Vai al contenuto
felixxx

Ripartizione spese tubazione in comunione

Buonasera,

chiedo nuovamente aiuto alla vostra esperienza.

In un'area privata ci sono quattro edifici, amministrati da quattro amministratori differenti, e vi è una tubazione dell'acqua in comunione che serve l'acqua ai quattro plessi (ogni plesso ha il suo allaccio privato).

 

L'amministratore del primo plesso (situato dove inizia la tubazione in comunione) ha fatto sostituire il tratto di tubazione limitrofo alla sua proprietà motivando l'urgenza causata da infiltrazioni nei fondi (ci aveva comunque avvertito) e ha chiesto la compartecipazione delle spese.

 

Sin qui non ci dovrebbero essere problemi.

 

Adesso però, atteso che le infiltrazioni continuano, ci ha detto di sostituire anche la restante parte escludendosi dalla compartecipazione spese in quanto, a suo dire, l'allaccio del suo condominio è all'inizio della tubazione (quella sostituita) e il proseguo non è affar suo (dice: per me si potrebbe anche tagliare il proseguo della tubazione perché a noi non da alcun servizio).

 

A mio parere essendo la tubazione in comunione dobbiamo tutti partecipare alle spese.. indipendentemente dal punto in cui si manifesta la rottura (salvo che si tratti dell'allaccio privato).

 

Cosa ne pensate?

L'amministratore del primo plesso (situato dove inizia la tubazione in comunione) ha fatto sostituire il tratto di tubazione limitrofo alla sua proprietà motivando l'urgenza causata da infiltrazioni nei fondi (ci aveva comunque avvertito) e ha chiesto la compartecipazione delle spese.

Adesso però, atteso che le infiltrazioni continuano, ci ha detto di sostituire anche la restante parte escludendosi dalla compartecipazione spese in quanto, a suo dire, l'allaccio del suo condominio è all'inizio della tubazione (quella sostituita) e il proseguo non è affar suo (dice: per me si potrebbe anche tagliare il proseguo della tubazione perché a noi non da alcun servizio).

L'amministratore del primo plesso E' SICURO AL 100% che i lavori che lui ha fatto eseguire siano stati fatti a regola d'arte ???

E se le infiltrazioni siano continuate ANCHE per il cattivo lavoro svolto da chi era stato incaricato del lavoro ???

E, comunque, non ha valore il motivo di autoescludersi perché il lavoro, nel primo tratto è stato già eseguito.

Per prima cosa si dovrebbe nominare, di comune accordo tra i quattro edifici, un tecnico che studi (e che risolva) la situazione delle infiltrazioni. Poi, una volta individuato "il difetto" si interverrà e si sanerà il difetto. Ovviamente, a mio parere, dovranno partecipare alla spesa tutti e quattro gli edifici.

Ovviamente, ognuno per la sua quota parte oppure ognuno per un quarto.

la tubazione è vecchia e pertanto è quasi sicuro che ci siano altre perdite, oltre al tratto già rifatto.

Mi chiedeve se allle spese di riparazione o sostituzione dei tratti successivi all'allaccio del primo edificio dovrà partecipare anche lo stesso primo edificio...

grazie

×