Vai al contenuto
roberto corazza

Ripartizione spese rifacimento portone

Buongiorno,

da quel che so (art. 1117 c.c.) il portone di un condomino è una "parte comune" dell'edificio e dunque le relative spese (nel caso in questione il rifacimento del portone) andrebbero ripartite (ex legge 1123 c.c.) in proquota tra i proprietari (secondo le tabelle millesimali di possesso).

Nel mio caso, invece, è stata applicata la ripartizione in funzione del piano così che chi abita ai piani alti del palazzo ha pagato cifre molto più rilevanti di chi invece abita ai piani bassi.

Da quel che mi è stato riferito, per applicare criteri di ripartizione diversi da quelli previsti dalla legge ci sarebbe dovuto essere il parere favorevole di TUTTI i condomini, cosa che invece non è avvenuta nel mio caso.

 

ho chiesto chiarimento all'amministratore ma continua a dare risposte sostanzialmente prove di una logica.

volevo dunque sapere due cose:

- mi confermate quanto sopra e cioè che le spese di rifacimento del portone avrebbero dovuto essere ripartite tra i condomini secondo il criterio base delle quote millesimali di possesso

- se quanto sopra è corretto, come posso agire, nei confronti dell'amministratore, per vedere applicati i miei diritti?

 

preciso che trattasi di un normalissimo condominio, senza caratteristiche particolari di alcun tipo: un edificio di 4 piani con un solo portone di ingresso dalla strada, cui si accede alle scale e da queste alle 8 unità abitative.

 

grazie mille,

Roberto

grazie!

dunque, secondo te, come dovrei agire nei confronti dell'amministratore? al momento gli ho solo mandato una mail ricevendo una risposta un pò bizzarra (mi ha risposto che la ripartizione delle spese del mio condominio è stata fatta coerentemente a quanto fatto in un altro condominio....).

in settimana passerò per parlargli di persona ma ho il dubbio che possa non servire... in questo caso, cosa mi consigli?

ancora grazie

Una contestazione ufficiale per raccomandata, in seguito non approvare il bilancio e se dovesse essere approvato, impugnalo.

×