Vai al contenuto
Federica.ge76

Ripartizionr consumo acqua tra vecchio e nuovo proprietario

Buongiorno

ho un problema in merito all'addebito del consumo di acqua rispetto al precedente proprietario. Ho acquistato l'appartamento a ottobre 2014 e vi sono andata ad abitare a novembre 2015. La lettura del contatore a ottobre 2014 era 181, a fine 2015 189. Nel rendiconto relativo al 2015 l'amministratore mi addebita interamente il consumo di 189 mc motivandolo che il precedente proprietario non abitandovi non aveva mai comunicato le letture del contatore. Nel 2004 erano stati sostituiti i contatori ripartendo quindi la numerazione da zero. Ho letto dai rendiconti che dal 2004 al 2013 era stato addebitato al vecchio proprietario un consumo presuntivo per complessivi 382 mc regolarmente pagato. Mi sembra quindi di non dover pagare nulla in quanto un consumo di 189 risulterebbe coperto da quanto gia' pagato dal precedente proprietario...mi sembra che venga richiesto due volte il pagamento dello stesso consumo...Come mi devo comportare? Le chiedo un chiarimento in merito.. Grazie.

Devi esplicare ciò che ti viene chiesto,per poi chiedere il rimborso al venditore.

-----------------------------------------------------------------------

IV. Chi subentra nei diritti di un condomino e' obbligato solidalmente con questo al pagamento dei contributi relativi all'anno in corso e a quello precedente.

 

--link_rimosso--

Mi scusi ma non mi e' chiaro...se il venditore ha gia' pagato su un consumo presunto di 382 (preciso che si era partiti da zero con la numerazione e che il venditore non comunicava le letture) anziche' 181 (consumo effettivo da lettura)...e ora la mia lettura e' 189, devo pagare su 189? Sono gia' compresi nei 382 gia' pagati... Da altra discussione simile su questo forum avevo capito che non dovrei pagare fino a quando la lettura arriva a 382 in quanto consumo gia' pagato dal venditore...

Devi chiarire con l'amministratore del consumo fine 2014/15. E di quello strano addebito di 382 mc. regolarmente pagato. Non è escluso sia dovuta a una dimenticanza.

Mi scusi ma non mi e' chiaro...se il venditore ha gia' pagato su un consumo presunto di 382 (preciso che si era partiti da zero con la numerazione e che il venditore non comunicava le letture) anziche' 181 (consumo effettivo da lettura)...e ora la mia lettura e' 189, devo pagare su 189? Sono gia' compresi nei 382 gia' pagati... Da altra discussione simile su questo forum avevo capito che non dovrei pagare fino a quando la lettura arriva a 382 in quanto consumo gia' pagato dal venditore...

Devi verificare se i consumi presunti corrispondono a letture presunte.

Dal 2004 al 2013 sono stati addebitati 382 mc. ma quanto segnava nel 2013 il contatore individuale?

E' stato mai sostituito il contatore individuale??

Calcola che mediamente una famiglia di sole 2 persone consuma circa 80 mc annui per cui dal 2004 al 2013 una famiglia di sole due persone avrebbe dovuto consumare mediamente 720 mc di acqua (circa il doppio di quanto addebitato).

 

Solo con REALI letture iniziali e finali (anche di eventuali contatori sostituiti) è possibile fare i conti.

I numeri REALI te li deve indicare l'amministratore.

Se è stato fatto un buon lavoro, ad ogni bolletta di addebito deve essere indicata la LETTURA del contatore riportando se si tratta di lettura REALE o lettura PRESUNTA.

Il contatore individuale e' stato sostituito nel 2004. Nel 2013 non e' stata comunicata alcuna lettura. Il precedente proprietario non abitava in quella casa da anni ma vi veniva solo occasionalmente qualche giorno nei mesi estivi. I proprietari era marito e moglie, deceduti lei nel 2006 e lui nel 2011. Alla morte di lei lui si e' trasferito in altra regione...

L'ammimistratore non conosce i numeri reali...imputando forse inizialmente consumi reali e poi presuntivi ha comunque addebitato, da quando e' stato installato il nuovo contatore, ripartendo quindi da zero, un consumo totale di 382 mc contro una lettura reale fatta da me quando ho acquistato la casa di 181...il precedente proprietario ha quindi pagati di piu' di quanto effettivamente consumato...per questo mi sembra di andare a pagare un consumo gia' pagato da altri....

L'ammimistratore non conosce i numeri reali...imputando forse inizialmente consumi reali e poi presuntivi ha comunque addebitato, da quando e' stato installato il nuovo contatore, ripartendo quindi da zero, un consumo totale di 382 mc contro una lettura reale fatta da me quando ho acquistato la casa di 181...il precedente proprietario ha quindi pagati di piu' di quanto effettivamente consumato...per questo mi sembra di andare a pagare un consumo gia' pagato da altri....

Allora se il tuo contatore segna 181 chiedi copia di tutte le bollette precedenti in cui è indicata la lettura, reale o presunta che sia.

Se l'ultima lettura effettuata prima di te segna 382 significa che tu hai consumato (meno) -193 mc.

Dovrebbe rimborsarti 193 mc pagati in più; se proprio vuole dire che i bilanci precedenti sono stati approvati e tu vuoi scordarti del passato dovresti pagare solo quegli 8 mc rilevati tra le due letture da te comunicate.

L'amministratore ci è o ci fa.

Se fa storie digli che vuoi controllare tutte le fatture globali pagate all'ENTE e tutte le bollette di riparto ai condòmini dal 2004 ad oggi che l'errore glielo trovi tu.

Vedrai che davanti a questa richiesta troverà il modo di addebitarti solo 8 mc. 🙂

Grazie mille...spero di risolvere anche se con il mio amministratore e' difficile comunicare e ragionare...almeno vado preparata :-)

×