Vai al contenuto
cematex

Ripartizione spese servitù di passaggio - il coefficiente di utilizzo a carico della porzione gravata da servitù è giusto?

Buongiorno a tutti.

Avrei bisogno di alcuni chiarimenti e conferme su tabella millesimale

che vado sotto ad elencarvi, effettuate da un tecnico del fondo (servente)

e che non mi sembrano eque e giuste.

La porzione immobiliare in oggetto, è rappresentata da un piazzale asfaltato

ad uso parcheggio e servizio del complesso commerciale,gravato da una servitù

di passaggio x persone e veicoli a favore delle 8 autorimesse poste al piano

seminterrato dell’adiacente complesso residenziale e di 5 autorimesse (magazzini)

del complesso commerciale.

Il piazzale si compone, da un’area pedonale sita a ridosso delle vetrine e degli

accessi al complesso commerciale,da un’area di passaggio e manovra e da un’area

riservata alla sosta dei veicoli di pertinenza dell’attività commerciale.

L’intero piazzale si estende per complessivi mq 684 di cui mq 193 riservati

al passaggio e pertanto gravati da servitù.

Nel calcolo, il tecnico ha ritenuto congruo applicare a carico delle attività commerciali

un coefficiente di utilizzo pari a 0,85 e a carico delle autorimesse un coefficiente

di 0,15 ( da applicare sulla porzione gravata da servitù ).

Tabella millesimale proposta:

proprietà superfice coefficente coefficiente suprfice millesimi

mq di proprietà di utilizzo virtuale di riferimento

 

attività 684 0,718 1,3337 654,996 957,596

commerciale

 

autorimesse

residenziali 684 0,282 0,1503 29,004 42,004

-----------------------------

Totale 684,00 1000,00

 

Le domanda che Vi faccio sono: Il coefficiente di utilizzo a carico della porzione gravata da servitù è giusto?

Il coefficiente di utilizzo è dato dalla discrezione del tecnico o ci

sono delle tabelle già stabilite x legge?

I millesimi delle autorimesse residenziali devono gravare solo sulle 8 autorimesse del complesso residenziale, oppure anche sulle 5 autorimesse (magazzini) del complesso commerciale?

Ringrazio anticipatamente in attesa di risposta.

Salve,

i coefficienti variano a seconda della disposizione delle unità immobiliari. Inoltre il tecnico ha una tabella di coefficienti ma può dare valutazioni diverse riguardo ad un tipo di vano o alla destinazione di esso.

Di fatto le tabelle millesimali scaturiscono non da un 2+2 ma da valori che possono variare. Il valore millesimale non è semplice espressione dei mq di un immobile ma di tanti coefficienti che l'architetto applica o non applica, di fatto alla conclusione egli redige una Relazione Tecnica dove si trova la metodologia usata per far nascere le tabelle.

La tabella deve ricomprendere tutti gli immobili facenti parte del condominio per la redazione della tabella a meno che non vi sia titolo diverso che specifichi ad esempio la non partecipazione spese.

Cordiali saluti.

Ringrazio x la rapidità della risposta.

Ok che la tabella deve ricomprendere tutti gli immobili facenti parte del condominio,

ma quello che non mi è chiaro, se le 5 autorimesse(magazzini)dell’attività commerciale

fanno già parte dei 957,596 millesimi oppure devono essere calcolate nella ripartizione

dei 42,004 millesimi delle autorimesse residenziali.

 

Grazie

..... Il coefficiente di utilizzo è dato dalla discrezione del tecnico o ci

sono delle tabelle già stabilite x legge?

I millesimi delle autorimesse residenziali devono gravare solo sulle 8 autorimesse del complesso residenziale, oppure anche sulle 5 autorimesse (magazzini) del complesso commerciale?

Ringrazio anticipatamente in attesa di risposta.

Appare evidente che il professionista redattore delle tabelle ha constatato "in loco" la situazione reale.

Ben poco si può fare per contestarne il risultato.

 

Anche volendo modificare come da tua intenzione, ben poco cambierebbe.

 

Ti consiglio di consultare le tabelle ed i coefficienti descritti al "solito" link, troverai anche riferimenti giurisprudenziali in materia:

 

http://condomini.altervista.org/CoefficientiMilesim.htm

×