Vai al contenuto
chiara1212

Riscaldamento centralizzato termoregolarizzato Chiarimenti (Milano)

Buongiorno,

scrivo a proposito di chiarimenti riguardo il riscaldamento centralizzato e in particolare sull'uso delle termovalvole. Vorrei sapere qual è la temperatura minima coperta dalle spese condominiali e in quale fascia oraria è garantito il servizio di riscaldamento centralizzato; inoltre vorrei sapere se nelle ore non coperte il consumo è totalmente a mio carico o no.

Grazie per le risposte.

Devo dire che stai facendo un po di confusione

le termovalvole non sono altro che dei rubinetti, che arrivati alla temperatura impostata chiudono l'acqua calda che va al calorifero, queste di solito non hanno impostato i gradi ma ma una scala di numeri.

Il servizio di riscaldamento è lo stesso di prima, cambieranno solo le spese fisse che saranno a millesimi e le spese che verranno segnalate dal tuo contabilizzatore che saranno tue, non ci sono ore coperte o scoperte a tuo carico.

Ora dopo questo chiarimento che ti sarà insufficente, ti invito a leggere altre questioni già riportate e discusse nel forum, penso che ti stancherai di leggere ma con la soddisfazione di non avere più domande ma risposte.natalino

Ciao! Grazie per la risposta. Prima di postare ovviamente ho letto le discussioni (non è mia abitudine postare senza cercare prima nei forum) ma vuoi per scarse capacità intellettuali o altro io non ci ho capito niente!

 

Ho acquistato casa a settembre ed erano già state installate le termovalvole, nessuno ha saputo spiegarmi per bene come funzionano e l'amministratrice non risponde al telefono. Inoltre a me e alle mie inquiline è arrivata una bolletta del gas a loro dire alta, per me non tanto a dire il vero rispetto all'appartamento dove abitavo prima sempre con riscaldamento centralizzato ma senza valvole, e quindi vorrei capire se il prezzo è imputabile al riscaldamento. Quando scatta il risparmio?

 

Che vuol dire spese fisse a millesimi?

La quota di spese condominiali relative al riscaldamento centralizzato allora cosa copre?

 

Mi dispiace aver aperto l'ennesimo topic, ma spero che sia qualcuno in grado di spiegarmelo "con il disegnino" come si suol dire!

Cerco di spiegarti sempre se hai un riscaldamento centralizzato, con le termovalvole e contabilizzatori, se non è così tutto cade.

Esistono due spese, quella fissa in millesimi che è una percentuale di solito 30% sul consumo totale di riscaldamento e conprendono le spese perse per il funzionamento riscaldamento, il restante ammettiamo che sia il resto cioè il 70% sono il tempo che hai usato il riscaldamento,le percentuali fisse e private, penso siano sono state decise prima e il tuo amministratore dovrebbe informarti quali sono, se non lo fossero sarà un problema vostro da decidere in assemblea con dati alla mano.

Se invece ti interessa il funzionamento delle termovalvole, queste hanno dei numeri e ti indicano quanto è circa la temperatura dove queste lasciano passare l'acqua calda, come il ferro da stiro quando lo regoli per stirare quando è arrivato a temperatura si spegne, le valvole lo stesso quando la stanza è arrivata alla temperatura voluta se -> 20° ( la puoi vedere solo con il termometro) chiude il passaggio di acqua.

cerco di spiegarti sempre se hai un riscaldamento centralizzato, con le termovalvole e contabilizzatori, se non è così tutto cade.

Esistono due spese, quella fissa in millesimi che è una percentuale di solito 30% sul consumo totale di riscaldamento e conprendono le spese perse per il funzionamento riscaldamento, il restante ammettiamo che sia il resto cioè il 70% sono il tempo che hai usato il riscaldamento,le percentuali fisse e private, penso siano sono state decise prima e il tuo amministratore dovrebbe informarti quali sono, se non lo fossero sarà un problema vostro da decidere in assemblea con dati alla mano.

Se invece ti interessa il funzionamento delle termovalvole, queste hanno dei numeri e ti indicano quanto è circa la temperatura dove queste lasciano passare l'acqua calda, come il ferro da stiro quando lo regoli per stirare quando è arrivato a temperatura si spegne, le valvole lo stesso quando la stanza è arrivata alla temperatura voluta se -> 20° ( la puoi vedere solo con il termometro) chiude il passaggio di acqua.

perfetto!!!

Credo di iniziare a capire... Ma quindi per abbattere i costi della bolletta del gas cosa dovrei fare?

Buongiorno,

premesso che in pratica paghi per quanto consumi, dal mio punto di vista devi gestire akl meglio le temperature ambiente (esempio camera 18 (19) gradi, bagno 21, sala 20, cucina 19 etc.

Questo garantisce un buon risparmio.

Se assieme a questo consideri che in pratica il ricambio d'aria si fa con 15 minuti di aowrture finestre, che i radiatori devono essere liberi e che non serve sentire la tempoeratira del radiatore, ma quella dell'ambiente ....allora sei sulla buona strada. ore

Tutto questo chiaramente se abbinato alla correteta gestione dell'impianto (caldaie a condensazione, elevato salto termico, attivazione minimo di 18 ore se abbinata a regolatri di attivazione impianto ottimizzati. etc)

Grazie nanojoule per i consigli! Mi hai fatto venire in mente un altro problema: nel bagno non c'è la valvola e i tecnici mi hanno detto che ora è un problema metterla perché dovrebbero bloccare l'acqua della caldaia ecc ecc... E' vero? Quindi il radiatore del bagno andrà sempre a pieno regime giusto?

 

Una cosa non ho capito, cosa centra la bolletta del gas.

Natalino, scusa l'ignoranza ma sono nuova di queste cose. Non ho capito, la quota "variabile" (diciamo il 70% dell'esempio di prima) come lo pago? Nelle spese condominiali?

Mi è sorto un dubbio con la tua bolletta del gas, non è che il tu hai in casa la caldaia e il tuo riscaldamento è attaccata a questa? per quota variabile si intende quella che consumi, cioè quanto tempo usi il riscaldamento, se tu lo lasciassi sempre spento la tua quota sarebbe 0 se sempre funzionante 100, della parte variabile.

Grazie nanojoule per i consigli! Mi hai fatto venire in mente un altro problema: nel bagno non c'è la valvola e i tecnici mi hanno detto che ora è un problema metterla perché dovrebbero bloccare l'acqua della caldaia ecc ecc... E' vero? Quindi il radiatore del bagno andrà sempre a pieno regime giusto?

 

Buongiorno,

ALT - ATTENZIONE - invia subito una raccomandata all'amministratore.

Contesta l'impianto, eseguito da incompetenti senza alcun progetto.

La termoripartizione deve ESSERE PRESENTE su OGNI RADIATORE!!

Senza questi acciorgimenti i soldi che avete speso sono BUTTATI VIA!!!

 

Attenzione.......

 

Lascio la parola sulle compenti di spesa a natalino, che oramai è esperto del settore....

Mi è sorto un dubbio con la tua bolletta del gas, non è che il tu hai in casa la caldaia e il tuo riscaldamento è attaccata a questa? per quota variabile si intende quella che consumi, cioè quanto tempo usi il riscaldamento, se tu lo lasciassi sempre spento la tua quota sarebbe 0 se sempre funzionante 100, della parte variabile.

C'è un boiler solo per l'acqua calda dei rubinetti e non è attaccato al riscaldamento (me lo ha appena detto mio padre, io non lo sapevo).

Allora chiara1212 ti consiglio di seguire il consiglio di nanojoule, potresti avere delle sorprese spiacevoli nei pagamenti.

 

 

Grazie nanojoule per i consigli! Mi hai fatto venire in mente un altro problema: nel bagno non c'è la valvola e i tecnici mi hanno detto che ora è un problema metterla perché dovrebbero bloccare l'acqua della caldaia ecc ecc... E' vero? Quindi il radiatore del bagno andrà sempre a pieno regime giusto?

 

Buongiorno,

ALT - ATTENZIONE - invia subito una raccomandata all'amministratore.

Contesta l'impianto, eseguito da incompetenti senza alcun progetto.

La termoripartizione deve ESSERE PRESENTE su OGNI RADIATORE!!

Senza questi acciorgimenti i soldi che avete speso sono BUTTATI VIA!!!

 

Attenzione.......

 

Lascio la parola sulle compenti di spesa a natalino, che oramai è esperto del settore....

Allora chiara1212 ti consiglio di seguire il consiglio di nanojoule, potresti avere delle sorprese spiacevoli nei pagamenti.

 

 

Caspita, e meno male che il geometra di cui ci ha lasciato il numero il venditore dell'appartamento ha detto che avrebbe inciso poco sul costo!!

Adesso parlo con i miei e vediamo il da farsi (purtroppo a più di 1000 km da casa è un problema gestire certe cose).

 

Scusate se continuo a insistere sui costi, ma devo rendere conto alle mie due coinquiline che pagano delle spese e mi chiedono informazioni. Quindi alla fine della fiera la quota variabile e fissa le pago nelle spese condominiali (fissa) e in altre spese (variabile)? Insomma le mie coinquiline mi chiedono: nelle spese condominiali che includono anche il riscaldamento cosa paghiamo di esso? E l'altra quota quando si deve pagare?

Prima di andare oltre dovresti dire quanti sono i caloriferi, come sono le valvole che aprono e chiudono l'acqua( sono quelle in alto su un fianco del calorifero) cioè se hanno numeri o se ne sono prive, se sulla parete davanti del calorifero hai montato un aggeggio tipo scatoletta.

Allora i caloriferi sono 5: soggiorno+cucina, due stanze da letto, corridoio e bagno. Le valvole sono quelle messe a lato, hanno i numeri da 0 a 5 e davanti al calorifero c'è una specie di scatoletta.

 

Comunque io ho comprato casa con già tutto l'ambaradan installato.

Segui il consiglio di nanojoule, per me non puoi fare altro, a meno che che vi sia un compromesso fra te e il condominio riguardo le spese di riscaldamento, per quanto non è stato montato.

Allora guarda se vicino al boiler ci sono fili della corrente, se ci sono prova a togliere tensione e guarda se funziona ancora, se non funziona non centra niente con il riscaldamento.

Se non ci sono fili della corrente guarda se ci sono tubi, e rubinetti, se solo questi ,è possibile non impossibile che usi l'acqua calda anche per i sanitari

Già che dovrai fare raccomandate e i vicini non sanno informarti prova a chiedere di quali servizi condominiali usufruisci

Nella distinta delle spese condominiali dovresti ritrovare sia la quota fissa (ripartita a millesimi) che quella variabile (ripartita secondo le misurazioni ricavate dalle termovalvole dei radiatori). Può darsi (ma devi leggere il regolamento condominiale) che la quota fissa comprenda anche le manutenzioni dell'impianto di riscaldamento. Ti suggerisco di provare a parlarne con qualche condomino. Dalla tua domanda non ho capito se sei la proprietaria dell'appartamento o se l'hai in affitto : nel primo caso spedisci una raccomandata a/r all'amministratore chiedendogli i ragguagli del caso, e spiegandogli che pagherai solo dopo che sarà stata chiarita la situazione. Nel secondo caso, chiedi le stesse cose al proprietario. Ciao!

H.

×