Vai al contenuto
selina

Ripartizione spese rifacimento balconi - e' esatto?

Salve, ho una domanda: nel palazzo in cui abito (ove non c'è un condominio costituito) sono stati preventivati dei lavori di rifacimento balconi e frontalini, con rifacimento del massetto, della guaina e del pavimento degli stessi che risultano ammalorati. Io abito al piano terra e non ho balconi. Ho letto qui sul sito che devo pagare le spese del solo frontalino e del sottobalcone del piano superiore al mio (non ci sono elementi decorativi sugli stessi, sono lineari). E' esatto? Vorrei inoltre sapere come viene ripartita la spesa per i ponteggi visto che verranno usati per un tempo superiore ai miei obblighi per lavori personali dei proprietari dei balconi stessi ( pavimentazione, guaina, massetto...ecc.). Ci sarà una ripartizione o debbo pagare i ponteggi per la mia quota millesimale e per tutta la durata dei lavori? Grazie mille.

Non hai specificato di che tipologia di balconi si tratta.

Se sono aggettanti e senza elementi decorativi, non possedendo balconi non sei tenuto a contribuire alla spesa, neppure per il fronte (mi sembra di capire infatti che sia liscio ed intonacato). Per quanto riguarda la spesa dei ponteggi, se vengono installati per la sola manutenzione dei balconi aggettanti, sarà a carico dei condòmini proprietari dei balconi stessi.

Si scusa l'omissione, i balconi sono aggettanti e non hanno fregi nè decorazioni.

I ponteggi sono per i balconi, c'è da fare anche la pensilina del portone condominiale ma non so se debbono essere usati ponteggi per quella(è a un paio di metri d'altezza).non essendoci condominio né amministratore, se il direttore lavori fa una ripartizione non corretta, come posso tutelarmi?.

Grazie mille!

Le spese per i balconi aggettanti

Cassazione civile, sez. II, 30 luglio 2004, n. 14576

La Corte di Cassazione ha preso in esame la ripartizione delle spese dovute per quanto riguarda i balconi aggettanti affermando che essi costituiscono un "prolungamento" della corrispondente unità immobiliare e, quindi, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa;soltanto i rivestimenti ed elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore, quando si inseriscono nel prospetto dell’edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole, si debbono considerare beni comuni a tutti.

Con la conseguenza che anche nei rapporti con il proprietario di analogo manufatto che sia posto al piano sottostante sulla stessa verticale, nell’ipotesi di strutture completamente aggettanti - in cui si può riconoscere alla soletta del balcone funzione di copertura rispetto al balcone sottostante e, trattandosi di sostegno, non indispensabile per l'esistenza dei piani sovrastanti - non si può parlare di elemento a servizio di entrambi gli immobili posti su piani sovrastanti, nè quindi di presunzione di proprietà comune del balcone aggettante riferita ai proprietari dei singoli piani.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Come considerare il balcone? Chi è proprietario del balcone nel condominio? Un bene condominiale, oppure del singolo condomino?Balconi in condominio: la ripartizione delle spese e l’utilizzo delle parti strutturali.I balconi,esclusi dall’elenco delle parti comuni dell’edificio (art. 1117 c.c.), appartengono come pertinenze ai proprietari degli appartamenti ai quali accedono,insieme alla colonna d’aria sovrastante.

Ringhiere e parapetti dei balconi: Il parapetto ha come scopo l'impedire al proprietario di casa di precipitare sulla strada: quindi é lui che deve occuparsene.Solo quando al balcone sono aggiunti elementi di abbellimento (stucchi, statue, fregi), la loro manutenzione compete all'intero condominio.

Per risolvere ogni qualsiasi interrogativo in materia, bisogna fare una distinzione tra balconi aggettanti e balconi incassati, ossia bisogna valutare attentamente la conformazione dello stabile condominiale.

 

I balconi aggettanti, sono quei balconi che sporgono rispetto alla facciata dello stabile costituendo così un prolungamento della corrispondente unità immobiliare.

Pertanto, essi, così come più volte ribadito dalla Corte di Cassazione ( Cass. 30 luglio 2004 n. 14576), appartengono in via esclusiva al proprietario dell’unità immobiliare de qua; soltanto i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore si debbono considerare beni comuni a tutti, quando si inseriscono nel prospetto dell'edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole.

 

I balconi incassati o a castello invece, sono delle terrazze che formano una rientranza nella facciata dell’edificio, solitamente chiuse su due o tre lati.Essi, così come precisato con sentenza n. 15913 del 2007 dalla Corte di Cassazione, sono di proprietà comune tra il proprietario dell’appartamento del piano superiore, a cui la soletta servirà da piano di calpestio, ed il proprietario dell’appartamento del piano inferiore, a cui la soletta servirà da piano di copertura.

 

Preme inoltre specificare, che la parte frontale, di entrambe le tipologie di balconi, è di proprietà condominiale, qualora essa presenti particolari fregi in grado d’incidere sul decoro architettonico dell’intero stabile.

 

Dunque, avendo effettuate tale distinzione, nel caso di balcone aggettante le spese per la sua manutenzione saranno tutte a carico del proprietario dell’immobile di cui essa costituisce prolungamento.

Inoltre, occorrerà il consenso dello stesso proprietario, ogni qual volta il proprietario dell’appartamento del piano inferiore, rispetto al balcone, vorrà utilizzare la parte inferiore della soletta stessa per agganciare tende da sole, lampade etc ( Cass. n. 15913 del 2007), così come saranno nulle tutte le decisioni assembleari relative al balcone senza il consenso dello stesso.

Nel caso, invece, di balcone incassato le spese per la sua manutenzione e ricostruzione sono sostenute in parti eguali dai proprietari dei due piani l'uno all'altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l'intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto così come previsto dall’art. 1125 c.c.

Salve di nuovo.il mio vicino ha parlato con un amministratore di sua conoscenza il quale , per iscritto ,ha affermato che a me spetta il rifacimento

del sottobalcone e del frontalino sopra di me, piu' la mia parte in millesimi dei ponteggi . è corretto? a chi posso rivolgermi per avere la sicurezza di

cio che mi spetta? posso contattare un perito?.io pensavo che i ponteggi avrei dovuto pagarli per il tempo dei miei lavori , non per il tempo di tutti

i lavori visto che i balconi degli altri piani non mi spettano.

aspetto risposte , grazie ragazzi!

Parlare con un amministratore non è come leggere una sentenza che fa giurisprudenza, quella già citata dal Giglio2;

 

Con la sentenza numero 14576 del 30 luglio 2004 , la Corte di Cassazione ha preso in esame la ripartizione delle spese dovute per quanto riguarda i balconi aggettanti affermando che essi costituiscono un "prolungamento" della corrispondente unità immobiliare e, quindi, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa;

soltanto i rivestimenti ed elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore, quando si inseriscono nel prospetto dell’edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole, si debbono considerare beni comuni a tutti.

Con la conseguenza che anche nei rapporti con il proprietario di analogo manufatto che sia posto al piano sottostante sulla stessa verticale,nell’ipotesi di strutture completamente aggettanti - in cui si può riconoscere alla soletta del balcone funzione di copertura rispetto al balcone sottostante e, trattandosi di sostegno, non indispensabile per l'esistenza dei piani sovrastanti - non si può parlare di elemento a servizio di entrambi gli immobili posti su piani sovrastanti, nè quindi di presunzione di proprietà comune del balcone aggettante riferita ai proprietari dei singoli piani. (Cassazione civile, sez. II, 30 luglio 2004, n. 14576)

Mancando questi elementi (in grassetto) il balcone si intende interamente di proprietà e manutenzione di chi lo calpesta.

×