Vai al contenuto
sotomay

Riparto spese di riscaldamento

Ciao,

 

L'amministratore ci comunica che:

 

Con la pubblicazione del DGLS 102 del 4 luglio il Legislatore ha voluto regolamentare il sistema di

ripartizione delle spese del riscaldamento ritenendo che saranno valide soltanto quelle ripartite secondo le

indicazioni previste nella NORMA TECNICA UNI 10200 edizione 2013.

Vi segnalo pertanto che ai fini della ripartizione delle spese di riscaldamento è utile che l'amministrazione, a

titolo esemplificativo e non esaustivo, aggiorni le tabelle di riscaldamento (elaborate sul fabbisogno

energetico dal termotecnico) e quantifichi i dati di consumo involontario in Kwh dell'immobile.

Questi dati vengono opportunamente desunti dal progetto di contabilizzazione redatto da un termotecnico,

progetto che sarà registrato presso il Comune di ubicazione del fabbricato.

A tal fine un termotecnico predisporrà il progetto di riparto che sarà utilizzato per la ripartizione delle spese a

partire dalla stagione di riscaldamento 2015/2016.

 

1a domanda: è possibile, con una tabella che verrà redatta (come minimo) a Settembre 2016, ripartire le spese della stagione 15/16?

 

Circa 3 anni fa, al momento di installare le valvole/contabilizzatori, la ditta ha effettuato i sopralluoghi in ciascun appartamento, redigendo un PROGETTO IMPIANTO DI TERMOREGOLAZIONE, con RIPARTIZIONE DELLE SPESE UNI 10200-2013

ed allegando le le nuove tabelle di riscaldamento - mai utilizzate.

 

2a domanda: perchè non possiamo utilizzare le tabelle già redatte e pagate?

 

Grazie!

Ciao,

 

L'amministratore ci comunica che:

 

Con la pubblicazione del DGLS 102 del 4 luglio il Legislatore ha voluto regolamentare il sistema di

ripartizione delle spese del riscaldamento ritenendo che saranno valide soltanto quelle ripartite secondo le

indicazioni previste nella NORMA TECNICA UNI 10200 edizione 2013.

Vi segnalo pertanto che ai fini della ripartizione delle spese di riscaldamento è utile che l'amministrazione, a

titolo esemplificativo e non esaustivo, aggiorni le tabelle di riscaldamento (elaborate sul fabbisogno

energetico dal termotecnico) e quantifichi i dati di consumo involontario in Kwh dell'immobile.

Questi dati vengono opportunamente desunti dal progetto di contabilizzazione redatto da un termotecnico,

progetto che sarà registrato presso il Comune di ubicazione del fabbricato.

A tal fine un termotecnico predisporrà il progetto di riparto che sarà utilizzato per la ripartizione delle spese a

partire dalla stagione di riscaldamento 2015/2016.

 

1a domanda: è possibile, con una tabella che verrà redatta (come minimo) a Settembre 2016, ripartire le spese della stagione 15/16?

 

Circa 3 anni fa, al momento di installare le valvole/contabilizzatori, la ditta ha effettuato i sopralluoghi in ciascun appartamento, redigendo un PROGETTO IMPIANTO DI TERMOREGOLAZIONE, con RIPARTIZIONE DELLE SPESE UNI 10200-2013

ed allegando le le nuove tabelle di riscaldamento - mai utilizzate.

 

2a domanda: perchè non possiamo utilizzare le tabelle già redatte e pagate?

 

Grazie!

Se tutto va bene, entro l'anno dovrebbero uscire delle modifiche alla legge che rendono FACOLTATIVO il calcolo dei nuovi millesimi.

Per info, vedi qui:

https://www.condominioweb.com/ripartizione-spese-del-riscaldamento-condominiale-polemiche-e-perplessit%E0-nuove-modifiche.12500#ixzz46JCNg71L

Ciao Mosquiton, grazie per la risposta.

 

Però fino a quando non è certo, resta in vigore la legge precedente, immagino..

 

La mia domanda è: come condominio siamo già in regola, oppure dobbiamo veramente adeguarci?

 

Grazie!

Ciao Mosquiton, grazie per la risposta.

 

Però fino a quando non è certo, resta in vigore la legge precedente, immagino..

 

La mia domanda è: come condominio siamo già in regola, oppure dobbiamo veramente adeguarci?

 

Grazie!

Ma non lo sa l'amministratore che le tabelle ce le avete già???

🤔

×