Vai al contenuto
sedda.gino@alice.it

Ripartizione spese riscaldamento- quota variabile e quota fissa.

RIPARTIZIONE SPESE PER RISCALDAMENTO .

Il condominio è composto da due palazzine staccate (A e B) all'interno di un cortile.Nella palazzina B abitano n. 5 famiglie ( due al piano terra. due al primo piano e una nell'attico.L'attico copre interamente i due appartamenti sottostanti.Il locale contenente la caldaia, il bruciatore .ecc. è sistemato nella Pal. A che dista una cinquantina di metri dalla Pal. B. Io abito nella Pal. B e mi sono staccato dall'impianto centralizzato sia per il riscaldamento che per l'acqua sanitaria.

In base alla nuova legge ( D.Lgs. 141/2016 in vigore dal 26/07/2016 che è andato a modificare il D.Lgs 102/2014) non dovrei pagare nulla per i consumi volontari (quota variabile) (gasolio) ma vorrei avere una nozione precisa da quali costi è formata la quota fissa (consumi involontari). In particolare se nella quota fissa rientra sempre una parte del costo del gasolio usato per l'impianto centralizzato e in che percentuale.

Ringrazio

Gigino Sedda

Perchè pensi che quel decreto ti riguardi?

Chi ti ha convinto di ciò?

Il decreto dice che i costi del riscaldamento vanno divisi tra gli utilizzatori finali in base alla norma Uni

o.....

Tu sei un utilizzatore del riscaldamento?

Sei comproprietario e pagherai per la conservazione del bene.

“In altri termini, e in sintesi, […], continuano ad essere obbligati a partecipare alle spese di consumo del carburante o di esercizio […] perché se il costo di esercizio dell’impianto (rappresentato anche dall’acquisto di carburante necessario per l’esercizio dell’impianto) dopo il distacco non è diminuito e se la quota non sarebbe posta a carico del condomino distaccante ...

 

http://www.altalex.com/documents/news/2014/10/03/riscaldamento-centralizzato-condomino-che-si-distacca-concorre-alle-spese

Perchè pensi che quel decreto ti riguardi?

Chi ti ha convinto di ciò?

Il decreto dice che i costi del riscaldamento vanno divisi tra gli utilizzatori finali in base alla norma Uni

o.....

Tu sei un utilizzatore del riscaldamento?

Sei comproprietario e pagherai per la conservazione del bene.

Mi sono informato in giro e il 99% delle ditte che gestiscono la ripartizione delle spese in base alla uni 10200, attribuiscono i consumi involontari anche ai distaccati!

 

Se sedda.gino ha una perizia che attesta che il suo distacco non crea squilibri, puo' essere esentato da tali spese!

Mi sono informato in giro e il 99% delle ditte che gestiscono la ripartizione delle spese in base alla uni 10200, attribuiscono i consumi involontari anche ai distaccati!

 

Se sedda.gino ha una perizia che attesta che il suo distacco non crea squilibri, puo' essere esentato da tali spese!

Secondo me sbagliano.

Occorre che tutti i distaccati quando verrà portata in assemblea la nuova ripartizione che li considera, si oppongano con voto contrario

Quando verrà dimostrato che la delibera è contro legge potranno richiedere la nullità della stessa.

Ciao

Perchè pensi che quel decreto ti riguardi?

Chi ti ha convinto di ciò?

Il decreto dice che i costi del riscaldamento vanno divisi tra gli utilizzatori finali in base alla norma Uni

o.....

Tu sei un utilizzatore del riscaldamento?

Sei comproprietario e pagherai per la conservazione del bene.

i distaccati sono proprietari dell'impianto, quindi corresponsabili dei consumi involontari dell'impianto

×