sulle riserve di proprietà tanto meno menzioni sul regolamento condominiale contrattuale.

 

L'uso dei giardino con proprietà terze parti è menzionato solo nella perizia del CTU redatta per l'asta cui ho partecipato per il mio successivo acquisto, ma senza menzione alcuna nel decreto di trasferimento proprietà. Alcuna menzione è fatta altresi per i lastrici solari in entrambi i documenti di trasferimento proprietà.

 

Chiedo se è possibile accertare, con esito favorevole, la proprietà condominiale sia dei terreni esterni, sia dei lastrici solari.

 

Saluto e ringrazio in anticipo per l'interesse del Forum,

Il costruttore si e' riservato la piena proprieta' dei lastrico solare e terreni quindi non sono proprieta' condominiale . (Punto )

  • Confuso 1

Peppe, permettimi di dissentire, ma ho letto che la riserva di proprietà affinché sia valida deve essere riportata negli atti di compravendita di tutte le prime vendite di tutti gli alloggi... nel caso mio così non è!!!

 

Che ne pensi?

 

Grazie

Se il condominio è convinto che le parti indicate siano condominiali e non private deve esperire un' azione possessoria tramite un avvocato. Verranno poi valutati tutti i documenti esistenti e il giudice alla fine emetterà una sentenza. Se non sbaglio in questo caso si passa dalla mediazione obbligatoria.

Scusate Maila e Peppe... sono più conciso...

 

Atteso come dice Beppe che non sono Condominiali stante la riserva, chiedo se è possibile accertare, con esito favorevole, almeno la proprietà mia parte pro-quota indivisa sia dei terreni esterni, sia dei lastrici solari con chi si è riservato la proprietà con i primi acquirenti del condominio fatta esclusione il primo acquirente del mio appartamento

Se il regolamento condominiale contrattuale è stato registrato nei pubblici registri non serve che sia allegato al rogito: inoltre può essere e sicuramente sarà così che ci siano altri documenti che attestano di chi e è la proprietà delle parti in oggetto in quanto tu dici che è menzionato nella perizia del CTU. Inoltre mi sembra strano che le parti che tu menzioni possano essere tue e del costruttore e non degli altri condomini, anche secondo me è una vana speranza....però come detto se ti vuoi togliere lo sfizio ricorri al parere di un avvocato...noi il nostro lo abbiamo espresso

Oltre che confermare quanto giustamente scritto sia da Peppe che da Maila, aggiungo semplicemente che c'è da meravigliarsi come, l'utente Viva il Condominio, insista su una cosa, praticamente impossibile da sostenere, visto che lui stesso ci scrive che c'è un regolamento di Condominio contrattuale firmato ed accettato anche da lui, dove si evince chiaramente che quei determinati cespiti sono di proprietà del costruttore.

 

Ma io dico se firmi un contratto ( perchè il regolamento di condominio è un contratto vero e proprio) dove c'è scritto x e y perchè mai, dopo, ti rimangi quello che hai firmato, dicendo che c'è scritto z e v?

 

Questo per me ha dell'incredibile.

Ciao

Guarda che io non ho firmato alcuno regolamento contrattuale...questo è stato redatto dall'originario costruzione ma non è stato inserito nel primo atto di trasferimento proprietà del mio appartamento.

Ciao, se c'è un regolamento di Condominio contrattuale è richiamato sull'atto di acquisto o allegato ad esso.

Quindi non puoi non averlo letto e/o venuto a conoscenza prima dell'acquisto.

 

Se non è così, appare logico che nel tuo Condominio non avete un regolamento contrattuale perciò, delle due, una.....

O c'è o non c'è!

Ciao

Ciao Brico,

 

mi spiego meglio nei documenti ufficiali di trasferimento proprietà non vi è alcun riferimento a regolamento contrattuale e riserve di proprietà alcune; anzi vengono menzionate comprese le parti comuni dell'edificio.

Saluto

Sono proprietario di un appartamento in un condominio di 30 unità immobiliari, dove il costruttore originario si era riservata la piena proprietà dei lastrici solari e dei terreni esterni al di fuori delle mura del fabbricato (per questi ultimi è concesso l'uso non esclusivo condominiale) con regolamento contrattuale.

[,

Tu nel post 1 del 29/08 scorso scrivevi quello di cui sopra.

 

Da ciò, appare logico che se scrivi quello evidentemente lo avrai letto da qualche parte, altrimenti come fai ad asserire tal cosa?

 

Se invece non lo hai letto e lo hai solo sentito dire puoi appurare se esiste un regolamento di Condominio contrattuale sul quale ci sia tale clausola che, se non ce lo hai allegato al rogito e/o richiamato in esso, lo potrai verificare andando presso l'Agenzia del Territorio e vedere se tale documento (importantissimo) è stato trascritto oppure no.

 

Se non c'è nemmeno lì hai perfettamente ragione altrimenti, il costruttore, può benissimo fare quello che fa senza che tu potrai farci nulla come già ti è stato ampiamente spiegato da chi è intervenuto in questa discussione.

E' una cosa normale, esiste in numerosissimi Condomini non c'è nessuna vessazione o angheria o rivalsa come te dici.

Ciao

×