Vai al contenuto
franco fabbri

RIPARTIZIONI SPESE per la pavimentazione di un giardino

E' stata rifatta la pavimentazione di un giardino ad uso privato, facente parte di un condominio, che serve anche da copertura a quattro box sottostanti.

Chiedo cortesemente un vostro giudizio sui criteri da adottare per la ripartizione della spesa.

chiedo inoltre se questo pavimento deve essere considerato un lastrico solare oppure un solaio.

Ringrazio per eventuali risposte e saluto cordialmente.

Concordo con Giglio, se la pavimentazione è stata effettuata per sfizio del proprietario, sarà lui stesso a dover pagare il tutto se invece era una cosa necessaria e deliberata la spesa seguirà il criterio dell'art. 1125 cc. (se i box sono interrati) o art. 1126 cc se non lo sono, salvo altra convenzione o accordo.

Se c'erano delle infiltrazioni, la risposta è già stata fornita, criterio dell'art. 1125 cc se i box sono interrati, oppure criterio art. 1126 cc se non lo sono, salvo altra convenzione o accordi.

La pavimentazione era necessaria. I box sono interrati. Poichè è stato usato l'articolo 1126 (a mio avviso in modo sbagliato),vorrei avere qualche argomento per poter sostenere che invece doveva essere applicato l'articolo 1125. Quale legge o articolo prevede l'utilizzo dell'art. 1125 per box interrati?

Non c'è un articolo del Codice Civile, infatti il problema è quello se usare l'art 1125 oppure l'art. 1126 cc, c'è però una sentenza che spiega quale dei due usare;

 

Le spese di manutenzione di una struttura condominiale (cortile-viali d’accesso) che funge anche da copertura di locali interrati (come magazzini, box ecc.) vanno suddivise in base all’art. 1125 c.c. e cioè in parti uguali dai proprietari delle due strutture, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l’intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto.

Secondo la Corte di Cassazione qualora il cortile condominiale svolga contemporaneamente la funzione di copertura delle autorimesse sottostanti, in caso di rifacimento del manto di copertura (nel caso la posa di una nuova guaina impermeabilizzante e una nuova pavimentazione), non si può applicare il principio di ripartizione di cui all'art 1126 c.c.:

- 1/3 a carico di chi esercita il calpestio;

- 2/3 ai proprietari dei locali sottostanti;

ma il principio di cui all'art. 1125 c.c.

- pavimentazione (copertura del pavimento art. 1125 c.c.) a carico di tutti i condomini e suddivisa per i millesimi di proprietà;

- intonaco, tinta e decorazioni a carico dei proprietari dei locali sottostanti;

- il resto delle spese 50% a carico di tutti i condomini e 50% a carico del proprietario dei locali sottostanti. (Cassazione, Sez. II, 14/09/2005 n. 18194)

Le spese di manutenzione per le infiltrazioni provenienti da un GIARDINO DI PROPRIETA' ESCLUSIVA ma che funge da copertura per i garage e le cantine sottostanti vanno ripartite ai sensi dell'art. 1126 del c.c. ossia un terzo al proprietario del giardino e due terzi fra i proprietari dei garage e delle cantine.La spesa per la rimozione di tutto quello che c'e nel giardino deve essere sostenuta dal proprietario esclusivo dello stesso. Come recita una sentenza del Tribunale di Milano.N°12211 del 6 dicembre 2003 " restano a completo carico del proprietario esclusivo le spese necessarie allo spostamento ed al riposizionamento di piante e oggetti vari presenti sul terrazzo di proprietà esclusiva, anche se tale spostamento si è reso necessario per procedere alla ristrutturazione della stessa ".

Saluto tutti.

A completamento dell'informativa sulla sentenza sopra citata (Cassazione,Sez.. II, 14/09/2005 n. 18194)

gradirei sapere come ripartire il 50% della spesa a carico dei box interrati considerando che la pavimentazione non interessa i singoli box (per l'esattezza 4) in proporzione alla dimensione degli stessi e di conseguenza ai millesimi di possesso.

Ringrazio e saluto cordialmente.

×