Vai al contenuto
alieno66

Ripensamento delibera lavori straordinari

Buongiorno , il 25 settembre  abbiamo approvato con assemblea ordinaria una delibera , un preventivo per  un lavoro straordinariodi grossa entità, di  rifacimento balconi,  la votazione è stata unanime di tutti i presenti

Rivedendo poi con calma il preventivo ci siamo accorti che era troppo alto, per questo a distanza di 10/15 giorni abbiamo chiesto formalmente all'amministratore una assemblea straordinaria con all'ordine del giorno la revoca della delibera approvata per quel preventivo , e come secondo punto,  discussione e approvazione di altro pereventivo nettamente migliorativo.

Questa è stata la sua risposta;

 

Guardate che non si può annullare l'esito di un assemblea a nome degli stessi che hanno votato a favore della stessa. lo come da delibera ho firmato contratto con la società, e da codice civile se si recede da contratto senza giustificato motivo bisogna risarcire la controparte del mancato guadagno e degli eventuali costi di approvvigionamento gia sostenuti.

 

Chiedo è corretto? non doveva attendere 30 giorni prima di firmare un contratto.

Possiamo fare qualcosa

grazie 

L’amministratore non ha colpa. Ha dato tempestivamente corso alla delibera. Anche annullandola perché avete sbagliato e c’è ne siete accorti l’effetto giuridico del contratto è comunque sussistente. Il quantum andrebbe approfondito

su una cifra di 140.000€ abbiamo un risparmio di 40.000 €.

Lui ha  firmato un contrattto ma non non abbiamo nemmeno il capitolato, ne la quata parte per ogni condomino,abbiamo solamente il tot da preventivo,tra  l'altro anche un po sbrigativo.

quello che mi chiedevo ,se un condomino per legge ha tempo per impugnare una delibera, l'amministratore a questo punto non deve attendere i 30gg prima di attivarsi.

No la delibera è immediatamente esecutiva e in questo caso avete dato titolo all’amministratore per firmare. 

alieno66 dice:

Chiedo è corretto? non doveva attendere 30 giorni prima di firmare un contratto.

Possiamo fare qualcosa

ciao

non c'è l'obbligo di attendere i 30 gg.  ma se non eravate tutti presenti la possibilità di impugnare rimane per chi era assente, che magari, facendosi forte del nuovo preventivo che costa 40.000 € in meno, potrebbe anche ottenere soddisfazione.

Io fossi in te mi recherei immediatamente nell'ufficio dell'amministratore e chiederei di vedere il contratto che dovrebbe già essere stato sottoscritto .

Personalmente prima di sottoscrivere un contratto impegnativo, anche se non obbligato, io aspetto sempre i termini per le eventuali impugnazioni.    In questo senso ritengo che l'amministratore sia stato precipitoso, anche se non ci sono violazioni di legge.

 

Mettiamo il caso che uno degli assenti impugni ed abbia poi ragione, ......  quali conseguenze ?

Buonasera vorrei puntualizzare sul fatto che i lavori partiranno solo in primavera (verso marzo 2020) quindi non penso che la ditta abbia già provveduto all'approvvigionamento.  Ed un lavoro non deve essere già in esecuzione, quindi già iniziato dalla ditta perchè sia necessario parlare di mancato guadagno per la ditta stessa?

 

Vorrei anche informazioni riguardo la costituzione del fondo di cui parla la riforma del condominio: ho letto che per i lavori di straordinaria amministrazione è obbligatoria la creazione di un fondo speciale di importo pari al costo del lavoro (cosa per la quale a noi non è stata chiesta e addirittura ci è stato chiesto di pagare un anticipo pari a tre mensilità dei 24 mesi proposti. 

 

Anche se la ditta non ha ancora iniziato i preparativi è pur vero che esiste un impegno sottoscritto tra le parti. Qualora tale impegno non fosse rispettato da uno dei contraenti, l’altro avrebbe tutto il diritto di chiedere i danni.

 

  • Mi piace 1

10% in questo caso. Se risparmiate il 30% magari ne vale la pena

Modificato da Luigibrand

Buongiono, ho saputo che a 2 condomini( non presenti all'assemblea dove si è votato il preventivo) è stato inviato il verbale nel quale c'è solo scritto che inizieranno i lavori straordinari rifacimento balconi, senza allegare o specificare cosa si fa, e quanto quota il preventivo e/o le varie ripartizioni di spesa. Non credo che questa cosa sia corretta, o  magari addirittura non legale.

In riferimento al 10% di penale si calcola con iva?

Buongiorno,  chiedo ulteriori consigli, in quanto un avvocato ha detto a noi condomini, che possiamo annullare la dlibera, ma dobbiamo dare mandato a lui entro dopodomani, xche il 25 ottobre  decadono i 30gg per il ricorso, l'avvocato sostiene che possiamo appunto annullare la delibera con una maggioranza di 501 millesimi, e che ci sono tutti i presupposti per fare ciò, perchè l'attuale amministratore non ha seguito correttamente l'iter , in primis la comunicazione delle spese ai condomini assenti all'assemblea, e così facendo  non dobbiamo  risarcire noi la ditta del mancato guadagno, 

Secondo voi, è possibile fare questo?

grazie 

alieno66 dice:

Buongiorno,  chiedo ulteriori consigli, in quanto un avvocato ha detto a noi condomini, che possiamo annullare la dlibera, ma dobbiamo dare mandato a lui entro dopodomani, xche il 25 ottobre  decadono i 30gg per il ricorso, l'avvocato sostiene che possiamo appunto annullare la delibera con una maggioranza di 501 millesimi, e che ci sono tutti i presupposti per fare ciò, perchè l'attuale amministratore non ha seguito correttamente l'iter , in primis la comunicazione delle spese ai condomini assenti all'assemblea, e così facendo  non dobbiamo  risarcire noi la ditta del mancato guadagno, 

Secondo voi, è possibile fare questo?

grazie 

ciao

Forse hai capito male.   La impugnazione della delibera può essere fatta entro il termine dei 30 gg. da chi non aveva votato a favore, essendo presente in assemblea, e sempre a 30 gg. dalla data di notifica del verbale per gli assenti.    I 501 millesimi non centrano nulla.

Però i tempi si allungano e la ditta potrebbe far aumentare le sue pretese.    Ecco perchè val la pena di sentire subito la ditta.

Non abbiamo nessun riferimento della ditta perchè sono preventivi portati dall'amministratore, noi il 16 ottobre abbiamo chiesto un'assemblea straordinaria, che ha  indetto per il 5 novembre, ma l'amministratore non ne vuol sentire di parlare di modifiche e/o annullamento lavori. 

Sinceramente non ho parlato io con l'avvocato ma un altro condomino, cerco di capire meglio cosa propone e poi vi aggiorno.

 Ciao

Di quello che pensa l'amministratore a voi non interessa niente. Ti ricordo che è l'assemblea che decide e l'amministratore esegue le delibere dell'assemblea.   Che lui possa darvi qualche consiglio, va bene, ma che lui non ci senta, è una situazione ingiustificabile.

×