Vai al contenuto
Morfeo

Ripartizioni spese legali tra condomini

Scusate,

faccio un semplice esempio per essere il più chiara possibile.

Il condomino Rossi Mario fa una causa al Condominio e la vince.

Il Condominio deve risarcire a Rossi Mario la somma di 10.000,000 euro.

 

A questo punto, nel consuntivo di fine anno, il Condominio ripartisce le spese legali e le spese di risarcimento danni:

 

1) il condomino Rossi Mario deve pagare la sua quota parte di spese legali dell'avvocato del Condominio ?

2) il condomino Rossi Mario deve pagare la sua quota parte della somma di 10.000,00 di risarcimento a suo danno ?

 

Grazie mille anticipatamente.

Morfeo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

1) No.

2) Dipende dalla tipologia del risarcimento e da quanto disposto dal dispositivo della sentenza.

Se è stata ordinata l'esecuzione di un'opera risarcitoria su parte condominiale quantificata a fine lavori in 10.000,00 Rossi Mario potrebbe dovervi partecipare; nel dispositivo dovrebbe esser specificato a carico di chi sia questo tipo di opera risarcitoria.

Se invece trattasi di una mera transazione monetaria stabilita dal dispositivo della sentenza a titolo risarcitorio, Rossi Mario non deve partecipare al riparto dei 10.000,00.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ciao Albano !

Intanto grazie mille della tua risposta !

Allora per il punto 1 sei stato chiarissimo ahahah con quel bel NO. :-)

Per il punto 2, sicuramente per mia ignoranza, ma non ho ben capito :-( la differenza che fai tu è tra il risarcimento danni personali e il risarcimento danni in opere di lavoro eseguite ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Per il punto 2) invece hai capito bene.

Se Mario Rossi si vede riconoscere una somma per danni, sicuramente non dovrà partecipare al riparto.

Diversa è la situazione dove il giudice riconosce le ragioni di Mario Rossi e lo risarcisce, per esempio, ordinando un'opera condominiale, magari anche proposta e richiesta da Mario Rossi. in questo caso il riparto è secondo tabella millesimale e quindi partecipa anche Mario Rossi.

 

E' successo a me! Ho vinto contro il Condominio; i condòmini (io unico escluso) si son dovuti dividere tutte le loro spese affrontate più quelle di soccombenza decretate dal Giudice.

Sempre per dispositivo della sentenza sono stati eseguiti degli interventi su parti comuni condominiali; insieme a tutti gli altri condòmini anche io ho partecipato al riparto spese per il compenso dell'amministratore ad acta nominato dal Giudice e per le opere realizzate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie mille sei stato molto esaustivo.

 

Quindi in teoria io vinsi una causa contro il Condominio ed ho partecipato alle spese legali... stupida io a non informarmi prima.

 

Pensi che se anche sono passati 6 anni possa recuperare quei soldi ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quel che è fatto, è fatto.

Ormai è troppo tardi, anche perché le spese condominiali (e le spese legali ne fanno parte) hanno la prescrizione quinquennale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi in teoria io vinsi una causa contro il Condominio ed ho partecipato alle spese legali... stupida io a non informarmi prima.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Non è detto,se esiste una delibera,è nulla.Essendo nulla puoi impugnarla quando vuoi.

E' nulla la delibera di ripartizione delle spese di causa anche per il condomino dissenziente rispetto alla lite.

Tribunale di Torino, Sez. III civ., Sentenza n. 7005 del 14 ottobre 2009

Deve essere dichiarata nulla la delibera condominiale nella parte in cui pone anche a carico del condomino dissenziente o assente, le spese vive sostenute per le azioni giudiziarie pendenti in procedimenti vertenti tra questi e il condominio.

In caso di liti tra singoli condomini e condominio, infatti, si viene a creare una separazione di interessi che comporta anche la ripartizione delle spese tra i due diversi centri di interesse, per cui non possono essere poste a carico di coloro che hanno promosso la lite le spese sostenute dal condominio per resistere in giudizio.

Tale delibera è affetta da nullità e non da mera annullabilità ed è, quindi, impugnabile in ogni tempo da chiunque vi abbia interesse, giacché solo l'unanimità dei condomini può modificare il criterio legale di ripartizione delle spese stabilito dall'art. 1132, comma 1 c.c.

 

https://www.condominioweb.com/condominio/sentenza1721.ashx

 

- - - Aggiornato - - -

 

Io comunque una richiesta di rimborso all'amministratore la farei

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

mi unisco alla discussione perchè vorrei chiarimenti sul no perentorio alla prima delle due domande iniziali:

 

nel mio caso il condomino B chiama in causa il condomino C per infiltrazioni, e non sapendo l'origine del danno, chiama in causa anche il condominio

il condomino C in riconvenzionale cita B e condominio;

in sentenza il giudice B dichiara illegittima la domanda di B e rigetta la domanda di C, compensa le spese tra C e il condominio, condanna B al pagamento delle spese di C, compensa le spese di CTU tra B e C.

 

ora la mia domanda è: B e C devono pertecipare con le loro quote millesimali alle spese condominiali??

grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quando un condòmino si appresta ad entrare in lite col Condominio, uno dei primi passi da fare alla prima assemblea utile è quella di separare il proprio destino da quello condominiale, ovvero verbalizzare nella giusta forma il proprio dissenso rispetto alla lite che presumibilmente si sta accendendo.

Pertanto, se B e C risultano condòmini dissenzienti rispetto alle liti per il caso di soccombenza, non dovranno partecipare alle spese di competenza condominiale; viceversa vi dovranno partecipare se non hanno manifestato il proprio dissenso nella forma corretta (corretta verbalizzazione assembleare o atto notificato all'amministratore entro 30 gg. da quando si è avuto notizia della delibera).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Un ulteriore problema è che io amministro questo condominio da 6 mesi e l'amministratore uscente è latitante e non mi ha mai dato la documentazione delle sue gestioni compresi i verbali. Anche della causa ho saputo tutto solo a sentenza. Quindi non ho riscontri di eventuali dissenzienti rispetto la lite....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

I verbali delle assemblee sarebbero di proprietà condominiale: bisogna persuadere il precedente amministratore a consegnare quella documentazione.

 

Altrimenti, per non imbarcarsi in liti legali col collega, si può bypassare il problema se fra i vari condòmini ce n'è almeno uno preciso e collaborativo che ha abbia conservato tutta la sua documentazione condominiale: da costui si potrebbero ottenere le copie dei verbali assembleari antecedenti la tua gestione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×