Vai al contenuto
fabiosbuzz

Ripostiglio su balcone aggettante.

Buongiorno a tutto il forum.

Un condomino ha costruito un ripostiglio dal pavimento del suo balcone aggettante sino al soffitto del balcone sovrastante della grandezza di circa 1,20 x 1,20. L'opera è stata fatta senza chiedere alcuna autorizzazione ed il condominio ne era allo scuro.

Il regolamento di condominio impone di comunicare all'amministratore qualsiasi modifica anche sulle proprietà private che abbiano interesse sul decoro architettonico ( ma il nuovo condomino non aveva il regolamento ). Secondo voi il condomino ha agito lecitamente?

Facendo una ricerca su internet ho appreso che per la costruzione di questa opera sul balcone non necessita alcuna autorizzazione da parte del condominio e degli uffici tecnici comunali. E' corretto?

 

fabiosbuzz dice:

Buongiorno a tutto il forum.

Un condomino ha costruito un ripostiglio dal pavimento del suo balcone aggettante sino al soffitto del balcone sovrastante della grandezza di circa 1,20 x 1,20. L'opera è stata fatta senza chiedere alcuna autorizzazione ed il condominio ne era allo scuro.

Il regolamento di condominio impone di comunicare all'amministratore qualsiasi modifica anche sulle proprietà private che abbiano interesse sul decoro architettonico ( ma il nuovo condomino non aveva il regolamento ). Secondo voi il condomino ha agito lecitamente?

Facendo una ricerca su internet ho appreso che per la costruzione di questa opera sul balcone non necessita alcuna autorizzazione da parte del condominio e degli uffici tecnici comunali. E' corretto?

 

corretto quel che dici: lo ha fatto sulla sua proprietà privata, quindi non era necessaria alcuna autorizzazione condominiale.

il problema è se lede l'estetica e il decoro del fabbricato e se reca pregiudizio alla stabilità del fabbricato.

 

se qualcuno pensa ciò, e necessaria però una azione legale contro il condòmino poichè è solo un giudice che può stabilire se c'è questa invocata lesione o pericolo.

 

quindi: assemblea x decidere l'azione legale, decidere l'avvocato, andare in mediazione (obbligatoria) con direttive per eventuale accordo decise in assemblea, eventualmente procedere con la causa ...

 

Modificato da paul_cayard

Grazie per le risposte.

No, il ripostiglio è in alluminio dello stesso colore del balcone aggettante e dei cornicioni.

Sinceramente è solo un "pò " anti estetico visto che gli altri balconi aggettanti sono tutti liberi e con fioriere.

Certo che essendo previsto anche dal regolamento ci si aspettava un minimo di comunicazione e confronto con i condomini riguardo a questa variazione estetica  del palazzo appena ristrutturato e pitturato in facciata.

Credo l'unica strada sia quella legale ma non credo porti a nulla ...considerate le esigue dimensioni, 1,20x1,20 ed il colore scelto uguale ai balconi.

.... soprassediamo in attesa cghe arrivi il tempo di un mondo fatto di buonsenso ....

fabiosbuzz dice:

Grazie per le risposte.

No, il ripostiglio è in alluminio dello stesso colore del balcone aggettante e dei cornicioni.

Sinceramente è solo un "pò " anti estetico visto che gli altri balconi aggettanti sono tutti liberi e con fioriere.

Certo che essendo previsto anche dal regolamento ci si aspettava un minimo di comunicazione e confronto con i condomini riguardo a questa variazione estetica  del palazzo appena ristrutturato e pitturato in facciata.

Credo l'unica strada sia quella legale ma non credo porti a nulla ...considerate le esigue dimensioni, 1,20x1,20 ed il colore scelto uguale ai balconi.

.... soprassediamo in attesa cghe arrivi il tempo di un mondo fatto di buonsenso ....

l'unica cosa che possono fare gli altri condomini,  se ritengono leso il decoro dello stabile,  è quella di rivolergersi al giudice, solo quest'ultimo può dcidiere se è stato, o meno, alterata l'estetica del fabbricato.

×