Vai al contenuto
wolverine75

Ripartizione spese ristrutturazione scale e androne

Buongiorno a tutti.

Vi espongo i fatti:

1- Palazzo con due tabelle millesimali Tab. A (proprietà) Tab. B (scale)

2- Ci sono 12 unità immobiliari, di cui 6 con ingresso comune (Tab. B.) e 6 con ingressi esterni (2 negozi e 4 appartamenti)

3- Le tabelle millesimali sono state redatte ante 2000 e sono state approvate all'unanimità.

I lavori da fare interesseranno tutto il vano scale, incluso l'androne (da cui si accede ai 6 appartamenti e al tetto).

In pratica verranno smantellati gli attuali marmi e piastrelle, posizionati nuovi, intonacate e verniciate le pareti dell'intero androne e cassa scale.

Come dividete le spese????

Buongiorno a tutti.

Vi espongo i fatti:

1- Palazzo con due tabelle millesimali Tab. A (proprietà) Tab. B (scale)

2- Ci sono 12 unità immobiliari, di cui 6 con ingresso comune (Tab. B.) e 6 con ingressi esterni (2 negozi e 4 appartamenti)

3- Le tabelle millesimali sono state redatte ante 2000 e sono state approvate all'unanimità.

I lavori da fare interesseranno tutto il vano scale, incluso l'androne (da cui si accede ai 6 appartamenti e al tetto).

In pratica verranno smantellati gli attuali marmi e piastrelle, posizionati nuovi, intonacate e verniciate le pareti dell'intero androne e cassa scale.

Come dividete le spese????

Rifacimento androne con tab A

Dal primo gradino in poi con tabella B

Leonardo il rifacimento delle scale, da ultime sentenze pare ci sia orientamento difforme, perchè non dovrebbero contribuire anche i negozi (con 50% tabella proprietà) se hanno l'accesso al tetto? Il motivo è la presenza di un regolamento che approvato all'unanimità è divenuto contrattuale?

Leonardo il rifacimento delle scale, da ultime sentenze pare ci sia orientamento difforme, perchè non dovrebbero contribuire anche i negozi (con 50% tabella proprietà) se hanno l'accesso al tetto? Il motivo è la presenza di un regolamento che approvato all'unanimità è divenuto contrattuale?

Le tabelle approvate all'unanimità le ritengo contrattuali per chi le ha approvate e pertanto solo un nuovo acquirente potrebbe impugnarle.

Per il resto, per via del poco chiaro art. 1124 circa:

"Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono..."

perfino la Giurisprudenza è discordante se quell' "a cui servono" significa a tutti quelli coperti dal tetto o solo a quelli che lo usano.

La mia opinione è che in primis si applicano le tabelle che derogano il criterio legale; se si dovesse applicare il criterio legale io sono per la partecipazione anche dei negozi perchè sono anche loro comproprietari e quindi compartecipazione al 50% della spesa come da art. 1124.

Grazie del chiarimento. In poche parole bisognerebbe valutare quanto inciderebbe sui negozi tale spesa, perchè litigare per magari 100 euro in più non ne vale la pena e rischiare che il negozio impugni la delibera e si vada avanti con una causa decennale.....siamo in Italia....nulla è mai chiaro e inequivocabile (e meno male che hanno fatto la riforma!!!!)

×